Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Morgan Lost: cronache da un mondo parallelo

27/11/2015

Quando Claudio Chiaverotti, torinese, classe ’65, ha lasciato da giovane la facoltà di Giurisprudenza aveva bene in testa cosa fare. Claudio voleva scrivere fumetti, ma non solo, voleva scrivere i “suoi fumetti”.
E sì, perché appena arrivato alla Bonelli nel 1989 ed entrato a far parte dello staff di Dylan Dog, Claudio potrebbe limitarsi a seguire il copione che, in fondo, ad appena tre anni dalla nascita del fumetto, è ancora fresco, ma “Il buio”, numero 34 della serie e primo scritto da lui, appare come il primo vero taglio all’impronta impostata da Tiziano Sclavi.
Sta di fatto che a Sclavi è sempre piaciuto chi ha il coraggio di osare e Chiaverotti diventa in breve tempo, se non il suo successore ufficiale a capo del progetto, sicuramente uno tra quelli che accompagnano l’indagatore dell’incubo nei suoi anni d’oro, fino al numero 205, “Il compagno di scuola”, ultima storia da lui scritta sul personaggio, che arriva quando nella testa di Claudio ci sono già altri progetti.
Lui vuole scrivere “i suoi fumetti”, dicevamo, e reinterpretare quelli degli altri a modo suo gli piace ma non è abbastanza, e così nel 1998 nasce “Brandon”, sua creatura in tutto e per tutto. La serie va avanti, a cadenza bimestrale, fino al numero 100.
Già a pochi numeri dalla fine l’autore in un intervista lasciò intendere che stava lavorando ad un nuovo progetto e che non si sarebbe dovuto aspettare molto per sapere di cosa si trattava. Uomo di parola, visto che dieci mesi paragonati ai tempi di produzione e messa in vendita del fumetto italiano non sono davvero tanti.
“Morgan Lost 1 – L’uomo dell’ultima notte” arriva in edicola e fumetteria lo scorso Ottobre e in questi giorni si appresta a replicare il successo del primo numero con “Non lasciarmi”, seconda tappa alla scoperta del nuovo personaggio di casa Bonelli.
Come Brandon era una contaminazione di diversi generi, dal Fantasy all’Horror, anche Morgan Lost non si ascrive ad uno di questi in particolare, ma aggiunge fin da subito una certa dose di Splatter che rende il tutto decisamente più Dark del precedente lavoro e più Pulp di Dylan Dog (quanto amo questo “American Language”).
Teatro delle vicende è New Heliopolis, metropoli anni ’50 di un mondo alternativo al nostro, in cui Adolf Hitler è stato ucciso da una spia nel ’37 (qui invece hanno aspettato che ci pensasse da solo nel ’45, sta a voi decidere quale tra i due è il vostro mondo ideale) e Albert Einstein ha deciso che la Scienza e la Matematica sono in fondo quel che pensiamo quasi tutti, una vera noia, e per questo si è dedicato alla scrittura di romanzi di Fantascienza.
Sui maxischermi della metropoli davvero ben disegnata dall’ottimo Michele Rubini scorrono le immagini di feroci serial killer e criminali di ogni specie che sono a piede libero, perché possano essere riconosciuti e “cacciati”.
A New Heliopolis, infatti, i criminali devono guardarsi bene le spalle, perché nascosti tra i passanti, ben mimetizzati come normali cittadini non ci sono solo loro, ma anche i cacciatori, gente che si guadagna da vivere trovandoli ed eliminandoli.
Morgan è uno di questi, individui spesso anch’essi privi di scrupoli, che viaggiano sul filo della giustizia, un abile miscuglio tra detective da film noir e bounty killer da selvaggio West.
E’ naturalmente presto per giudicare un progetto che si svilupperà, mensilmente, in maniera più dettagliata nel corso delle prossime uscite, ma due cose buone questo Morgan Lost già ce le ha fatte vedere.
La prima deriva molto probabilmente dal fatto che Chiaverotti è un ottimo conoscitore di cinema e, soprattutto, di quel cinema italiano che a cavallo degli anni ’60 e ’70 è stato da esempio al mondo intero e, ancora oggi, è la più grande fonte di ispirazione del cinema post-moderno e della post-serialità, le cui citazioni condiscono in maniera perfetta il primo numero. La seconda sta nella bella trovata visiva di disegnare la serie, come ha detto l’autore, “con gli occhi del protagonista”. Morgan infatti è daltonico, vede il mondo solo attraverso tre colori: bianco, nero e rosso, creando quell’atmosfera a tratti davvero opprimente e coinvolgente che riesce a catturare da subito lo spettatore.
Se il prosieguo sarà all’altezza ne saremo tutti contenti, nel frattempo restano i giusti meriti di qualcuno che, pur a volte aspramente criticato, continua a portare avanti il suo stile e la sua visione nelle opere che crea. Non è poco e, soprattutto, non è da tutti.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Solidarietà, D’Avenia: “Acquistate nuove mascherine grazie al successo del crowfunding lanciato dal Centro Studi Super Sud”

Nella difficile battaglia contro il contagio da Coronavirus ogni contributo fatto con entusiasmo ha un valore enorme. Ne è la prova il crowfunding lanciato dal Centro...

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante