Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Holy Motors: controversa genialità

06/11/2014

“Che cosa la spinge a continuare, Oscar?”
“Continuo, come ho iniziato. Per la bellezza del gesto”
“La bellezza? La bellezza si dice si trovi nell’occhio, nell’occhio di chi guarda.”
“E se nessuno guarda più?”


Titolo: Holy Motors.
Regista/Sceneggiatore: Leos Carax.
Anno: 2012
Lingua: Francese
Attori principali: Denis Lavant, Edith Scob, Eva Mendes, Kylie Minogue, Leos Carax.


Parigi, un uomo che interpreta vari personaggi calati in situazioni di vita differenti e distinte tra loro.
Il film è incentrato sulle identità diverse interpretate dal protagonista (Denis Lavant), sulle azioni che svolge e sulle missioni (chiamate “appuntamenti nel film) che deve portare a termine. In maniera del tutto improvvisa e casuale egli cambia personaggio, non sembra esserci un nesso tra i tanti che interpreta: un uomo d’affari, un mendicante, un attore in registrazione di un film in motion capture, un essere mostruoso, un killer, un uomo sul letto di morte, un padre di famiglia… trasportato da una limousine bianca da un lavoro ad un altro. Il film prosegue fino alla fine con molte altre interpretazioni in molte altre storie distinte le une dalle altre (per la precisione durante il film interpreta in tutto 11 identità). Difatti due delle cose che colpiscono di più sono proprio la versatilità, e l’interpretazione stra-ordinaria di Denis Lavant, poiché va propriamente fuori dall’ordinario la strutturazione del film stesso. Tutti i ruoli sono ad alto livello recitativo nonostante le diverse personalità. E’ come se le scene non si susseguissero ma facessero parte di tanti pezzi di storie messi assieme uno accanto all’altro. Dare un significato univoco a questo film è tutt’altro che semplice: le scene si prestano a qualsiasi tipo di interpretazione anche perché molte di esse non sembrano avere alcun senso, tra di loro, ma anche al livello logico-discorsivo in alcuni dialoghi.
Alcune scene sfiorano il nonsense, sono surreali, a tratti violente e fortemente esplicite sessualmente parlando.
Un’altra cosa che colpisce sono i particolari di alcune scene che solo dopo un’attenta visione o re-visione del film si possono notare. Un particolare che mi ha colpito particolarmente in una scena è stato questo della tomba: l'essere mostruoso cammina attraverso un cimitero e sulle tombe ci sono delle scritte un po' insolite, in particolare su una c'è scritto "VISIT MY WEBSITE
WWW.TOBEORNOTTOBE.COM”.

Molte scene di questo film, come quella di cui sopra, lasciano spazio a interpretazioni sia di tipo “estetico” sia di tipo simbolico. La scena del cimitero può semplicemente essere una burla, quindi una scena presa per quella che è: pura estetica che denota una chicca di humor nero; oppure può voler significare come la spettacolarizzazione della morte venda nel mondo dell’informazione (mia personale interpretazione).

Altri particolari sono quelli della scena iniziale del film in cui si vede il regista stesso che si sveglia alzandosi da un letto e, percorrendo la stanza presumibilmente di casa sua, va per aprire una parete con una specie di chiave a forma di serratura attaccata al dito; dopo aver aperto la parete entra in un cinema, precisamente sugli spalti superiori, al di sopra di quelli inferiori con tanto di pubblico e film in proiezione. Due particolari che mi hanno colpito sono: un bambino che percorre il corridoio della sala sottostante (il quale si vede in secondo piano in una scena); il secondo è un primo piano su un mastino, enorme, che percorre anch’esso il corridoio della sala molto lentamente.

A questi due particolari devo ancora dare una mia chiara interpretazione personale. Posso solo supporre ad esempio che il bambino può significare l’inizio della vita del film, l’incipit, il momento in cui il film inizia a crescere; il mastino è puramente una scelta estetica, perché, almeno personalmente, non sono proprio riuscito ad associarlo a nessun tipo di idea se non ad un’idea di pomposità e sfarzo artistico.
Vorrei soffermarmi un attimo sul personaggio, a mio parere, più stravagante del film ovvero l’essere mostruoso. Esso è un po’ Mr Hyde, sostanzialmente un pazzoide che si diletta alla violenza gratuita verso le persone che incontra casualmente per strada. La classica figura dell’outcast, del diverso ed emarginato, presente in molte altre storie. Questo personaggio però è un po’ diverso da questa classica figura: fa azioni assurde come ad esempio il rapire una modella (Eva Mendes) in pieno servizio fotografico per poi portarla in una grotta sotterranea e mangiarle i capelli, completamente nudo, ed altre che di cui non faccio spoiler. A differenza del solito outcast io ci ho visto un emarginato, diverso ma per scelta: lui disprezza la società, infatti si comporta in modo violento, e non se ne dispiace, né è triste al riguardo, è quasi inespressivo; in più la scelta di non farne parte è evidente nel suo sottrarsi al servizio fotografico, facendo del male ad una giornalista.
Insomma un film sicuramente controverso, su cui si può dibattere a lungo.
La genialità di questa pellicola, a mio parere, oltre alla trama molto originale delle diverse identità nella storia, sta nella capacità di mantenere incollato lo spettatore, (chi ovviamente ne rimanga incuriosito e allietato) nella disperata ricerca di decodifica del messaggio filmico, ovvero capire cosa c’è dietro tutte queste storie, perché a me è parsa sussistere una storia in background che fa da sfondo all’intero film, ma non si riesce a comprendere fino in fondo se è l’ennesima interpretazione teatrale, o la realtà. Ecco perché, infine, il vero tema fondante di tutto il film è il comprendere dove e se finisce la finzione ed inizia la vita reale. C’è questa relazione fortissima tra finzione e realtà, ma dai contorni sfocati. Forse la realtà è proprio all’interno delle “Holy Motors”, le limousine bianche che sono un tramite tra il mondo della finzione e il mondo della realtà, e lo spettatore si sente a bordo di questo mezzo, come fosse aggrappato all’unico spiraglio di realtà fuggevole, rinchiusa in un cambio di scena tra una rappresentazione di un’identità e l’altra.

 

 

Antonio Carmando - ExtraTime - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Solidarietà, D’Avenia: “Acquistate nuove mascherine grazie al successo del crowfunding lanciato dal Centro Studi Super Sud”

Nella difficile battaglia contro il contagio da Coronavirus ogni contributo fatto con entusiasmo ha un valore enorme. Ne è la prova il crowfunding lanciato dal Centro...

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante