Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Battaglia: la storia vista con gli occhi di un vampiro

09/10/2015

Che cos’hanno in comune l’epoca Fascista, gli Anni di Piombo, la Strage di Ustica e la Nuova Camorra?
Un Vampiro.
Non è una battuta, ma andiamo con ordine.
Caporetto, Prima Guerra Mondiale 1916. Il più sanguinoso conflitto mai combattuto fino ad allora è forse all’apice della sua crudeltà. Un giovane soldato siciliano, Pietro Battaglia, scrive, tra un assalto di trincea e l’altro, alla sua fidanzata Ninetta. Non le parla di guerra, di morti, ma d’amore, di come la sogni ogni notte e la pensi in ogni momento, sperando che ogni domani sia quello in cui tornerà ad abbracciarla.
Un giorno Pietro viene ucciso. Un giorno qualunque, uguale a tutti gli altri. Che crudeltà immane porta con sé la Guerra, ci si abitua così tanto al dolore che si finisce per credere quella sia la normalità, e si arriva, giorno dopo giorno, ad imbracciare il proprio fucile e correre incontro al fuoco nemico come fosse una sorta di prassi collaudata, come se a morire non dovessi mai essere tu ma sempre qualcun altro.
E’ un giorno come un altro, dove muoiono tante persone da una parte e dall’altra, e quel giorno muore anche Pietro.
Sembra normale, dicevamo, fino a quando non capita a te, finchè un proiettile non finisce nel tuo petto e allora, negli ultimi istanti di vita, hai tutto il tempo del mondo per gridare che non è giusto tanti ragazzi muoiano per interessi più grandi di loro. E’ a questo che Pietro pensa prima di morire, eppure, nel profondo del suo cuore, un’altra convinzione si fa strada, quella che l’ingiustizia apparterrà sempre a questo mondo, e allora conta stare nella posizione giusta, poter dettare le regole per sopravvivere, essere ricchi, essere rispettati.
In questo modo, Pietro Battaglia si ribella alla sua fine. Muore il soldato, l’uomo, il ragazzo, e nasce il vampiro Battaglia, pronto a sporcarsi le mani di sangue, a vendersi al padrone più potente o, semplicemente, a quello che lo paga meglio, e in Italia di persone pronte a tutto pur di arrivare dove vogliono, disposte a pagare qualsiasi prezzo e rinunciare a qualsiasi scrupolo per i propri interessi, ne sono sempre esistite parecchie.
Con Battaglia facciamo la conoscenza, grazie alla fantasia di Roberto Recchioni e di Leomacs, quando l’editore Cosmo rilascia i volumi “Caporetto” e “Vota Antonio”.
Da allora il vampiro siciliano è tornato svariate volte agli onori della cronaca con le sue avventure ambientate nei più disparati momenti storici del nostro ‘900, dalle oscure campagne elettorali del dopoguerra al G8 di Genova.
L’indovinello di prima, l’avrete ormai capito, si riferiva alla nuova miniserie di Recchioni e Leomacs pubblicata da Aprile a Luglio di quest’anno.
“La figlia del capo”, il primo volume, inizia una sera a Roma, quando il vampiro viene convocato per una missione segreta, risolvere un problema tra l’allora capo del governo e dittatore italiano e sua figlia, che si trova in Oriente.
In “La lunga notte della Repubblica” il tema è il rapimento del segretario della DC da parte di un gruppo di terroristi. Pietro è incaricato di scoprire dove si trova, mentre “Il muro di Piombo” e “Sodoma” hanno il compito di introdurre nuovi interessanti spunti per la prosecuzione della pubblicazione.
Nel primo il vampiro si trova coinvolto in un incidente aereo che costerà la vita all’intero equipaggio e ai passeggeri, ma scoprirà che non è stato un semplice incidente. Qualcuno sapeva che si sarebbe imbarcato su quel volo diretta in Sicilia, e lo voleva morto. Nell’ultima storia, la più bella soprattutto per l’accuratezza dell’ambientazione e l’ottima caratterizzazione dei personaggi, uno spietato Pietro chiuderà il cerchio in una sanguinosa resa dei conti che porterà un nuovo inizio, stavolta, sembra, non più da pedina ma da scacchiere.
Che dire, pur risultando a volte, come accade quando si è alle prese con questo autore, una trama che sembra strizzare eccessivamente l’occhio ad una violenza gratuita, anche questa nuova miniserie conferma Battaglia come un prodotto di ottima qualità, che ha il grande merito di mettere a nudo il peggio degli uomini, e ricorda soprattutto una verità non sottovalutare: la Storia è il prodotto delle nostre scelte, decidiamo noi come scriverla. Tante volte sarebbe bastato dar retta alla propria coscienza per cambiarla, ma troppo spesso l’unica voce che riusciamo a sentire è quella del vampiro, che urla, pazzo, dentro di noi.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...

“Decretiamo parità”, la nuova proposta a sostegno delle madri lavoratrici ad opera della Digital media strategist campana Isabella Borrelli

Le misure emergenziali alle quali noi italiani siamo stati chiamati, come lo smartworking di un’intera nazione e la chiusura temporanea di interi settori produttivi, hanno...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante