Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Frammenti di rock: "Wake me when it's over"dei Faster Pussycat

26/11/2014

Verso la fine degli anni 80 si sviluppa all’interno dell’Glam metal una corrente particolare quella dello sleaze metal. Come si può intuire dal nome, l’obiettivo di questo movimento musicale è quello di ricercare e praticare un suono più sporco rispetto ad alcune band mainstream. Tra i gruppi di maggior fama vi sono sicuramente i Faster Pussycat (nome che trae origine dal film "Faster, Pussycat! Kill! Kill!"di "Russ Meyer") che sono tra i primi a sviluppare suoni più grezzi e meno raffinati. Partendo dall'esperienza del loro primo e non molto fortunato album omonimo uscito nel 1987, I Faster Pussycat iniziano a lavorare in maniera decisa sui loro punti di forza arrivando così alla produzione di "Wake Me When It`s Over"uscito nel '89, che si presenta come uno dei migliori prodotti di fine decennio. Il disco è sicuramente molto più maturo e curato del precedente e lo stile "sleaze" emerge in tutta la sua "purezza", l'apertura è affidata a "There's a whip, there's a way"una vera è propria "frustata" in pieno volto, che mette subito in chiaro cosa ci troviamo difronte. Il disco presenta un sound graffiante,violento e appunto sporco e veloce senza però trascurare la qualità dell'arrangiamento, esempio calzante di tutto cio è proprio il primo singolo estratto "Poison ivy"dove ogni strumento si integra perfettamente con l'altro e l'aggiunta del piano suonato da Kevin Savigar contribuisce all creazione di uno dei migliori momenti del disco. Da segalare ovviamente anche la presenza molto forte di elementi tipici del rock n'roll caratteristica da sempre molto cara al gruppo. La ruvidità del prodotto viene fortemente accentuata anche dalla voce del cantante Taime Downe ,davvero particolare, che però ha la grande qualità di non risultare mai fastidiosa, sia in canzoni più aggressive come "Slip of the togue", una delle più famose della band, sia in quelle più dolci come "House of pain"(secondo singolo estratto), pezzo pervaso da grande malinconia non solo per il testo ma anche per l'utilizzo dell'armonica a bocca. Il difetto se vogliamo di quest'album sta proprio nella presenza di pochi brani che spezzano la freneticità dell'insieme, infatti solo alla fine troviamo "Please Dear" canzone lenta e anche molto più melodica rispetto le altre. Da segalare infine la particolarità di "Arizona Indian Doll" con sonorità molto da "spttacolo del sabato sera americano". Da tempo i Faster Pussycat, cosi come molte altre band, non esistono più (almeno per come li conoscevamo originariamente) e i contrasti tra i vari membri della band sui diritti del nome sono sempre infuocati(sopratutto tra il cantante Downe e il chitarrista Muscat) ma ciò non toglie che seppur per poco la band di Los angels ha dato il suo contributo importante alla musica e allo "sleaze metal" seppur restando in parte offuscata dalla luce smisurata avuta dalla band simbolo di questo movimento i Guns N' Roses

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...

“Decretiamo parità”, la nuova proposta a sostegno delle madri lavoratrici ad opera della Digital media strategist campana Isabella Borrelli

Le misure emergenziali alle quali noi italiani siamo stati chiamati, come lo smartworking di un’intera nazione e la chiusura temporanea di interi settori produttivi, hanno...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante