Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Linguaggio moderno o del web?

24/07/2014

Collegarsi ad Internet permette di collegare memorie informatiche e menti umane, di “immergersi” in una dimensione che oltrepassa la materia. Il monitor, finestra che apre l’universo reale al virtuale, diviene una sorta di confine ideologico che separa da un mondo potenzialmente infinito, un’infinitezza che ospita un panorama frammentato, inquieto e in continuo divenire, che costringe per la sua instabilità a ridiscutere ogni confine stabilizzato o normativo, a modificare le coordinate percettive e a ridiscutere  la separazione tra pubblico e privato che qui si confondono alla stessa stregua del locale e del globale . Internet ha rappresentato una rivoluzione tecnologica al pari della stampa, del telefono, e della radio, un parallelo doveroso in quanto tutti strumenti di comunicazione di massa che, una volta entrati nell’uso, comportarono inevitabili modificazioni adattive sia psicologiche che fisiche che sociali. La stampa, ad esempio, indusse una nuova percezione visiva all’occhio precedentemente educato al manoscritto ma soprattutto legittimò la lettura, grazie alla produzione in serie, fino ad allora appannaggio solo di alcune élite. La rete in particolare ha sviluppato un’orizzontalizzazione della cultura sia nella diffusione delle informazioni, sia nella inedita possibilità di creare informazioni. L’esplosione del web 2.0 ha portato milioni di utenti, dunque, a “connettersi nel collettivo” alla ricerca di una spasmodica presenza visibile ma invisibile nel cyberspazio, luogo del contatto, dello scambio e dell’incontro, una “presenza assente”, smaterializzata dalla fisicità che può assumere dimensioni e risvolti diversi. Indubitabile dunque che oggi l’umanità sia molto più vicina a se stessa anche se lontana. I social network tra cui spiccano Facebook e Twitter, oltre ad una serie di applicazioni per i cellulari, quali Tinder, utili per chattare con sconosciuti hanno finito con il modificare drasticamente le relazioni umane. Da una parte, la connessione è in grado di creare gruppi di forza e potere, si pensi che la primavera araba è cominciata su Twitter dove ha poi raccolto accoliti, dall’altra è in grado di creare dipendenza e dunque patologie psicologiche in alcuni casi anche molto gravi. Pensiamo ancora ad un ulteriore cambiamento che ha riaperto l’antico e controverso dibattito sul rapporto tra oralità e scrittura, già aperto con Platone che nel Fedro definiva la scrittura come una tecnologia aliena (così come nel nostro secolo si è guardato al computer per molti decenni).

 La rete con i social network ha inventato una modalità definita “written speech”, un’oralità scritta con cui si parla scrivendo. Il collante che accorpa i membri (nei forum, blog e come qui vedremo nelle chat lines) è infatti una forma vicaria di un’oralità non concessa, capace di sostituire qualsiasi altra urgenza semiotica che generalmente fonda lo stabilirsi di contatti e contratti. Il parlato viene pertanto silenziosamente ri-scritto, secondo nuove regole. E’ importante ricordare, inoltre, che questo tipo di oralità riscopre una vecchia sensorialità. Secondo alcune tesi, i sensi coinvolti oggi nella comunicazione si allontanerebbero da quello della vista, dopo secoli di primato della “visione alfabetica” (successiva appunto alla diffusione dell’alfabeto e dalla scrittura), per tornare verso il senso dell’udito e la conseguente “visione non-alfabetica” indotta sostanzialmente dal perseverare del mezzo televisivo. Nell’oralità scritta, invece, il primato dell’occhio che legge sostanzialmente stringhe di parole, rimette in discussione tale punto di vista, riabilitando la visione alfabetica propria alla scrittura tradizionale, seppur con ovvie differenziazioni.  La lingua delle chat, in particolare, riproduce una sorta di oralità impoverita, abbreviata, fatta di elementi linguistici e formule non ritrovabili in altri contesti (si pensi alle numerose abbreviazioni pke, tt, ecc… che consentono una scrittura più veloce, alle sgrammaticature consentite, alle risate, ai segregati vocali, emoticon che dettano istruzioni pragmatiche ed emotive ecc.). Risulta, pertanto, oltremodo necessario indagare oggi sugli effetti di ritorno della written speech, ovvero sulle conseguenze che la sinteticità di espressione può avere sulle capacità argomentative e dialettiche dei giovani.  E non solo. Bisognerebbe indagare soprattutto sui cambiamenti comportamentali sia privati che relazionali, sulla necessità mostrata oggi dalla maggior parte dei giovani che vuole essere continuamente presente, osservato, guardato, pubblicizzato (pensiamo alla moda dei selfie) a discapito della riservatezza e dell’intimità che vanno via via scomparendo dai valori di un tempo. Una spettacolarizzazione del sé, dunque, che iniziato in principio con trasmissioni di basso profilo come i reality show, si è esteso poi alla rete stimolando un bisogno aberrante di vetrinizzazione del proprio vissuto, quasi l’epifania di un territorio psichico pervaso dalla paura dell’esclusione che ripropone in maniera moderna l’antico principio dell’horror vacui.

Adele Lamagna - ExtraTime - - Vai alla Home

Postato da

Adele Lamagna

1 articoli finora.
vedi altro...

Altri articoli di questo autore:

    Nessuno

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

L’Associazione Nazionale Commercialisti Salerno aderisce allo sciopero nazionale dei commercialisti di tutta Italia.

Anche l’Associazione Nazionale Commercialisti Salerno decide di aderire e partecipare allo sciopero nazionale annunciato dai sindacati dei commercialisti di tutta Italia...

Al cinema dal 18 luglio "Passpartù - Operazione Doppiozero" di Lucio Bastolla con Veronica Maya

Arriva al cinema dal 18 luglio, “Passpartu’ - Operazione Doppiozero” la divertente commedia di Lucio Bastolla che vede in un cast corale...

#GIFFONI2019 LA 49° EDIZIONE: 19/27 LUGLIO 2019

101 opere, di cui 15 italiane, in concorso nelle 7 sezioni competitive che richiamano a Giffoni Valle Piana (SA) 6200 giurati provenienti da circa 50 Paesi del mondo: 7...

Arriva “Puortame cù te”: il nuovo tormentone dell’estate firmato Frenk

Arriva “Puortame cù te”: il nuovo tormentone dell’estate firmato Frenk
Si intitola “Puortame cù te” il nuovo singolo del trapper...

“Don’t go” il nuovo singolo estivo di KEVS X FRANCESCA MONTE

Francesca Monte, cantautrice, musicista e web star Salernitana, reduce dal successo social di “Un’estate che non finirà” in vetta alle classifiche...

Le Fasi - "Ultima Pagina Special Events" parte da Napoli il 30 marzo 2019

La band partenopea Le Fasi, per festeggiare i suoi 7 anni di attività prima di rinchiudersi in studio e lavorare al nuovo disco, ha lanciato un mini tour dal titolo...

Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future

“Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future”, questo il titolo del convegno che si terrà venerdì 22 marzo presso il...

L’azienda salernitana torna a mettersi in vetrina dal 19 al 23 gennaio

Con un fitto calendario di eventi che mira a diffondere la cultura del caffè in tutte le sue sfaccettature, Trucillo torna al Sigep, il salone mondiale del dolciario...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante