Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte The Walking Dead: l'arrivo dello zombi tra fine e inizio

28/02/2015

La storia che raccontiamo quest’oggi inizia un giorno normale, in un paesino . Il protagonista è un uomo che mantiene moglie e figlio facendo lo sceriffo.
Rick, questo è il suo nome, e migliore amico, Shane, sono impegnati a tenere a bada due uomini armati, e finisce che il nostro amico si becca una pallottola in pieno petto.
Risvegliatosi in ospedale dopo un periodo di coma si trascina a fatica nei corridoi vuoti della struttura, finchè, dietro una porta, scopre un gruppo di zombie.
In breve tempo Rick capisce che il mondo come lo conosceva non esiste più, al suo posto un nuovo universo, in cui i pochi uomini rimasti vivi sono costretti a fuggire, a nascondersi e a sopravvivere nel regno dei “morti che camminano”.
Non solo chi ha letto il fumetto, ma anche i milioni di fans della serie televisiva avranno capito che stiamo parlando dell’inizio della saga culto di Robert Kirkman “The Walking Dead”, che ha segnato il ritorno nell’immaginario collettivo dello “Zombie”, il morto vivente che si nutre della carne dei vivi diventato fenomeno di massa negli anni ’70 grazie al capolavoro di George Romero “La notte dei morti viventi”.
Riguardando “I giorni perduti”, primo numero della saga che in italia è arrivata al numero 28 (ma è una numerazione sfasata perché ogni numero italiano racchiudeva all’inizio 6 storie della serie, oggi almeno 2), c’è una cosa che salta agli occhi.
Quante pagine credete che occorrano per raccontare quello che è scritto sopra? Pensate, Robert Kirkman ne utilizza sei, di cui appena una parlata.
In 30 secondi passiamo dal mondo che ogni giorno abbiamo davanti, noioso, violento, confuso, a quello post-apocalittico contro cui Rick e il suo gruppo, ancora oggi, sono impegnati a lottare.
Questa rapidità nello svolgimento della trama resta costante nell’opera. In “The Walking Dead” fumetto le cose accadono in fretta, quasi senza lasciare respiro.
La gente muore in fretta, all’improvviso, si sposta in fretta, occupa villaggi e li abbandona in fretta, soprattutto cambia in fretta.
Esempio lampante è il personaggio di Carl, il figlio di Rick, che in poco tempo da bambino diventa un ragazzo con la pistola nella fondina che non ci pensa due volte a far saltare la testa a qualcuno (zombi o uomo che sia).
Ora, chiariamoci bene, se state cercando uno che si metta a denigrare la serie tv o che scriva la solita cosa tipo “la serie è bella ma non regge il confronto col fumetto” devo deludervi: per me The Walking Dead serie è un prodotto che Kirkman ha confezionato, insieme ad autori eccezionali, con la stessa cura con cui è stato confezionato il fumetto, e ciò che ne è venuto fuori è qualcosa capace di incollare allo schermo come raramente capita. Inoltre, l’episodio 9 dell’ultima stagione è da solo un capolavoro,da far vedere nelle scuole di arte di tutto il mondo.
La differenza, oltre al fatto che la storia si sviluppa in modo completamente diverso sia per molti personaggi sia negli eventi, sta proprio nel ritmo.
La serie ha, fin da subito, adottato un ritmo molto più lento, e non credo sia una questione di marketing o di sfruttare il successo per allungare il brodo, in quanto nemmeno qui ci sono punti morti.
Più che altro sembra che lo stesso Kirkman abbia inteso la storia in maniera del tutto diversa.
Se su celluloide i giorni perduti di Rick sono qualcosa che non sapremo mai, da cui siamo andati via e non si torna più, e allora ci si deve preparare a giorni nuovi, consapevoli di essere i protagonisti dell’inizio di una nuova storia dell’umanità (esempio la Guerra Totale e personaggi come Negan), in tv sono la speranza a cui aggrapparsi per non impazzire, darsi per vinti.
Basti pensare che nel fumetto le descrizioni dei personaggi quasi non esistono; non vi capiterà mai, o quasi mai, di assistere ad un ricordo di quando era felice e spensierata la vita prima che arrivassero gli zombie.
Ecco,il passato non c’è, e il presente è fatto di corse, turni di guardia, addestramento e tutto ciò che serve per restare vivi. Già, perché malgrado un mondo popolato da morti che camminano, il caro vecchio detto non sbaglia mai.
I cattivi veri sono i vivi, e la razza umana resta figlia e flagello della terra, anche quando questa non gli appartiene più.

 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salerno: degrado in via San Giovanni Bosco, strada invasa dai piccioni

 
La presenza di piccioni e colombi in città ha assunto negli ultimi anni dimensioni considerevoli.?Il loro sviluppo indiscriminato ha...

Ambiente e territorio, D’Avenia: “Rilanciamo l’economia attraverso il rispetto dell’ambiente”

La materia ambientale sta assumendo, soprattutto negli ultimi anni, un’importanza sempre crescente, sia nell’ambito giuridico che economico, al punto da non...

Covid-19 e movida, D’Avenia: “A Salerno iniziative responsabili per una movida Covid free”

Come ipotizzabile, dopo mesi di lockdown, nelle ultime settimane le persone sono tornate ad una relativa “normalità”. Con la riapertura di bar e...

Sanità e famiglia, D’Avenia: “Investiamo sul personale sanitario e concediamo un bonus di 600 euro alle famiglie campane”

L’emergenza Covid-19 ha riportato l’attenzione sul dibattito legato all’importanza di investire sul personale sanitario. A partire dalla pandemia,...

Assistenza Riabilitativa, Fisiochinesiterapica e Sociosanitaria

In questi ultimi giorni, nostro malgrado, e con non poco stupore, stiamo assistendo ad un estenuante scarica barile sull’assunzione delle proprie responsabilità da...

Solidarietà, D’Avenia: “Acquistate nuove mascherine grazie al successo del crowfunding lanciato dal Centro Studi Super Sud”

Nella difficile battaglia contro il contagio da Coronavirus ogni contributo fatto con entusiasmo ha un valore enorme. Ne è la prova il crowfunding lanciato dal Centro...

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante