Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Zio Paperone: perchè è un mito

28/03/2015

Se un giorno avrete la fortuna di recarvi negli Stati Uniti non dimenticate di inserire il Calisota nel vostro itinerario.
Situato sulla costa ovest del paese, si estende in un territorio compreso tra la California e l’Oregon. La bandiera raffigura un papero dorato su uno sfondo blu, la moneta è il dollaro e le città principali sono Paperopoli e Topolinia.
Paperopoli, Duckville in lingua originale, è la capitale e la città più antica dello stato, fondata da Cornelius Coot nel 1818. Metropoli all’avanguardia, è sede di uno dei più importanti porti mercantili del mondo, e vanta monumenti unici come la bellissima statua del fondatore, situata nella piazza del Municipio, la Ducklair Tower, centro nevralgico del quartiere metropolitano, e il prestigioso club dei miliardari, frequentato dai più importanti imprenditori della città.
Nella parte vecchia della città, visibile solo dall’esterno a meno che non vogliate beccarvi un colpo di spingarda, sulla collina Ammazzamotori, dove sorgeva l’antico Forte Paperopoli, si staglia l’imponente Deposito di Paperon Dè Paperoni, il papero più ricco del mondo, delle cui gesta e ricchezze si narra in ogni parte del pianeta.
Riconoscerlo non vi sarà particolarmente difficile. Papero di media altezza, indossa una palandrana blu comprata già di seconda mano (terza secondo alcune versioni) e ghette alle zampe. In testa porta un cappello a cilindro e, sebbene sia ancora piuttosto arzillo, si serve di un vecchio bastone di legno per camminare (probabilmente è convinto che tale oggetto gli conferisca una certa aria nobiliare).
Avviso importante: non spaventatevi se vi capiterà di essere frastornati da un terribile grido, i Paperopolesi sono abituati. E’ solo il vecchio taccagno che annega in un mare di lacrime dopo che qualche affare gli è andato male.
Ridendo e scherzandoci su (non se la prendano i geografi di tutto il mondo, non è colpa vostra se non trovate il Calisota sulle mappe), Zio Paperone e il suo mondo ci appartengono ormai in un modo tale che sembra quasi imprescindibile il fatto che una Paperopoli esista davvero, da qualche parte. Alcuni si accontentano di creare personaggi, altri creano mondi.
Di Scrooge Mc Duck si narra, per la prima volta, in “Christmas on Bear Mount”, su Four Color Comics 178, nel lontano 1947. La penna e i disegni sono quelli di uno dei più grandi geni della storia dell’ottava arte, un signore dell’Oregon che già da diversi anni lavorava per Mr Walt Disney: Carl Barks.
Peperone è, inizialmente, fortemente ispirato allo Scrooge di Charles Dickens. Scontroso, irascibile, ha rapporti difficili anche con il suo parente più prossimo, Paperino, figlio della sorella Ortensia.
Con il passare del tempo e delle storie l’autore emancipa sempre più il personaggio dai canoni iniziali, trasformandolo in pochi anni in quello che il mondo conosce, quell’adorabile taccagno sempre alla ricerca di nuovi tesori, affari e avventure, simpatico despota con i nipoti Paperino e Paperoga, e soprattutto padrone di una divertentissima filosofia materialista che gli permette di cadere sempre in piedi e, cosa più importante per lui, guadagnarci sempre qualcosa.
Lo Zio Paperone che approda in Italia qualche anno più tardi è già la versione definitiva che l’uomo dei paperi (così è conosciuto Barks nel mondo) ne ha adottato, ed è sempre lui a parlare di Duckburg, negli anni ’50.
Il mito Paperone ruota intorno a due fattori. Il primo è l’essere simbolo e creatore di un intero universo, il papero che comprò Forte Paperopoli dal figlio di Coot e ci fece costruire una città.
Il secondo sta nel fatto che Zio Paperone, al contrario di tutti gli altri personaggi del fumetto mondiale, non è cristallizzato in un mondo dove il tempo non sembra trascorrere anzi, il tempo è parte di sé stesso.
Noi vediamo un vecchio papero ma sappiamo che è stato giovane, lo vediamo fuggire da Brigitta (non disdegnando però i regali che la poveretta gli porta) ma sappiamo che un tempo è stato innamorato, lo vediamo combattere contro Amelia per difendere la Numero 1 e sappiamo come l’ha guadagnata e perché è tanto importante per lui.
Di Paperon Dè Paperoni non abbiamo solo un presente, ma soprattutto un passato, che ne ha fatto ciò che è ora. Proprio di questo passato parleremo la prossima volta.
L’appuntamento è tra due settimane. Nell’attesa potreste rileggervi qualcuna delle migliaia di storie dello zione, italiane o estere, di Barks o di Martina fino ad arrivare a qulle di questa settimana. Oltre che su Topolino le trovate recuperando qualche numero del meraviglioso “Zio Paperone”, storica testata a lui dedicata, o acquistando in edicola “Uack”, che della precedente ha ricevuto l’eredità e festeggia questo mese la tredicesima uscita.
Se siete troppo pigri niente panico, vi auguriamo buona Pasqua lo stesso.


Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Al cinema dal 18 luglio "Passpartù - Operazione Doppiozero" di Lucio Bastolla con Veronica Maya

Arriva al cinema dal 18 luglio, “Passpartu’ - Operazione Doppiozero” la divertente commedia di Lucio Bastolla che vede in un cast corale...

#GIFFONI2019 LA 49° EDIZIONE: 19/27 LUGLIO 2019

101 opere, di cui 15 italiane, in concorso nelle 7 sezioni competitive che richiamano a Giffoni Valle Piana (SA) 6200 giurati provenienti da circa 50 Paesi del mondo: 7...

Arriva “Puortame cù te”: il nuovo tormentone dell’estate firmato Frenk

Arriva “Puortame cù te”: il nuovo tormentone dell’estate firmato Frenk
Si intitola “Puortame cù te” il nuovo singolo del trapper...

“Don’t go” il nuovo singolo estivo di KEVS X FRANCESCA MONTE

Francesca Monte, cantautrice, musicista e web star Salernitana, reduce dal successo social di “Un’estate che non finirà” in vetta alle classifiche...

Le Fasi - "Ultima Pagina Special Events" parte da Napoli il 30 marzo 2019

La band partenopea Le Fasi, per festeggiare i suoi 7 anni di attività prima di rinchiudersi in studio e lavorare al nuovo disco, ha lanciato un mini tour dal titolo...

Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future

“Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future”, questo il titolo del convegno che si terrà venerdì 22 marzo presso il...

L’azienda salernitana torna a mettersi in vetrina dal 19 al 23 gennaio

Con un fitto calendario di eventi che mira a diffondere la cultura del caffè in tutte le sue sfaccettature, Trucillo torna al Sigep, il salone mondiale del dolciario...

D. L. 119/2018 e Legge di Bilancio. Lo scenario Fiscale 2019. Primo convegno sulla Legge di Bilancio a Salerno organizzato dall’ANC

Si terrà domani, venerdì 18, il primo convegno dell’anno 2019 organizzato dall’Associazione Nazionale Commercialisti Salerno che si terrà, alle...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante