Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Il giorno dell'invasione: paura dal passato per Zagor

25/07/2015

Parlando delle avventure di Zagor la scorsa volta abbiamo messo un paio di punti fermi sul personaggio e sullo Zagor fumetto in generale.
Per prima cosa Zagor non è un western, secondo non è un Tex ambientato in un contesto differente e, terzo e più importante punto, la varietà degli antagonisti incontrati sono il reale punto di forza della testata.
Ecco perché, per festeggiare la storia numero 600 edita sul mensile 651 di Luglio (inutile dire che la numerazione è sfasata perché negli anni ’60-’70 le storie erano solite sforare oltre il limite di pagine del singolo numero, terminando su quello successivo), oltre al tradizionale numero a colori delle grandi occasioni, quelli della Bonelli hanno rispolverato il nemico forse più difficile da affrontare per lo “Spirito con la scure”: gli Akkroniani.
Il popolo alieno fece la sua comparsa in “Zagor 180 – Il raggio della morte”. Venuto dal pianeta Akkron con l’intento iniziale di limitarsi a studiare il nostro pianeta, decidono di invaderlo dopo essere venuti a contatto col computer del perfido scienziato Hellingen. Sarà l’intervento di Zagor, con le armi dello stregone Rakum, a scongiurare la minaccia e costringere il popolo dello spazio a fuggire.
Ora, dopo più di trent’anni, gli uomini viola sono tornati. Tante cose sono cambiate nel frattempo, Hellingen è morto (ma i nostalgici restino sintonizzati sulle pagine di Zagor anche il prossimo mese), lo spirito dello stregone Mohawk riposa nel profondo delle caverne del monte Naatani mentre i popoli di Darkwood continuano a vivere su quel precario equilibrio attraversano da sempre.
Una mattina, mentre Cico è a spasso in cerca di qualcosa da mangiare contendo della tranquillità delle ultime settimane quando all’improvviso scopre che l’intera zona è circondata da un campo di forza che impedisce a chiunque di uscire dall’area. La sera stessa il messicano si reca con Zagor con le tribù indiane per cercare di capire cosa stia succedendo, quando il gruppo viene attaccato dai guerrieri Powhatan e fatto prigioniero, prima che dall’altro discenda un enorme oggetto volante da cui si rivelano gli Akkroniani.
Zagor viene colpito e portato a bordo dell’astronave del comandante Daimon, che rivela le reali intenzioni del suo popolo.
Un nuovo piano d’invasione è pronto ad essere messo in atto, ma prima il popolo alieno ha mandato una nave apposta per catturare il nemico che anni prima li sconfisse per rispondere alla domanda che lo tormenta da allora: com’è stato possibile?
Gli Akkroniani sono immuni a tutte le armi terrestri, anche quelle più avanzate, eppure quel selvaggio è riuscito a metterli in fuga con armi rudimentali che, studiate sul pianeta Akkron, si sono rivelate del tutto inefficaci.
Daimon crede quelle usate da Zagor contenessero qualche segreto nella loro struttura e vuole scoprire quale, con qualsiasi mezzo. Ancora una volta il destino della Terra passa per quello di Darkwood, e dalle mani di un solo uomo.
“Zagor – Il giorno dell’invasione” porta la firma di Jacopo Rauch e Gallieno Ferri, autore e disegnatore rispettivamente tra i più attivi nei lavori sul personaggio. Se vogliamo essere sinceri, la valutazione del loro ultimo lavoro non è così facile.
Inserita nel contesto della continuity dell’universo di Darkwood la storia è molto bella, si assume il non facile compito di fare chiarezza su determinati aspetti rimasti sospesi per tanti anni e riporta sulle pagine del mensile personaggi meravigliosi, uno su tutti il compianto guerriero Akoto, morto per salvare Zagor in una delle sue avventure più belle. Se, invece, vogliamo analizzare solo la storia in sé, non si può non segnalare una certa lunghezza nelle spiegazioni che abbattono eccessivamente il ritmo della trama, soprattutto nella parte centrale.
Roba da niente in fondo, perché “Il giorno dell’invasione” la apprezzeranno sicuramente gli appassionati delle avventure dello “Spirito con la scure” ma, in fondo, anche i lettori meno costanti o addirittura chi volesse iniziare da qui a scoprire l’universo del personaggio troveranno una storia che risulta piacevole e porta con sé parecchi insegnamenti di cui far tesoro anche nella vita di tutti i giorni.
Non furono le armi, ma il guerriero che le impugnava a sconfiggere gli alieni. Anche di fronte alle difficoltà più opprimenti restiamo padroni della nostra volontà, della nostra passione, del nostro amore per noi stessi e gli altri che è l’arma più potente, e molto spesso è grazie a questa che vinciamo le nostre battaglie. Ce ne saranno sempre di nuove, come per Zagor.
Gli invasori non resteranno su Akkron per sempre, e anche altri nemici arriveranno. Ci saranno sempre nuove sfide ad attenderci, sta a noi scappare o guardarle in faccia e provare a sconfiggerle.

 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Regionali Campania, D’Avenia: “Per una democrazia delle opportunità bisogna puntare sulla ricerca e la formazione”

Le elezioni regionali si avvicinano e, come stabilito dal decreto presidenziale n.97 20/2020, si svolgeranno il 20 e 21 settembre.Sarà la prima chiamata alle urne per...

XVI edizione ‘Memorial Giovanni Caressa’, il consueto evento di Anffas Onlus Salerno in ricordo del suo fondatore

Grande successo per la XVI edizione del “Memorial Giovanni Caressa”, appuntamento ormai tradizionale di Anffas Onlus Salerno, nato in ricordo e in onore...

Bonus web Turismo & Studenti: la nuova proposta di Giovanni D’Avenia candidato al Consiglio Regionale della Campania nella lista “Centro Democratico -

 
L’emergenza Covid-19 ha portato senza preavviso ad un’accelerazione e rimodulazione del piano banda ultralarga e digital web. Durante i mesi...

Bonus web Turismo & Studenti: la nuova proposta di Giovanni D’Avenia candidato al Consiglio Regionale della Campania nella lista “Centro Democratico -

 L’emergenza Covid-19 ha portato senza preavviso ad un’accelerazione e rimodulazione del piano banda ultralarga e digital web. Durante i mesi...

Promuovere il dialogo tra imprenditori e professionisti della Campania per dar vita a collaborazioni di business e di carriera, l’iniziativa di Hirook

In un contesto globale che mette a dura prova non solo i processi di inclusione sociale ma anche di impresa e di sviluppo economico, nasce Hirooks People. Un progetto fondato da...

Regionali Campania 2020: D'Avenia presenta ‘Benessere & Università’ per la promozione di sani stili di vita nelle scuole

A partire dagli ultimi decenni si è registrato un crescente interesse per il tema della salute concepita, non più in una dimensione di responsabilità...

Rilancio del turismo, D’Avenia: “Weekend gratuiti per aiutare tutto il comparto turistico campano e riscoprire le bellezze del nostro territorio”

 
Tra gli effetti economici più immediati della crisi associata al Covid-19 era inevitabile, e anche prevedibile, un brusco calo al settore turistico che, in questa...

Regionali Campania, D’Avenia: “Promuovere il Sud e le sue potenzialità inespresse”

Le Elezioni Regionali in Campania 2020 sono ufficialmente posticipate causa pandemia nelle date del 20 e 21 settembre, appuntamento sancito dal decreto presidenziale n.97...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante