Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Intervista ad Antonio Giordano della compagnia Daltrocanto

06/02/2016

La compagnia Daltrocanto nasce dalla comune passione per la musica popolare che nel solco della tradizione si apre a sonorità diverse e nuove, reinterpretando in modo originale e attuale il repertorio di canti e balli proprio della tradizione della Campania e del sud Italia.
La compagnia ha organizzato, lo scorso weekend, un tour musicale/cultrìurale con la straordinaria partecipazione del cantautore Alberto Bertoli.
Abbiamo intervistato Antonio Giordano (componente della compagnia Daltrocanto) sull’evento ma anche su alcune curiosità sulla compagnia.


Antonio, si è conclusa sabato scorso la tre giorni dedicata alla cultura e alla musica popolare, ideata ed organizzata dall’associazione Daltrocanto, che ha avuto come ospite Alberto Bertoli. Com’è stato lavorare con un artista del suo calibro? Che tipo di sound è venuto fuori dal mix di due linee musicali così vicine ma anche così diverse (avendo, Alberto, un approccio più rock con la musica folk)?
"Con Alberto, ormai, c’è un rapporto che è nato con la nostra partecipazione al premio dedicato a Pierangelo Bertoli. Sono stati tre giorni di musica dove è venuto fuori un incrocio di musica davvero particolare, tra la sua chitarra e la sua voce e i nostri strumenti che partono come sempre dalla tradizione. Quindi è stato un incrocio ed un viaggio molto particolare e sembra che anche il pubblico abbia gradito e questo ci consentirà in futuro di costruire nuovi viaggi comuni con concerti che faremo insieme".

Durante l’evento, il pubblico come ha reagito alla vostra esibizione? Come l’avete coinvolto nella vostra musica?
"Il pubblico ha risposto alla grande, soprattutto nel concerto tenutosi al Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano c’è stata una grande partecipazione di pubblico e di entusiasmo, in particolare quando Alberto ha intonato i brani di suo padre Pierangelo. Quindi questo ci indurrà a proporre nuovi concerti insieme ad Alberto Bertoli, anche perché, come dicevo, gli intrecci tra la sua voce e la sua chitarra e i nostri strumenti più tradizionali sembra siano stati molto graditi e sia venuto un sound molto particolare che in futuro potrà crescere in modo da proporre delle esibizioni comuni tra Bertoli e la compagnia Daltrocanto."

Parliamo adesso della compagnia Daltrocanto. Voi siete un gruppo prettamente popolare, come riuscite ad avvicinare delle sonorità appartenenti alla tradizione campana e meridionale ai suoni più nuovi e diversi?
"Il percorso della compagnia Daltrocanto è sicuramente quello di una ricerca nella tradizione popolare nel sud Italia. Ricordiamo che la compagnia Daltrocanto è al suo decimo anno di attività muisicale e di ricerca che ci ha portato a trovare nuove sonorità, sempre partendo dai nostri punti chiave che sono gli strumenti della tradizione come la zampogna, la ciaramella, ma in questi anni altri strumenti sono intervenuti nel nostro suono come il violino, il mandoloncello, il dulcimer, e ampliando le percussioni con l’aggiunta del cajon, oltre alla tammorra e il tamburello. Insomma, una ricerca che ha cercato di arrivare ad un prorio sound definitivo.

Con la vostra musica cercate in qualche modo di affermare la vostra identità locale, questo però non intacca con lo scambio interculturale con altri “mondi”, tant’è che, nella compagnia, sono presenti strumenti appartenenti a varie etnie. È così?
Sì, certo, l’intento è proprio questo. Rimanere ancorati alle proprie radici non deve impedire di poter esplorare nuovi suoni e strumenti. Questa è una ricerca continua sia dal punto di vista dei suoni che dal punto di vista degli strumenti per far sì che venga fuori un sound che possa rappresentare tutta la nostra voglia di fare musica ma anche che dentro questi suoni ci sia tanto sud. La musica riesce ad unire tante etnie diverse e questo è quello che noi cerchiamo di proporre al nostro pubblico".

È da poco uscito il vostro ultimo lavoro, “Tra le pieghe di un cielo stellato”. In questo album avete mantenuto le stesse idee musicali di sempre o avete ritenuto necessarie delle novità?
"Questo ultimo disco possiamo definirlo come punto di arrivo della nostra ricerca musicale. Un punto di arrivo non definitivo, perché la nostra ricerca continua anche nelle elaborazioni di testi".

Ultima domanda: Quali sono i progetti per il futuro?
"Nei prossimi mesi uscirà un nuovo album della compagnia Daltrocanto con tutti brani di propria produzione, a partire da quello che per noi è stato un brano che ci ha dato grande risalto “ninna nanna ai 700”, dove siamo partiti da una suonata di zampogne che trae origine dalla novena di Natale che viene eseguita con una zampogna a cinque palmi in particola in Lucania fino ad arrivare al canto finale che viene dalla tradizione africana. Quindi un intreccio di suoni ed emozioni in questo nostro futuro album".

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Le Fasi - "Ultima Pagina Special Events" parte da Napoli il 30 marzo 2019

La band partenopea Le Fasi, per festeggiare i suoi 7 anni di attività prima di rinchiudersi in studio e lavorare al nuovo disco, ha lanciato un mini tour dal titolo...

Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future

“Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future”, questo il titolo del convegno che si terrà venerdì 22 marzo presso il...

L’azienda salernitana torna a mettersi in vetrina dal 19 al 23 gennaio

Con un fitto calendario di eventi che mira a diffondere la cultura del caffè in tutte le sue sfaccettature, Trucillo torna al Sigep, il salone mondiale del dolciario...

D. L. 119/2018 e Legge di Bilancio. Lo scenario Fiscale 2019. Primo convegno sulla Legge di Bilancio a Salerno organizzato dall’ANC

Si terrà domani, venerdì 18, il primo convegno dell’anno 2019 organizzato dall’Associazione Nazionale Commercialisti Salerno che si terrà, alle...

Premiazioni vincitori contest EURE?A: educazione finanziaria e disabilità cognitive. Un salernitano tra i vincitori

Favorire l’autosufficienza economica delle persone affette da lievi disabilita? cognitive: questo è l'obiettivo che si è posto il bando “Eureka”,...

Befana anticipata dell’ANC Salerno per i bambini del “Ruggi” di Salerno

L’epifania arriva in anticipo all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona di Salerno grazie alla solidarietà dell’Associazione Nazionale...

XII edizione Salerno Sport Day. La manifestazione salernitana dedicata agli sport migliori

Come ogni dicembre che si rispetti, anche quest’anno Salernitana Sporting organizza nel pomeriggio di oggi, presso il Grand Hotel Salerno alle ore 17.37, la XII edizione...

Il trap diventa salernitano e si tinge di rosso con “Ferrari”. Nuovo singolo di Frenk

Frenk torna sulla scena musicale con un nuovo brano dal titolo “Ferrari”, un singolo coinvolgente dal sound elettronico e da bpm rallentati, atmosfere dark e...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante