Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Revival: giorni dei morti

10/11/2017

Nel periodo compreso tra fine Gennaio e Febbraio, il sabato precedente la domenica di Sessagesima (circa sessanta giorni prima della Pasqua), i popoli bizantini usavano dedicarsi alla preghiera e al ricordo di tutti i defunti. Intorno all’anno 1000 l’abate benedettino Odilone di Cluny stabilì che le campane dell'abbazia fossero fatte suonare con rintocchi funebri dopo i vespri del 1° Novembre e il giorno dopo l'eucaristia offerta “pro requie omnium defunctorum”; successivamente il rito venne esteso a tutta la Chiesa Cattolica che istituì il 2 Novembre come “giorno della commemorazione dei defunti”, anche se tracce di festività dedicati alla celebrazione delle anime trapassate si ritrovano già nell’Antico Testamento e negli studi sulle antiche civiltà del Medio Oriente.
“Giorno dei Morti” è anche il titolo di un bellissimo romanzo di Agatha Christie. Sono passati undici mesi dal suicidio di Rosemary Barton e il suo ricordo è ancora vivo in chi l’ha conosciuta, quando una serie di lettere anonime fa balenare il sospetto che gli inquirenti si siano sbagliati e si sia trattato invece di un assassinio. Attraverso i ricordi degli amici e dei parenti appariranno tante diverse sfaccettature di Rosemary, verranno alla luce invidie e cattiverie che si credevano sepolte insieme al suo corpo, e ben presto apparirà chiaro che ognuno di essi avrebbe avuto almeno un motivo valido per ucciderla.
Se nel libro di Agatha Christie è la memoria del defunto ad essere protagonista in “Maigret e la giovane morta”, altro capolavoro nato dalla penna di George Simenon, è il cadavere assassinato, picchiato e lasciato in mezzo alla strada di una ragazza di 16 anni. Nella più commovente delle inchieste del commissario parigino gli occhi immobili spalancati, il vestito sgualcito, il rossetto graffiato via racconteranno, pagina dopo pagina, il nome e un passato di dolci illusioni infrante.
Dalla seconda metà del ‘900 la narrazione poliziesca e non solo sposta sempre più l’obiettivo sul cadavere. Il morto comunica sé stesso fino a diventa protagonista assoluto dall’inizio del nuovo millennio con serie tv come “CSI” o “Six feet under”, sottovalutata sceneggiatura forse un po' troppo avanti rispetto ai tempi che raccontava le vicende di un’impresa di pompe funebri (i sei piedi del titolo sono la profondità a cui convenzionalmente vengono sotterrati i defunti), fino al recente serial italiano “La porta rossa” che ripropone la figura del fantasma nella nuova chiave di lettura. “Revival” di Tim Seeley e Mike Norton è da questo punto di vista il nuovo capitolo della saga.
A Wasau, Wisconsin, tante cose non vanno come dovrebbero. Il problema dei “risorti”, come sono stati chiamati i ritornati in vita, non è più un segreto e il sindaco Dillish ha il suo da fare con l’esercito governativo ormai mobilitato che ha isolato la città, gli abitanti spaventati dal fenomeno e il gruppo ultrareligioso “Il dono della vita” che inneggia alla comunione tra vivi e morti e vede in quanto sta accadendo un segno divino, la possibilità per gli uomini di purificarsi dai peccati. Lo Sceriffo Cypress costantemente in prima linea finisce per trascurare le figlie Dana, anche lei agente di Polizia, e Martha. Allo stesso tempo, mentre la sorella maggiore è occupata dal difficile rapporto sentimentale venutosi a creare col Dottor Ramin che contrariamente a quanto sembrava apparire nei primi numeri si sta rivelando un personaggio difficile da decifrare, e dalla preoccupazione per il figlio Cooper che pare essere entrato in contatto con una misteriosa presenza che si aggira nelle vicinanze del fiume, Martha, che deve ancora trovare il coraggio di confessare al padre di essere una risorta, è alla prese con la ricerca del professor Weimar, suo ex amante che inizia a credere in qualche modo collegato alla sua morte.
La situazione precipita sempre più nel caos ed emerge la psicologia contorta di due personaggi. Il primo è Ed Holt, emarginato abitante della campagna, che inizia a vedere nel ritorno dei morti l’occasione per portare avanti la sua missione di pulizia di una società che ritiene profondamente malata e non esita a servirsi di Cooper e di Dana a tale scopo. L’altro è Blaine, giovane dedito a tanti vizi che millanta di essere un esorcista capace di scacciare il Demonio in tutte le sue forme. Scontratosi in precedenza con la giornalista May Tao con cui è finito per allacciare una conflittuale alleanza aiuterà sia lei che Martha a trovare Weimar e riportare a galla i suoi segreti.
Nella desolazione di un paesaggio gelato in cui anche le persone più vicine appaiono sfiorarsi senza dare alcun peso all’esistenza altrui e forse nemmeno alla propria, la storia riesce ad infondere il senso di inquietudine che in fondo si prova nei confronti di qualsiasi cosa che appare stravolgere quell’ordine prestabilito nelle cose, il mattone fuori posto che rischia di far crollare l’intera struttura.
Tutto qui? No. Perchè in “Revival” ci sono anche ingranaggi che non girano. Giunti al quinto volume siamo più o meno allo stesso punto a cui eravamo arrivati un anno fa. La trama va avanti con una lentezza esasperante, i personaggi stanno finendo per apparire anch’essi cristallizzati così come i loro tormenti e le incertezze, e la sconsiderata attesa infinita tra un’uscita e l’altra certo non aiuta il pubblico ad affezionarsi. Resta la speranza che il colpo di scena finale dell’ultimo numero sia l’anteprima ad una netta accelerazione per il prosieguo, e la fascinazione che ancora riesce ad esercitare la carne del cadavere, che nella quieta immobilità della morte rimane l’unico essere in grado di apprezzare e comprendere in tutta la sua pienezza il dono della vita.

 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Venerdì 25 e mercoledì 30 maggio a Salerno si presenta il “Piano Nazionale Impresa 4.0”

Dopo lo storico seminario che ha visto il guru mondiale dell’ “Internet of Thing” Bruce Sterling, che ha incontrato lo scorso dicembre le imprese delle...

Nasce Salernoapassi, un nuovo modo di ripensare la mobilità

Tony Ponticiello presenta un modello di mobilità critica realizzando la prima mappa di Salerno incui le distanze sono espresse in passi, l’unità di misura...

Arriva la fatturazione elettronica: la contabilità diventa digitale

 
 “Fatturazione Elettronica: opportunità professionali della digitalizzazione e soluzioni operative per la gestione” è questo il titolo del...

L’Associazione Commercialisti Salerno sempre vicino alla categoria: al via il primo convegno a Salerno sui contratti derivati e sul loro processo giur

Domani alle ore 15.30, presso la sala convegni del Mediterranea Hotel, via Gen. Clark di Salerno, si terrà il convegno “Novità e linee guida sul...

Nuvole d'arte Cani Sciolti: notte della Repubblica

Nella tarda mattinata del 9 Maggio 1978 in una casa di Roma il telefono squilla. La voce di Francesco Tritto appare all’inizio sbrigativa, quella di uno che non ha tempo...

Nuvole d'arte Dylan Dog Dormire, forse sognare: morire, dormire... sognare forse... forse

Nell’aula di un tribunale da qualche parte nel mondo una giuria emette il verdetto nei confronti di Adam Grant. L’imputato è colpevole, la condanna consiste...

Nuvole d'arte Origin: la tempesta

Bambino: Miran! Miran! Viene una tormenta!Sarah: Che cosa ha detto adesso?Benzinaio: Che sta per arrivare una tempesta, señora.Sarah: Lo so.(Terminator 1984 – Scena...

Nuvole d'arte Il Mostro di Firenze: senza nome

Settembre 1985. Procedendo per 1600 metri sulla strada che da Ponte agli Scopeti porta a San Casciano, nel cuore della provincia fiorentina, sulla destra si può notare un...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante