Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Intervista ad Antonio Giordano della compagnia Daltrocanto

06/02/2016

La compagnia Daltrocanto nasce dalla comune passione per la musica popolare che nel solco della tradizione si apre a sonorità diverse e nuove, reinterpretando in modo originale e attuale il repertorio di canti e balli proprio della tradizione della Campania e del sud Italia.
La compagnia ha organizzato, lo scorso weekend, un tour musicale/cultrìurale con la straordinaria partecipazione del cantautore Alberto Bertoli.
Abbiamo intervistato Antonio Giordano (componente della compagnia Daltrocanto) sull’evento ma anche su alcune curiosità sulla compagnia.


Antonio, si è conclusa sabato scorso la tre giorni dedicata alla cultura e alla musica popolare, ideata ed organizzata dall’associazione Daltrocanto, che ha avuto come ospite Alberto Bertoli. Com’è stato lavorare con un artista del suo calibro? Che tipo di sound è venuto fuori dal mix di due linee musicali così vicine ma anche così diverse (avendo, Alberto, un approccio più rock con la musica folk)?
"Con Alberto, ormai, c’è un rapporto che è nato con la nostra partecipazione al premio dedicato a Pierangelo Bertoli. Sono stati tre giorni di musica dove è venuto fuori un incrocio di musica davvero particolare, tra la sua chitarra e la sua voce e i nostri strumenti che partono come sempre dalla tradizione. Quindi è stato un incrocio ed un viaggio molto particolare e sembra che anche il pubblico abbia gradito e questo ci consentirà in futuro di costruire nuovi viaggi comuni con concerti che faremo insieme".

Durante l’evento, il pubblico come ha reagito alla vostra esibizione? Come l’avete coinvolto nella vostra musica?
"Il pubblico ha risposto alla grande, soprattutto nel concerto tenutosi al Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano c’è stata una grande partecipazione di pubblico e di entusiasmo, in particolare quando Alberto ha intonato i brani di suo padre Pierangelo. Quindi questo ci indurrà a proporre nuovi concerti insieme ad Alberto Bertoli, anche perché, come dicevo, gli intrecci tra la sua voce e la sua chitarra e i nostri strumenti più tradizionali sembra siano stati molto graditi e sia venuto un sound molto particolare che in futuro potrà crescere in modo da proporre delle esibizioni comuni tra Bertoli e la compagnia Daltrocanto."

Parliamo adesso della compagnia Daltrocanto. Voi siete un gruppo prettamente popolare, come riuscite ad avvicinare delle sonorità appartenenti alla tradizione campana e meridionale ai suoni più nuovi e diversi?
"Il percorso della compagnia Daltrocanto è sicuramente quello di una ricerca nella tradizione popolare nel sud Italia. Ricordiamo che la compagnia Daltrocanto è al suo decimo anno di attività muisicale e di ricerca che ci ha portato a trovare nuove sonorità, sempre partendo dai nostri punti chiave che sono gli strumenti della tradizione come la zampogna, la ciaramella, ma in questi anni altri strumenti sono intervenuti nel nostro suono come il violino, il mandoloncello, il dulcimer, e ampliando le percussioni con l’aggiunta del cajon, oltre alla tammorra e il tamburello. Insomma, una ricerca che ha cercato di arrivare ad un prorio sound definitivo.

Con la vostra musica cercate in qualche modo di affermare la vostra identità locale, questo però non intacca con lo scambio interculturale con altri “mondi”, tant’è che, nella compagnia, sono presenti strumenti appartenenti a varie etnie. È così?
Sì, certo, l’intento è proprio questo. Rimanere ancorati alle proprie radici non deve impedire di poter esplorare nuovi suoni e strumenti. Questa è una ricerca continua sia dal punto di vista dei suoni che dal punto di vista degli strumenti per far sì che venga fuori un sound che possa rappresentare tutta la nostra voglia di fare musica ma anche che dentro questi suoni ci sia tanto sud. La musica riesce ad unire tante etnie diverse e questo è quello che noi cerchiamo di proporre al nostro pubblico".

È da poco uscito il vostro ultimo lavoro, “Tra le pieghe di un cielo stellato”. In questo album avete mantenuto le stesse idee musicali di sempre o avete ritenuto necessarie delle novità?
"Questo ultimo disco possiamo definirlo come punto di arrivo della nostra ricerca musicale. Un punto di arrivo non definitivo, perché la nostra ricerca continua anche nelle elaborazioni di testi".

Ultima domanda: Quali sono i progetti per il futuro?
"Nei prossimi mesi uscirà un nuovo album della compagnia Daltrocanto con tutti brani di propria produzione, a partire da quello che per noi è stato un brano che ci ha dato grande risalto “ninna nanna ai 700”, dove siamo partiti da una suonata di zampogne che trae origine dalla novena di Natale che viene eseguita con una zampogna a cinque palmi in particola in Lucania fino ad arrivare al canto finale che viene dalla tradizione africana. Quindi un intreccio di suoni ed emozioni in questo nostro futuro album".

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Solidarietà, D’Avenia: “Acquistate nuove mascherine grazie al successo del crowfunding lanciato dal Centro Studi Super Sud”

Nella difficile battaglia contro il contagio da Coronavirus ogni contributo fatto con entusiasmo ha un valore enorme. Ne è la prova il crowfunding lanciato dal Centro...

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante