Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Recensioni Brevi - Madame Bovary (1949)

31/05/2015

Regia - Vincente Minnelli
Durata - 114 minuti, b/n, Audio - Sonoro, Genere - Drammatico
Interpreti e personaggi: Jennifer Jones (Emma Bovary), James Mason (Gustave Flaubert), Van Heflin (Charles Bovary), Louis Jourdan (Rodolphe Boulanger), Christopher Kent (Lèon Dupuis).

Nel 1857 Flaubert in persona deve difendersi in tribunale dall’accusa di oscenità per aver pubblicato Madame Bovary e per farlo racconta la storia della sua eroina Emma che, sposato un mediocre medico di provincia, cerca di realizzare i propri sogni romantici. Si farà ingannare prima da Rodolphe Boulanger, poi da Léon Dupuis e infine, sotto la minaccia di uno scandalo finanziario, si suiciderà.
Al processo Flaubert viene assolto perché l’arte ha il diritto di rappresentare la realtà, ma nella rilettura di Minnelli è la fantasia a farla davvero da padrona.
Programmaticamente infedele allo spirito del romanzo francese.
Questa versione è tutta dalla parte della protagonista, quintessenza dell’eroina romantica la cui solitudine è raccontata come in un gioco di specchi, da quelli barocchi e dorati che riflettono il suo trionfo alla festa del marchese di Andervilliers a quello povero e spezzato nella camera di Léon.
L’idea di iniziare la storia con la ricostruzione del processo a Flaubert fu una trovata del produttore Pandro Berman che temeva le reazioni della censura di fronte a un film che poteva essere letto come elogio dell’adulterio e per la stessa ragione la troppo provocante Lana Turner fu sostituita nel ruolo della protagonista da Jennifer Jones.
Nel film di Minnelli la “scena”, liberamente ispirata al capitolo IX della prima parte di Madame Bovary , si svolge a Yonville e non a Tostes, come nel testo di Flaubert, e precede, contrariamente a ciò che succede nel romanzo, il ballo alla Vaubyessard.
Grazie all'espediente narrativo del processo, lo svolgimento della pellicola è basato sul "racconto" del romanzo da parte del suo autore.
C'è da dire però che la voce narrante interviene di rado.
Minnelli dipinge una Madame Bovary se possibile ancor più irritante e “ridicola” dell'originale, prendendosi più di qualche libertà narrativa e fornendo all'opera un tono da commedia in svariate situazioni (nell'ottima sequenza del ballo presso il marchese per esempio).
Da ricordare anche il monologo di Lheureux a casa Bovary.
Cosa rimane del romanzo di Flaubert?
Pochissimo se non l'inizio che ci porta nella scena del processo fatto allo scrittore per denuncia di oscenità, e solo questo rimane del libro.
Minnelli ne ha fatto un grosso melodramma, con un’attrice più che disposta ad un ruolo del genere e non certo ad un ruolo aspro come è in realtà quello della protagonista del romanzo.
Il film si sviluppa molto bene per quello che si è imposto di rappresentare in modo molto libero dal testo di Flaubert, per tale motivo doveva avere un altro titolo.

Emanuele Gallo - ExtraTime - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Al cinema dal 18 luglio "Passpartù - Operazione Doppiozero" di Lucio Bastolla con Veronica Maya

Arriva al cinema dal 18 luglio, “Passpartu’ - Operazione Doppiozero” la divertente commedia di Lucio Bastolla che vede in un cast corale...

#GIFFONI2019 LA 49° EDIZIONE: 19/27 LUGLIO 2019

101 opere, di cui 15 italiane, in concorso nelle 7 sezioni competitive che richiamano a Giffoni Valle Piana (SA) 6200 giurati provenienti da circa 50 Paesi del mondo: 7...

Arriva “Puortame cù te”: il nuovo tormentone dell’estate firmato Frenk

Arriva “Puortame cù te”: il nuovo tormentone dell’estate firmato Frenk
Si intitola “Puortame cù te” il nuovo singolo del trapper...

“Don’t go” il nuovo singolo estivo di KEVS X FRANCESCA MONTE

Francesca Monte, cantautrice, musicista e web star Salernitana, reduce dal successo social di “Un’estate che non finirà” in vetta alle classifiche...

Le Fasi - "Ultima Pagina Special Events" parte da Napoli il 30 marzo 2019

La band partenopea Le Fasi, per festeggiare i suoi 7 anni di attività prima di rinchiudersi in studio e lavorare al nuovo disco, ha lanciato un mini tour dal titolo...

Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future

“Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future”, questo il titolo del convegno che si terrà venerdì 22 marzo presso il...

L’azienda salernitana torna a mettersi in vetrina dal 19 al 23 gennaio

Con un fitto calendario di eventi che mira a diffondere la cultura del caffè in tutte le sue sfaccettature, Trucillo torna al Sigep, il salone mondiale del dolciario...

D. L. 119/2018 e Legge di Bilancio. Lo scenario Fiscale 2019. Primo convegno sulla Legge di Bilancio a Salerno organizzato dall’ANC

Si terrà domani, venerdì 18, il primo convegno dell’anno 2019 organizzato dall’Associazione Nazionale Commercialisti Salerno che si terrà, alle...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante