Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Abolizione Province, no della Consulta al decreto. Governo presenta ddl costituzionale

15/07/2013

E’ stata una grande illusione. Il Governo Monti, eravamo nel luglio del 2012, presentava un decreto legge che, tra l’altro, prevedeva l’accorpamento delle Province, in base alla popolazione e alla superficie.
Questo provvedimento rientrava nell’azione di “spending review”(revisione della spesa pubblica) messa in campo dall’esecutivo guidato dal Professore.
In particolare, l’art.17 del suddetto decreto, n°95 del 06-07-2012, annunciava un “riordino delle province e loro funzioni” che doveva servire a snellire e rendere più efficiente ed efficace la macchina burocratica, la cui lentezza è da tutti considerata un macigno per la ripresa economica(e non solo) del nostro Paese.

Tuttavia, nel dicembre 2012, a causa sia del mutato scenario politico dopo la sfiducia del PDL e le anticipate dimissioni del Governo, sia dell’elevato numero di emendamenti presentati in Commissione Affari Costituzionali da parte delle forze politiche, che hanno reso impossibile la conversione in legge del decreto del luglio precedente in tempo, il decreto è decaduto.
Di fronte a questa situazione, il Governo ha provveduto a inserire una norma nel testo della Legge di Stabilità 2013, presentata con L. 24 dicembre 2012, che prevedeva una proroga fino al 1° gennaio 2014 per l'entrata in vigore delle disposizioni del decreto. Ma non è servito.

Infatti, con una nota del 3 luglio 2013 apparsa sul sito, la Corte Costituzionale ha dichiarato incostituzionale l’uso del decreto-legge per la riforma delle Province.
Dopo diversi ricorsi, la Corte ha preso di mira, oltre che il decreto di cui sopra, anche il decreto del 6 dicembre 2011 cosiddetto “Salva-Italia”sempre dell’esecutivo Monti, che svuotava le competenze delle Province e ne modificava profondamente gli organi di governo.
Secondo i giudici di Palazzo della Consulta, all’interno dei due provvedimenti gli articoli che trattano il tema delle Province sono illegittimi in quanto violano la Carta Costituzionale, in particolare l’art.77 in relazione agli articoli 117, 2° comma lett. p) e 133, 1° comma. Quindi, secondo la Corte Costituzionale, “il decreto-legge, atto destinato a fronteggiare casi straordinari di necessità e urgenza, è strumento normativo non utilizzabile per realizzare una riforma organica e di sistema quale quella prevista dalle norme censurate nel presente giudizio”.

Il governo presieduto da Enrico Letta è corso ai ripari per risolvere la questione, approvando in Consiglio dei Ministri, convocato Venerdì 5 luglio 2013, un ddl costituzionale per regolare la materia dell’abolizione delle Province, come annunciato dal Premier in occasione della presentazione alle Camere nello scorso mese di Aprile per ottenere la fiducia.

Insomma per risolvere questa annosa questione, che ha visto diversi governi(tra cui quello tecnico di Mario Monti) succedutisi nel tempo impegnati a risolverla con purtroppo scarsi risultati, c’è bisogno di un disegno di legge costituzionale, ovvero un’arma a disposizione del legislatore per cambiare qualunque cosa sia prevista dalla Carta, come appunto le Province.

Crediamo di dire cosa sensata senza mancare di rispetto a nessuno, se diciamo,senza giri di parole, che le Province, così come le conosciamo oggi, non funzionano.
Non fanno altro che aumentare a dismisura il tempo di azione della pubblica amministrazione, quando invece ci sarebbe bisogno di leggi e norme che vanno nella direzione opposta.
C’è molto da lavorare se consideriamo che, per esempio, ci sono molte funzioni che,attualmente,sono assegnate a più enti, che creano sovrapposizione di competenze ed enorme confusione.

Per quanto riguarda l’iter legislativo, è previsto dall’art.138 della Costituzione, che i tempi siano un po’ lunghi: “le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali sono adottate da ciascuna Camera con due successive deliberazioni ad intervallo non minore di tre mesi, e sono approvate a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera nella seconda votazione” Con la spada di Damocle del referendum confermativo da evitare, approvando il testo finale “nella seconda votazione da ciascuna delle Camere a maggioranza di due terzi dei suoi componenti”.

Speriamo che questo atto del governo, quando sarà presentato, sarà approvato nel tempo più breve possibile con anche una fattiva collaborazione dei due rami del Parlamento.

 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Gli Usa e la Cina a Caserta

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Nel rispetto delle norme anti-Covid, Caserta è stata, nella suggestiva cornice dell’Enoteca Generale, terreno d’incontro per...

Regionali Campania, D’Avenia: “Per una democrazia delle opportunità bisogna puntare sulla ricerca e la formazione”

Le elezioni regionali si avvicinano e, come stabilito dal decreto presidenziale n.97 20/2020, si svolgeranno il 20 e 21 settembre.Sarà la prima chiamata alle urne per...

XVI edizione ‘Memorial Giovanni Caressa’, il consueto evento di Anffas Onlus Salerno in ricordo del suo fondatore

Grande successo per la XVI edizione del “Memorial Giovanni Caressa”, appuntamento ormai tradizionale di Anffas Onlus Salerno, nato in ricordo e in onore...

Bonus web Turismo & Studenti: la nuova proposta di Giovanni D’Avenia candidato al Consiglio Regionale della Campania nella lista “Centro Democratico -

 
L’emergenza Covid-19 ha portato senza preavviso ad un’accelerazione e rimodulazione del piano banda ultralarga e digital web. Durante i mesi...

Bonus web Turismo & Studenti: la nuova proposta di Giovanni D’Avenia candidato al Consiglio Regionale della Campania nella lista “Centro Democratico -

 L’emergenza Covid-19 ha portato senza preavviso ad un’accelerazione e rimodulazione del piano banda ultralarga e digital web. Durante i mesi...

Promuovere il dialogo tra imprenditori e professionisti della Campania per dar vita a collaborazioni di business e di carriera, l’iniziativa di Hirook

In un contesto globale che mette a dura prova non solo i processi di inclusione sociale ma anche di impresa e di sviluppo economico, nasce Hirooks People. Un progetto fondato da...

Regionali Campania 2020: D'Avenia presenta ‘Benessere & Università’ per la promozione di sani stili di vita nelle scuole

A partire dagli ultimi decenni si è registrato un crescente interesse per il tema della salute concepita, non più in una dimensione di responsabilità...

Rilancio del turismo, D’Avenia: “Weekend gratuiti per aiutare tutto il comparto turistico campano e riscoprire le bellezze del nostro territorio”

 
Tra gli effetti economici più immediati della crisi associata al Covid-19 era inevitabile, e anche prevedibile, un brusco calo al settore turistico che, in questa...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante