Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Braccialetti Rossi: prima serie Teendrama in prima serata, che ha sorpreso anche Steven Spielberg

27/05/2014

"Dimmi chi conta davvero, almeno che forse mi addormento, dimmi chi conta davvero adesso che ho un braccialetto Rosso Anch'io" è questo quello che si sente scorrendo tra le note e sullo sfondo ci sono 6 ragazzi spensierati e felici. La nuova mini-serie andata in onda su Rai Uno per 6 puntate è il remake Italiano della Serie catalana "Polseres ver melles, e liberamente tratta dal soggetto del libro dello Scrittore Albert Espinosa. Giacomo Campiotti regista cinematografico, passa magnificamente alla Fiction per raccontare una storia drammatica. La serie appunto, chiamata Braccialetti Rossi narra le vicende di 6 ragazzi che per vari motivi si trovano ricoverati in ospedale (Leo,Vale, Cris, Davide Toni e Rocco). Questi 6 ragazzi saranno per tutta la stagione al centro del racconto drammatico della serie. Attraverso gli occhi di uno dei protagonisti, ricoverato da mesi (Rocco), un ragazzino di 11 anni che da otto mesi in coma racconterà tutte le vicende della serie. La vera novità di questa serie proposta appunto in prima serata, per 6 domeniche successive e ad un pubblico non giovanissimo, è stata, in realtà, l'esperimento di voler raccontare qualcosa di diverso sulla prima Rete Rai (In genere seguita da un pubblico più anziano). Non è assolutamente la classica serie a parlare di dolore, ma che attraverso la storia di un gruppo di ragazzi affronta un tema molto complesso e che allo stesso tempo riesce a dare forti emozioni, facendo identificare buona parte degli spettatori nei personaggi principali.I ragazzi e i loro problemi verranno fuori con toni molto drammatici, ma durante le puntate verrà fuori la vera unione, ma anche l'esuberanza e l'incoscienza di alcuni gesti da parte dei ragazzi. La serie, dice il regista "E una sorta di racconto prolungato su i Ragazzi della Via Pal", ma quello che riesce a esprimere sicuramente è un messaggio che va al di là della vita. Un messaggio universale basato sull'amicizia e sulla stima reciproca tra le persone. E' bello notare come in questa serie, gli adulti, almeno per una volta, siano solo lo sfondo e un pò il riflesso di quello che succede ai ragazzi senza intervenire nella trama principale. Mi ha particolarmente colpito la storia di uno dei protagonisti, Davide detto "Il Bello" che ha 15 anni. Lui ha problemi al cuore, nonostante la giovane età ha una forte passione per il rock e un giorno vorrebbe diventare calciatore. Durante una normale partita di pallone, nel primo episodio, cade spaventosamente a terra, non riesce più a rialzarsi; Viene portato in ospedale,ma non è stato un normale giramento di testa. Quando viene ricoverato in Ospedale è scontroso, quasi non vuole restarci in quel brutto postaccio, si domanda che cosa ci fa li e come lo gaurderanno gli altri, se resterà per molto tempo in ospedale ? Magicamente alla fine diventa un ragazzo affettuoso e sincero che riesce a fare gruppo assieme agli altri. Pian piano dopo numerosi interventi chirurgici, i ragazzi dell'ospedale pediatrico si ritroveranno insieme; Tutti quanti in realtà si stringeranno vicino a Rocco creando un motto che li unisce la parola "Watanka" che indica, l'unione, la forza e il coraggio di rimanere amici anche quando si soffre, la fiction oltre a questo aspetto unisce anche una parte un pò surreale. Toni, uno dei protagonisti, infatti parla con Rocco, solamente che Rocco non è in uno stato cosciente e quindi come fanno in realtà loro a comunicare ? Questo rimane un mistero per tutta la serie. La serie è abbastanza forte e ha fatto piangere davvero tante persone, ha avuto molto successo, non è stata vista solo dai più piccoli o dagli anziani, ma da diverse fascie d'età. Lo conferma l'ottima media di ascolta, oltre 6 milioni di spettatori in media in prima serata, letteralmente incollati allo schermo. Molto insolito per una mini-serie in Italia; davvero allora credo che questa mini-serie abbia segnato una linea positiva per il pubblico che fruisce di questi prodotti audiovisivi.Quando una serie, ha cosi tanto successo, il merito sicuramente va al cast tecnico e artistico e all'atmosfera magica che si è creata sul set. Le buone notizie al produttore della Serie, Carlo degli Espositi, non finiscono qui. Un giorno Steven Spielberg, guardando la serie se ne innamora improvvisamente e decide di comprarla, davvero una buona sorpresa per tutti i vertici della Palomar. Oltre 200 mila fan su facebook che attraverso i Social Network interagiscono con la Serie. La serie in America verrà prodotta per il canale ABC ed è stata scelta proprio la versione remake italiano, si chiamerà The Red Band Society" e affronterà gli stessi argomenti di quella Italiana. Riuscirà Steven Spielberg nell'operazione che è riuscita l'Italia, pur non aspettando questo risultato ? E' tutto da vedere, nel frattempo in Italia è in scrittura la seconda stagione ed è stata confermata la seconda stagione con inizio riprese a fine Luglio.

Roberto Altavilla - ExtraTime - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Solidarietà, D’Avenia: “Acquistate nuove mascherine grazie al successo del crowfunding lanciato dal Centro Studi Super Sud”

Nella difficile battaglia contro il contagio da Coronavirus ogni contributo fatto con entusiasmo ha un valore enorme. Ne è la prova il crowfunding lanciato dal Centro...

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante