Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Recensioni Brevi - Madame Bovary (1949)

31/05/2015

Regia - Vincente Minnelli
Durata - 114 minuti, b/n, Audio - Sonoro, Genere - Drammatico
Interpreti e personaggi: Jennifer Jones (Emma Bovary), James Mason (Gustave Flaubert), Van Heflin (Charles Bovary), Louis Jourdan (Rodolphe Boulanger), Christopher Kent (Lèon Dupuis).

Nel 1857 Flaubert in persona deve difendersi in tribunale dall’accusa di oscenità per aver pubblicato Madame Bovary e per farlo racconta la storia della sua eroina Emma che, sposato un mediocre medico di provincia, cerca di realizzare i propri sogni romantici. Si farà ingannare prima da Rodolphe Boulanger, poi da Léon Dupuis e infine, sotto la minaccia di uno scandalo finanziario, si suiciderà.
Al processo Flaubert viene assolto perché l’arte ha il diritto di rappresentare la realtà, ma nella rilettura di Minnelli è la fantasia a farla davvero da padrona.
Programmaticamente infedele allo spirito del romanzo francese.
Questa versione è tutta dalla parte della protagonista, quintessenza dell’eroina romantica la cui solitudine è raccontata come in un gioco di specchi, da quelli barocchi e dorati che riflettono il suo trionfo alla festa del marchese di Andervilliers a quello povero e spezzato nella camera di Léon.
L’idea di iniziare la storia con la ricostruzione del processo a Flaubert fu una trovata del produttore Pandro Berman che temeva le reazioni della censura di fronte a un film che poteva essere letto come elogio dell’adulterio e per la stessa ragione la troppo provocante Lana Turner fu sostituita nel ruolo della protagonista da Jennifer Jones.
Nel film di Minnelli la “scena”, liberamente ispirata al capitolo IX della prima parte di Madame Bovary , si svolge a Yonville e non a Tostes, come nel testo di Flaubert, e precede, contrariamente a ciò che succede nel romanzo, il ballo alla Vaubyessard.
Grazie all'espediente narrativo del processo, lo svolgimento della pellicola è basato sul "racconto" del romanzo da parte del suo autore.
C'è da dire però che la voce narrante interviene di rado.
Minnelli dipinge una Madame Bovary se possibile ancor più irritante e “ridicola” dell'originale, prendendosi più di qualche libertà narrativa e fornendo all'opera un tono da commedia in svariate situazioni (nell'ottima sequenza del ballo presso il marchese per esempio).
Da ricordare anche il monologo di Lheureux a casa Bovary.
Cosa rimane del romanzo di Flaubert?
Pochissimo se non l'inizio che ci porta nella scena del processo fatto allo scrittore per denuncia di oscenità, e solo questo rimane del libro.
Minnelli ne ha fatto un grosso melodramma, con un’attrice più che disposta ad un ruolo del genere e non certo ad un ruolo aspro come è in realtà quello della protagonista del romanzo.
Il film si sviluppa molto bene per quello che si è imposto di rappresentare in modo molto libero dal testo di Flaubert, per tale motivo doveva avere un altro titolo.

Emanuele Gallo - ExtraTime - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Solidarietà, D’Avenia: “Acquistate nuove mascherine grazie al successo del crowfunding lanciato dal Centro Studi Super Sud”

Nella difficile battaglia contro il contagio da Coronavirus ogni contributo fatto con entusiasmo ha un valore enorme. Ne è la prova il crowfunding lanciato dal Centro...

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante