Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

In ricordo del potere della Parola

17/04/2014

Quando si accede ad un social network e ci si ritrova davanti un messaggio citante "T.V.B." certo non si può rimaner sorpresi, rappresentando quest'ultimo il modo più diffuso per esprimere il propio affetto nei riguardi di una persona via chat; com'anche la notissima successione, per non dire confusione, apparentemente illogica, di segni d'interpunzione " :) :( :/ :') " significanti un modo d'essere. Il "certo non si può rimaner sorpresi", inutile a dirsi, era riferito alle nuove generazioni.
Lasciando stare l' età anagrafica, che certo non farebbe onore ai "giovani" della società moderna, queste modalità alternative di scrittura finalizzate a trovare una efficacia scritturale veloce non devono essere viste solo esteriormente anzi, ritengo, bisogni analizzarne non solo le cause bensì gli effetti che quest' ultime possano produrre.
Cause? Effetti?
Sì: una causa è costituita dalla tecnologia, così come spinge la società ad essere sempre più "veloce", egualmente spinge la comunicazione; una causa è costituita dall' impoverimento culturale di cui è sempre più vittima la nostra società, che spinge alla superficialità della gioventù emergente; e causa ne deriverà quella stessa superficialità, la quale non farà che accentuare un processo tendente sempre più alla semplificazione del quotidiano.
Cosa si può celare dietro un innocente "T.v.b." di un ragazzo tredicenne (o ancora più piccolo) ad una amica, o un "non" abbreviato in "nn" e un "perchè" in "pke"? Si cela la perdita della conoscenza dell' uso della Parola.
La Parola, quella spada a doppio taglio, l' arma dei nobili, più tagliente di una lama, un'arma usata per sconfiggere gli avversari, solita usarsi al posto di squallide minacce e di un pugno chiuso che si mostra ora a farsi forti. Quanti mi intendono? Una volta non ci si celava dietro Ask per muovere offese e ingiuste colpe, una volta non si rivelavano segreti amori dietro una chat anonima, poichè, una volta, si era soliti usare un vocabolario da oltre 5.000 lessici e, cari lettori, era una partita di gran lunga più emozionante da giocare. Quanti di questi giovani sono in grado di trovare un sinonimo adeguato ad ogni loro ridottissimo vocabolo semplificato fino all' osso, o a trovare terribilmente vacuo d' emozione un simbolo quale questo ":)", se non addirittura capaci di spiegarmi il significato di "vacuo"?
Una volta si riteneva un patrimonio il "potere della Parola", colto chi solo ne conoscesse una parte, mentre ora non si ha riguardo per chi al posto di una faccina perde un secondo in più per tentare di descrivere anche la più sciocca emozione: si è indifferenti, e così muore la volontà di cercare un sinonimo adeguato al solito "felice". Non si è più capaci di comprendere le sfumature che si celino dietro un verbo, una parola, volgarizzando la nostra lingua arrivando a conoscere solamente e, di conseguenza, ripetere cento volte in un tema, solo il verbo "dire" poichè mai si è andati a ricercarne dei sinonimi e, forse, mai c'è stata una necessità.
Può sembrare sciocco e, invece, è un patrimonio che scompare davanti a noi, non si sa più parlar e, tantomeno, scrivere.
La Lingua distesa dissanguata; il suo sangue, la Parola.

Tag: #parola, #arte, #cultura, #letteratura, #poesia,
Vincenzo Maria Adinolfi - ExtraTime - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Le Fasi - "Ultima Pagina Special Events" parte da Napoli il 30 marzo 2019

La band partenopea Le Fasi, per festeggiare i suoi 7 anni di attività prima di rinchiudersi in studio e lavorare al nuovo disco, ha lanciato un mini tour dal titolo...

Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future

“Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future”, questo il titolo del convegno che si terrà venerdì 22 marzo presso il...

L’azienda salernitana torna a mettersi in vetrina dal 19 al 23 gennaio

Con un fitto calendario di eventi che mira a diffondere la cultura del caffè in tutte le sue sfaccettature, Trucillo torna al Sigep, il salone mondiale del dolciario...

D. L. 119/2018 e Legge di Bilancio. Lo scenario Fiscale 2019. Primo convegno sulla Legge di Bilancio a Salerno organizzato dall’ANC

Si terrà domani, venerdì 18, il primo convegno dell’anno 2019 organizzato dall’Associazione Nazionale Commercialisti Salerno che si terrà, alle...

Premiazioni vincitori contest EURE?A: educazione finanziaria e disabilità cognitive. Un salernitano tra i vincitori

Favorire l’autosufficienza economica delle persone affette da lievi disabilita? cognitive: questo è l'obiettivo che si è posto il bando “Eureka”,...

Befana anticipata dell’ANC Salerno per i bambini del “Ruggi” di Salerno

L’epifania arriva in anticipo all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona di Salerno grazie alla solidarietà dell’Associazione Nazionale...

XII edizione Salerno Sport Day. La manifestazione salernitana dedicata agli sport migliori

Come ogni dicembre che si rispetti, anche quest’anno Salernitana Sporting organizza nel pomeriggio di oggi, presso il Grand Hotel Salerno alle ore 17.37, la XII edizione...

Il trap diventa salernitano e si tinge di rosso con “Ferrari”. Nuovo singolo di Frenk

Frenk torna sulla scena musicale con un nuovo brano dal titolo “Ferrari”, un singolo coinvolgente dal sound elettronico e da bpm rallentati, atmosfere dark e...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante