Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nausicaa della valle del vento: L’equilibrio vitale tra uomo e natura

12/03/2015

Nausicaa:”Io ho paura di me stessa, Yupa... Io non voglio, lo sai... ma sento il cuore che mi ribolle d'odio. Io non voglio soffrire, nè far soffrire.”

Titolo originale: Kaze no tani no Naushika
Titolo italiano: Nausicaa della valle del vento
Genere: animazione, fantascienza, avventura
Anno: 1984
Regista/Sceneggiatore: Hayao Miyazaki


Nel 1984, il genio del cinema d’animazione, Hayao Miyazaki, sforna questo secondo lungometraggio che, tutt’oggi, risulta essere una delle sue opere più famose e apprezzate.
Come in tutti i film di Miyazaki, Nausicaa della valle del vento mantiene delle atmosfere fantastiche che personalmente trovo molto rilassanti in quanto a percezione visiva dell’eleganza della scelta dei colori. I paesaggi naturali colpiscono sempre per la loro bellezza artistica. Terre incontaminate, tecnologie che ricordano molto lo steampunk contribuiscono a creare delle opere uniche ed originali.
Le eroine anche sono molto ricorrenti. Nausicaa in particolare è una donna coraggiosa, molto poco stereotipata, imprevedibile e tenace. In breve, ma se ne dovrebbero scrivere libri al riguardo, questo designa una parte dello stile di Hayao Miyazaki.

In un futuro molto lontano dal nostro, la Terra è reduce, da mille anni, di una guerra termonucleare che ha distrutto quasi interamente l’ecosistema del pianeta. Quest’ultimo è ormai scenario di lande desolate e contaminate da radiazioni, e da zone altamente tossiche, tra le quali c’è la cosiddetta “Giungla tossica”. La giungla non solo è ricca di una strana vegetazione contaminata e radioattiva, ma al suo interno proliferano strani mostri, alcuni dei quali sono giganti e vengono chiamati Ohmu (o mostri-tarlo).
Una delle piccole terre sopravvissute alla catastrofe bellica è la Valle del Vento. La nostra eroina, Nausicaa, è la principessa di questa valle e fa di tutto per proteggere i suoi abitanti e l’ambiente naturale incontaminato che la circonda dalle minacce esterne. Queste ultime sono collegate non solo alla contaminazione, ma anche alla lotta tra due grandi imperi, i regni di Tolmechia e di Pejite, che comandano il pianeta ormai in completo disfacimento.

Questo grandioso film di Miyazaki tratta di tematiche molto care all’autore quali l’attaccamento e il rispetto per la natura, la non-violenza e una forte critica al mondo industrializzato. Questo ultimo pullula di uomini senza scrupoli che, pur di inseguire i propri fini, sono disposti a tutto e distruggono l’ambiente circostante. Vanno cioè contronatura.
Non a caso ho usato questa parola perché il regista, attraverso l’opera, ci fa capire chiaramente che se l’essere umano va contro la natura, quest’ultima si riversa contro di lui. Alla distruzione essa risponde con la morte. Esempi lampanti si possono trovare ogni giorno: un continuo disboscamento può portare ad una frana; un aumentare dell’effetto serra e del conseguente surriscaldamento planetario fa sciogliere i ghiacciai ed innalzare il livello del mare. A questo la natura risponde con l’inghiottimento di terre molto vicine al livello del mare.
Il film, tratto da un manga che non ha lo stesso lieto fine (che lieto fine non è fino in fondo), è un’opera di sensibilizzazione al fine di avere non solo più rispetto per la natura, ma di ricordarci che noi tutti siamo un tutt’uno con essa. Noi esseri umani ci viviamo a contatto, anche se abbiamo delle costruzioni cittadine dovute all’industrializzazione davanti agli occhi. Ci stiamo dentro, siamo parte di essa. Se remiamo contro di essa, lo facciamo in fondo contro noi stessi.

Nausicaa si batte per i diritti della propria popolazione. Inizialmente risponde con violenza contro gli aggressori ma poi inizia una lotta non violenta, all’insegna della protezione dei suoi pari, dell’ambiente e degli animali-mostri che abitano la giungla.
La Giungla Tossica rappresenta la natura fortemente irata e vendicatrice, in piena avversione contro la razza umana che tanto l’ha sfruttata e distrutta.
Nausicaa è l’ultima speranza di un mondo ormai decaduto, sia strutturalmente che moralmente. Riesce ad instaurare una connessione particolare con l’ambiente e con gli esseri viventi. Lei è capace di far ritornare l’equilibrio fondamentale che deve esserci tra uomo e natura, e far si che quest’ultima si tramuti in buona, quasi come se la sua funzione fosse quella di placare la sua accecante ira.
L’equilibrio di cui parla questo film è un elemento che non dovrebbe mai essere perso. Dall’origine della vita sulla Terra fino ai giorni nostri, non dobbiamo mai dimenticarci di essere parte di questo pianeta. Se continuiamo a distruggerlo prima o poi la natura si riverserà contro noi stessi. Ma data l’evoluzione tecnologica, noi siamo veramente in grado di distruggerlo senza che essa possa fare più nulla. A quel punto però non esisteremmo nemmeno più noi. L’uno senza l’altra non può permettere la vita.
Ma la natura senza di noi può vivere.
Teniamolo bene a mente.

Antonio Carmando - ExtraTime - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...

“Decretiamo parità”, la nuova proposta a sostegno delle madri lavoratrici ad opera della Digital media strategist campana Isabella Borrelli

Le misure emergenziali alle quali noi italiani siamo stati chiamati, come lo smartworking di un’intera nazione e la chiusura temporanea di interi settori produttivi, hanno...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante