Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Recensioni Brevi - Madame Bovary (1991)

14/06/2015

Regia - Claude Chabrol
Durata - 143 minuti- Colore – Colore –Audio: Sonoro- Genere : Drammatico
Interpreti e personaggi Isabelle Huppert (Emma Bovary) -Jean-François Balmer (Charles Bovary)- Christophe Malavoy (Rodolphe Boulanger)- Jean Yanne ( M. Homais)
François Maistre (Lieuvain, il consigliere della prefettura)

Il tema centrale del film è quello del conflitto insanabile tra aspirazioni ideali (desiderio di amore, di gloria, di bellezza) e mediocre realtà. Emma Bovary, pur immersa in un ambiente rurale, non accetta la "normalità" ed aspira ad avvenimenti eccezionali fondandosi sul principio che è lecito amare le cose belle.
Ma anche quando sembra che le abbia raggiunte, non riesce ad uscire dallo squallore dell'adulterio clandestino, della menzogna, dell'ipocrisia e alla fine finisce per soccombere.
In altre parole Emma Bovary rappresenta di fatto il crollo degli ideali romantici che Flaubert illustra con lucida consapevolezza.
Questo tema è stilisticamente ben rappresentato quando Emma non ha ancora compiuto l'adulterio e tuttavia si compiace delle proprie fantasie amorose nei confronti di Léon.
Tra i due si svolge un incontro fatto di gesti e parole banali.
Emma continua a comportarsi esteriormente come una moglie virtuosa, ma nel suo intimo è divorata dal disgusto per ciò che la circonda.
Sono qui presenti i due piani contrastanti cui si accennava sopra: da una parte la banale realtà di tutti i giorni e la mediocrità di Charles, dall'altra i pensieri segreti di Emma, le sue fantasie voluttuose e il doloroso senso di una perenne mancanza.
Tutto ciò è rappresentato con minuziosa cura del particolare e una grande sensibilità nell'analizzare le più sottili sfumature psicologiche.
Seguendo le linee del romanzo, questo film di Claude Chabrol, assimilabile ad un vero e proprio album illustrato, con paesaggi impressionistici alla Rénoir, colpisce, oltre che per i maestosi paesaggi romantici della natura e per l’atmosfera ottocentesca più genuina della campagna francese, anche per l'emozione drammatica che suscita il grigiore di piccoli centri di provincia come Tostes e Yonville.
La narrazione filmica, che assume connotazioni sontuose e accademiche (malgrado alcune crudezze da “horror” che i suoi colleghi del passato non si potevano permettere) si sviluppa coerentemente con le problematiche del romanzo,, anche se emergono dettagli che appaiono in contrapposizione alla verosimiglianza delle scene in cui vengono smascherate le meschinità di Emma (incontri clandestini, rapporti di affari poco chiari e incomprensibili ai suoi occhi).
Il film ha il pregio sottile di farci penetrare a fondo nelle pieghe più nascoste dell’ animo turbato della protagonista, rivelando contemporaneamente la sua maschera e, in tal modo, di farcela sentire più viva, più umana e palpitante nella sua femminilità .
Al punto che Emma Bovary si può annoverare tra i personaggi più tragici, affascinanti e sognatori della letteratura francese e il neologismo rappresentato dal termine “bovarismo” ha assunto definitivamente il significato di stato di insoddisfazione determinato dal conformismo della vita borghese e accompagnato dal desiderio di evasione di tipo mondano, sentimentale o intellettuale.

Emanuele Gallo - ExtraTime - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

“Inclusive Fashion Event – moda e solidarietà”: la sfilata solidale organizzata dalla Fondazione Salernum Anffas Onlus

Moda, inclusione sociale e solidarietà, saranno questi i protagonisti indiscussi dell’evento “Inclusive Fashion Event – moda e...

Befana in anticipo per i bambini del Ruggi di Salerno: regalo dell’Associazione Nazionale Commercialisti Salerno

Domani mattina, alle ore 10.30, l’Associazione Nazionale Commercialisti Salerno consegnerà un prezioso e funzionale regalo al reparto di Neonatologia...

È uscito “Ti prometto”, il disco di esordio di Federica Matera

È uscito oggi “Ti prometto”, il primo album della cantautrice salernitana Federica Matera che, in prossimità del Natale, ha deciso di irrompere con un...

Ospite della rassegna culinaria “5 Senses Dinner” lo chef stellato Crescenzo Scotti

Nel pieno centro di Salerno, a pochi passi da “Luci d’Artista”, consueta manifestazione natalizia cittadina, torna il terzo appuntamento con la rassegna...

Il valore dell’innovazione nella cultura aziendale: un nuovo modo di fare impresa

Si terrà martedì 26 novembre il seminario “Formazione innovazione e clima aziendale: quali misure a sostegno della competitività aziendale”...

Lo chef stellato Domenico Iavarone ospite al secondo appuntamento della rassegna “5 Senses Dinner”

Il Via Porto Bistrot di Salerno diventa nuovamente palcoscenico di una cena indimenticabile organizzata in occasione della rassegna “5 Senses Dinner” in cui chef...

La stylist Valentina D’Alessandro trasforma Seta atelier in una passerella fatata

Moda, magia e bellezza, saranno questi gli ingredienti del trunk show dell’atelier Seta in cui bellissime modelle sfileranno per presentare i dieci splendidi abiti della...

Il celebre comico televisivo Carmine Faraco ospite alla serata della ANC Salerno

Si terrà venerdì 11 ottobre, presso il Salone dei Genovesi della Camera di Commercio di Salerno, il convegno "La salvaguardia della continuità aziendale ed...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante