Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

O. C.: il teen drama degli anni duemila

13/04/2015

Marissa: So, what do you think of Newport?
Ryan: I think I could get into a lot less trouble where I'm from.
Marissa: You have no idea.

Ryan: Welcome to the dark side.


Titolo: The O. C.
Anno: 2003-2007
Genere: teen drama
Ideatore: Josh Schwartz
Attori principali: Peter Gallagher (Sandy Cohen), Kelly Rowan (Kirsten Cohen), Ben McKenzie (Ryan Atwood), Mischa Barton (Marissa Cooper), Adam Brody (Seth Cohen), Rachel Bilson (Summer Roberts), Chris Carmack (Luke Ward), Tate Donovan (Jimmy Cooper), Melinda Clarke (Julie Cooper), Alan Dale (Caleb Nichol)


Ho spesso sentito critiche negative mosse a questa serie per quanto riguarda la recitazione e gli intrecci narrativi.
Posso essere d’accordo riguardo la storia solo dalla metà della terza stagione in poi, in quanto perde molto della sua forza di intrattenimento da quel punto fino alla fine.
Sulla recitazione non ci si può proprio lamentare: gli attori, a mio avviso, sono ben calati nei loro ruoli di adolescenti e di adulti senza mai peccare di poca credibilità. Inoltre rispondono bene agli eventi della narrazione, stupendi o catastrofici che siano.

La storia narra le vicende un ragazzo di nome Ryan Atwood, che, avendo aiutato il fratello a rubare una macchina, viene arrestato per complicità. L’avvocato Sandy Cohen che aiuta a scagionarlo realizza che il giovane non ha nessuno che possa prendersi cura di lui, avendo una mamma alcolizzata e un fratello in carcere. Decide così di ospitarlo nella sua lussuosa villa a Newport Beach (Orange County, da cui prende il nome la serie) in California.
Qui farà la conoscenza della moglie dell’avvocato, Kirsten, e del loro figlio solitario Seth.

Ryan è il vero protagonista della storia anche se essa è ben incentrata su tutti i personaggi principali, compresi i genitori dei rispettivi quattro protagonisti.
Egli funge da motore della narrazione, irrompendo nella routinaria e noiosa vita degli altri personaggi, i quali vivono solo all’insegna del lusso e del vizio.
Avendo un difficile passato e delle origini umili, Ryan si trova ad essere inizialmente un emarginato in un mondo in cui si dà solo importanza all’apparenza.
Egli si trova così fuori dalla sua città natia, Chino, all’interno della quale doveva fare i conti quotidianamente con gente violenta e farabutti di qualsiasi genere. Successivamente si ritrova catapultato a Newport, la quale è totalmente differente. Quello di cui si renderà conto Ryan è che, sotto quello strato di buona apparenza e di falsi sorrisi, si nasconde un “lato oscuro” come lo chiama lui stesso. Forse ancora più oscuro di quello di Chino.

Si troverà quindi a cambiare le vite delle persone che incontrerà, portando un po’ di umiltà e facendo uscire Seth dalla sua vita solitaria fatta di fumetti e videogiochi, diventando così migliori amici.
Le altre due protagoniste, che completano il quartetto di personaggi principali, sono Marissa e Summer.
La prima diventerà l’amore principale nella vita di Ryan e sarà un personaggio chiave di molte vicende nella sua vita.
Summer è invece l’amata di Seth, mai ricambiata fino all’arrivo di Ryan nella sua vita. Egli non solo riesce a sbloccare la sua vita sociale, lasciandolo aprire con gli altri, ma fa sì che Seth parli con Summer e riesca a conquistarla. Quest’ultima all’inizio è la meno umile del gruppo, molto legata all’ambiente della moda e alle cose più futili. Ma cambierà anche lei a contatto con Ryan dimostrando i suoi lati positivo e lasciandosi alle spalle il lato snob.

Come ogni teen drama tratta di tematiche forti come alcolismo, droga, sesso, omosessualità e violenza osservate dal punto di vista dei teenager.
Vorrei fare un paragone per far capire al meglio come questa serie sia calata perfettamente negli anni duemila.
A differenza ad esempio di “Dawson’s Creek”, di cui ho parlato nella mia scorsa recensione, i dialoghi sono molto più spinti e c’è più presenza di turpiloquio anche se non in maniera eccessiva, tanto da risultare abbastanza realistica.
Le espressioni linguistiche sono tipicamente giovanili a differenza dell’altra serie, le quali facevano parte prettamente di un mondo adulto più che adolescenziale.
Inoltre le azioni e le reazioni dei personaggi in “The O. C.” sono spesso azzardate, impulsive come reagirebbero appunto degli adolescenti.
La differenza tra queste due serie è che sono calate in anni differenti. “Dawson’s Creek” non avrebbe lo stesso successo che ha avuto negli anni Novanta se fosse trasmesso negli anni duemila, viceversa anche “The O. C.”, ma questo è banale e scontato.
Gli anni passano e cambiano gli usi, i costumi e la società intera che è sempre in continua evoluzione.

Una parte considerevole dello spazio narrativo è lasciato anche agli adulti che, specialmente in questa opera televisiva, sono tutto fuorché i saggi della storia, tranne qualche raro esempio come Sandy.
Vengono indagati tutti i loro difetti e i loro errori riguardanti il tradimento, l’alcolismo e la vendetta.
A differenza di “Dawson’s Creek” non solo i dialoghi, come ho già osservato, ma anche le tematiche sono rese in maniera forte e disinvolta con vicende principali ma anche secondarie che fanno da sfondo.
Troveremo i nostri personaggi molto spesso all’interno di feste dove ci si ubriaca ma, soprattutto, ci si droga come fossero azioni comuni, difatti le reazioni dei protagonisti non sono per niente eccessive.
L’alcolismo, la droga e l’omosessualità non solo sono vissute dai protagonisti come partecipanti a questi problemi, ma anche come vittime dirette.
Questa è una nota positiva perché ci fa scorgere un po’ di più la nuda e cruda realtà di queste gravi situazioni.

“The O. C.” è e rimane per me uno serie molto piacevole che mi ha accompagnato durante la mia adolescenza e che mi ha fatto molto riflettere sulle problematiche di natura relazionale. Anche se può sembrare a prima vista un’opera molto disimpegnata al livello di significato, non lo è affatto. Questo poiché indaga a fondo nella vita di tutti i giorni degli adolescenti facendoci “mimetizzare” e, quindi, calare meglio nei panni dei personaggi senza tuttavia mancare di lati tecnici che fanno buona una narrazione seriale. Questi da ricondurre ad una buona recitazione accostata a dialoghi e situazioni divertenti o drammatiche mai scontate, girate in maniera discreta con piacevoli sottofondi sonori che accompagnano in modo egregio le scene più significative.

 

 

Antonio Carmando - ExtraTime - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Solidarietà, D’Avenia: “Acquistate nuove mascherine grazie al successo del crowfunding lanciato dal Centro Studi Super Sud”

Nella difficile battaglia contro il contagio da Coronavirus ogni contributo fatto con entusiasmo ha un valore enorme. Ne è la prova il crowfunding lanciato dal Centro...

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante