Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Black Mirror, 1x01 “The National Anthem”: Lo specchio nero della nostra vita nell’era digitale

22/12/2014

“This is a joke, uh? Ah-ah, Michael.”
“It’s real.”

Titolo: Black Mirror
Paese: Regno Unito
Anno: 2011- in corso
Genere: Drammatico, fantascienza, satira
Ideatore: Charlie Brooker


Vincitrice nel 2012 dell’”International Emmy Awards” come miglior miniserie, Black Mirror è una serie antologica composta da tre puntate per due stagioni, con uno special per il Natale 2014. Ogni puntata è praticamente un film dalla durata di 60 minuti circa, con trama e personaggi diversi.
Il filo conduttore che le unisce è un elemento onnipresente nella nostra società dell’era digitale: il potere dello schermo nero.
In particolare volevo analizzare i primi due episodi: “The National Anthem (Messaggio al Primo Ministro)” e “15 Millions of Merits (15 milioni di celebrità)”. Quest’ultimo lo tratterò nel prossimo articolo.
Il primo parla di un ricatto al Primo Ministro inglese, Michael Callow: una bambina, la quale è una principessa molto cara alla famiglia reale inglese, viene rapita e come riscatto viene chiesto al politico di… avere un rapporto sessuale completo con un maiale in diretta nazionale.
Sì, avete capito benissimo.

Il dilemma dell’accogliere o meno queste condizioni, come vedremo, non è tanto il rapporto fisico con l’animale, quanto la lesione dell’immagine di Michael, figura di spicco per l’intera nazione. La vera paura è la perdita della “faccia” della persona, la distruzione della vita sociale e politica di un uomo.
Durante l’episodio noterete un continuo, incessante rapporto con lo schermo, che sia quello di una televisione, di uno smartphone, di un computer o di un tablet. Tutto è monitorato, sempre. Il mondo dell’informazione abitato da giornalisti sciacalli che non fanno altro che raccogliere a tutti i costi notizie. Non mancherà infatti la vendita del proprio corpo, il rischio di morte, l’approfittarsene delle persone solo per perseguire i propri scopi. Tutto per le pubblicazioni, ogni cosa finalizzata ad essere rappresentata e spettacolarizzata attraverso uno schermo nero, in attesa di essere acceso e che la gente vi si sintonizzi.
La serie, ma questo episodio in particolare, può essere visto come un “Sesto Potere”, il potere di Internet. La rete delle reti che coinvolge, monitora, manipola e rende tutti gli esseri umani più vicini, sempre in contatto tra di loro. Un potere sconfinato che può sembrare un mezzo di dominio, più di quanto lo siano stati gli altri media. Eppure pensate che Internet è il mezzo più democratico di tutti, abbastanza controllato dal basso e poco soggetto al dominio. Tutti siamo uguali, in continua interazione tra di noi. Eppure Black Mirror rappresenta una forte critica a questo mondo. Ma non è tanto l’universo digitale con i suoi specchi e i suoi schermi ad essere criticato. Siamo e sempre saremo noi a fare uso delle tecnologie, non il contrario. Sono pur sempre macchine, è una nostra scelta il come gestirle. La schiavitù professata da alcuni non integrati nell’era digitale, è una pura illusione. I media, in questo caso Internet, si integra alla nostra vita creandone una seconda invisibile che costituisce la realtà mediatica. Siamo davanti allo specchio nero dello schermo che sdoppia la nostra vita creando quella seconda e invisibile esistenza. La schiavitù, specialmente con Internet, secondo la mia opinione, non è contemplata. Ci sono le visioni negative, le critiche costruttive dei soggetti e sicuramente un certo tipo di manipolazione da parte di aziende emittenti. Ma siamo pur sempre noi che scegliamo cosa vedere, ad interagire con i media e con eventuali utenti. Creiamo la nostra “immagine allo specchio nero”. Il potere della rete è un potere eccezionale secondo questo punto di vista, eppure nella serie è evidenziata una invettiva fortissima con venature drammatiche. La vera critica è rivolta a noi. In questo caso ai giornalisti, al nostro attaccamento al denaro tramite una vendita forsennata, alla nostra ipocrisia. In particolare quest’ultima è data in una scena da una frase di una ragazza davanti ad uno schermo che dice “No, non posso vedere” sbirciando tra le dita della mano appoggiata davanti agli occhi. Un desiderio sociale di condivisione che esprime una forte contraddizione: “non voglio vedere, ma vedo”. La visione forzata è data dal voler osservare il proibito anche se non ci piace, o non è permesso moralmente che ci piaccia. Una trasgressione alla morale che vende molto, specialmente al giorno d’oggi. E’ questa, pertanto, la vera critica di Black Mirror.

 

Antonio Carmando - ExtraTime - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Solidarietà, D’Avenia: “Acquistate nuove mascherine grazie al successo del crowfunding lanciato dal Centro Studi Super Sud”

Nella difficile battaglia contro il contagio da Coronavirus ogni contributo fatto con entusiasmo ha un valore enorme. Ne è la prova il crowfunding lanciato dal Centro...

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante