Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Il giorno dell'invasione: paura dal passato per Zagor

25/07/2015

Parlando delle avventure di Zagor la scorsa volta abbiamo messo un paio di punti fermi sul personaggio e sullo Zagor fumetto in generale.
Per prima cosa Zagor non è un western, secondo non è un Tex ambientato in un contesto differente e, terzo e più importante punto, la varietà degli antagonisti incontrati sono il reale punto di forza della testata.
Ecco perché, per festeggiare la storia numero 600 edita sul mensile 651 di Luglio (inutile dire che la numerazione è sfasata perché negli anni ’60-’70 le storie erano solite sforare oltre il limite di pagine del singolo numero, terminando su quello successivo), oltre al tradizionale numero a colori delle grandi occasioni, quelli della Bonelli hanno rispolverato il nemico forse più difficile da affrontare per lo “Spirito con la scure”: gli Akkroniani.
Il popolo alieno fece la sua comparsa in “Zagor 180 – Il raggio della morte”. Venuto dal pianeta Akkron con l’intento iniziale di limitarsi a studiare il nostro pianeta, decidono di invaderlo dopo essere venuti a contatto col computer del perfido scienziato Hellingen. Sarà l’intervento di Zagor, con le armi dello stregone Rakum, a scongiurare la minaccia e costringere il popolo dello spazio a fuggire.
Ora, dopo più di trent’anni, gli uomini viola sono tornati. Tante cose sono cambiate nel frattempo, Hellingen è morto (ma i nostalgici restino sintonizzati sulle pagine di Zagor anche il prossimo mese), lo spirito dello stregone Mohawk riposa nel profondo delle caverne del monte Naatani mentre i popoli di Darkwood continuano a vivere su quel precario equilibrio attraversano da sempre.
Una mattina, mentre Cico è a spasso in cerca di qualcosa da mangiare contendo della tranquillità delle ultime settimane quando all’improvviso scopre che l’intera zona è circondata da un campo di forza che impedisce a chiunque di uscire dall’area. La sera stessa il messicano si reca con Zagor con le tribù indiane per cercare di capire cosa stia succedendo, quando il gruppo viene attaccato dai guerrieri Powhatan e fatto prigioniero, prima che dall’altro discenda un enorme oggetto volante da cui si rivelano gli Akkroniani.
Zagor viene colpito e portato a bordo dell’astronave del comandante Daimon, che rivela le reali intenzioni del suo popolo.
Un nuovo piano d’invasione è pronto ad essere messo in atto, ma prima il popolo alieno ha mandato una nave apposta per catturare il nemico che anni prima li sconfisse per rispondere alla domanda che lo tormenta da allora: com’è stato possibile?
Gli Akkroniani sono immuni a tutte le armi terrestri, anche quelle più avanzate, eppure quel selvaggio è riuscito a metterli in fuga con armi rudimentali che, studiate sul pianeta Akkron, si sono rivelate del tutto inefficaci.
Daimon crede quelle usate da Zagor contenessero qualche segreto nella loro struttura e vuole scoprire quale, con qualsiasi mezzo. Ancora una volta il destino della Terra passa per quello di Darkwood, e dalle mani di un solo uomo.
“Zagor – Il giorno dell’invasione” porta la firma di Jacopo Rauch e Gallieno Ferri, autore e disegnatore rispettivamente tra i più attivi nei lavori sul personaggio. Se vogliamo essere sinceri, la valutazione del loro ultimo lavoro non è così facile.
Inserita nel contesto della continuity dell’universo di Darkwood la storia è molto bella, si assume il non facile compito di fare chiarezza su determinati aspetti rimasti sospesi per tanti anni e riporta sulle pagine del mensile personaggi meravigliosi, uno su tutti il compianto guerriero Akoto, morto per salvare Zagor in una delle sue avventure più belle. Se, invece, vogliamo analizzare solo la storia in sé, non si può non segnalare una certa lunghezza nelle spiegazioni che abbattono eccessivamente il ritmo della trama, soprattutto nella parte centrale.
Roba da niente in fondo, perché “Il giorno dell’invasione” la apprezzeranno sicuramente gli appassionati delle avventure dello “Spirito con la scure” ma, in fondo, anche i lettori meno costanti o addirittura chi volesse iniziare da qui a scoprire l’universo del personaggio troveranno una storia che risulta piacevole e porta con sé parecchi insegnamenti di cui far tesoro anche nella vita di tutti i giorni.
Non furono le armi, ma il guerriero che le impugnava a sconfiggere gli alieni. Anche di fronte alle difficoltà più opprimenti restiamo padroni della nostra volontà, della nostra passione, del nostro amore per noi stessi e gli altri che è l’arma più potente, e molto spesso è grazie a questa che vinciamo le nostre battaglie. Ce ne saranno sempre di nuove, come per Zagor.
Gli invasori non resteranno su Akkron per sempre, e anche altri nemici arriveranno. Ci saranno sempre nuove sfide ad attenderci, sta a noi scappare o guardarle in faccia e provare a sconfiggerle.

 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Solidarietà, D’Avenia: “Acquistate nuove mascherine grazie al successo del crowfunding lanciato dal Centro Studi Super Sud”

Nella difficile battaglia contro il contagio da Coronavirus ogni contributo fatto con entusiasmo ha un valore enorme. Ne è la prova il crowfunding lanciato dal Centro...

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante