Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Topolino: storia di un topo

04/12/2015

Immaginate di essere a New York nel 1928. E’ il 28 Novembre e nella metropoli americana affacciata sull’Oceano, che odora di scarichi d’automobili, di fumo e di cemento fresco si accendono le prime luci della sera.
I rumori dei cantieri e degli uffici lasciano il posto alle urla che vengono da Coney Island, ai fischi delle persone che chiamano i taxi e alle risate dei giovani all’ingresso dei Fast Food e dei cinema.
Ecco, immaginiamo di entrare insieme a loro al Colony Teathre, una delle tante sale che portano l’ottava arte, la più giovane, la più coinvolgente, agli occhi e ai sensi di milioni di persone.
Ci state pensando? Bene, adesso lasciamo quella sala piena sospesa li, come una vecchia foto, immobile, e torniamo indietro, sempre a New York, di qualche mese. Siamo in Marzo, e stavolta in uno di quegli uffici fatti del ticchettio delle macchine da scrivere, di fogli appallottolati e cenere di sigarette.
Per Walt, che quello studio l’ha creato con i soldi che guadagna facendo il regista di piccoli cortometraggi , non è affatto un bel giorno. Fare il regista a quei tempi è come fare qualsiasi altro mestiere, per sfondare davvero non basta dirigere, per essere qualcuno devi “creare qualcosa”. E Walt qualcosa l’aveva creato e in un campo che era nuovo anche per il cinema: quello dell’animazione.
Lo aveva chiamato “Oswald il Coniglio Fortunato”, e quando la Universal aveva accettato di distribuirlo per lui era stata una grande soddisfazione, tanto che il giovane a tutto aveva pensato tranne che a “mettere le cose in regola” in materia legale. A quel tempo infatti, in mancanza di altri accordi, la legge stabiliva che i diritti di un personaggio andassero in automatico a chi lo distribuiva, e così, ben presto, la società di distribuzione si prese Oswald e tanti saluti a Walt. Ub Iwerks, capo disegnatore dello studio Disney e migliore amico di Walt, aveva provato ad avvertirlo, ma come si dice “quel che è stato è stato”, e ai pochi artisti rimasti fedeli a Walt (il resto si erano tutti trasferiti, ben retribuiti, alla Universal) non resta che ricominciare da capo. L’importante, in fondo, nel mondo del Cinema di quel tempo era non restare senza idee.
E un’idea, in effetti, il ragazzo di Chicago se la fa venire. Si ricorda che, ai tempi in cui lavorava in un altro studio, aveva trovato e ammaestrato un topolino che viveva nel suo ufficio. Insieme a Ub lavora giorno e notte, e il 15 Maggio, dopo nemmeno due mesi, i due proiettano davanti ad una ristretta platea “L’aereo impazzito”.
Il corto, muto, non riesce a trovare un distributore, ma Walt, che a questo punto non ha più niente da perdere, decide di investire tutti i suoi risparmi nella produzione di un altro cortometraggio, utilizzando stavolta la tecnica del “sonoro”, che aveva esordito pochi mesi prima.
“Steambot Willie” vede il topo, che nel frattempo non si chiama più “Mortimer” perché per sua moglie era troppo minaccioso come nome, combattere a bordo di un battello a vapore con un gatto ciccione e prepotente, “Pete Leg Pete”, “Gambadilegno” in italiano.
E così possiamo tornare all’inizio di questa storia, in quel cinema dove Stemaboat Willie viene proiettato per la prima volta in pubblico mentre, dietro le quinte, Walt Disney si gioca, in pochi minuti, tutta la sua vita e i suoi sogni.
Com’è andata non serve immaginarlo, lo sapete già.
Il successo è tale che in meno di due anni verranno prodotti ben sedici corti. Nel frattempo, oltre al cinema, un’altra arte sta iniziando a far sognare le persone: il Fumetto.
Le prime strisce del topo sono firmate dai suoi due creatori, e lo vedono protagonista di avventure in linea con i corti cinematografici, fino a che, nel 1930, alla “Walt Disney’s Studios” arriva un giovane di nome Floyd Gottfredson, che scrive e disegna la storia “Nella valle della morte”.
In pochi anni Gottfredson prende il topo per mano e gli costruisce intorno una città e la maggior parte dei personaggi che oggi popolano il suo mondo.
Il topo entra, si può dire, nelle case di tutto il mondo. In Italia una rivista che porta il suo nome nasce nel 1949 ed è da oltre mezzo secolo il fumetto più venduto nel nostro paese.
Ne ha vissute di storie il topo da allora! Ha risolto gialli complicati, combattuto nemici fortissimi, viaggiato nel tempo e tante altre cose, ma queste sono, appunto, altre storie.
La nostra finisce o, per meglio dire, inizia qui, in quella sera del 1928 che abbiamo provato a raccontarvi.
A proposito, il topo decisero di chiamarlo “Mickey”, e per tutti noi oggi è “Topolino”. Forse ne avrete sentito parlare.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Solidarietà, D’Avenia: “Acquistate nuove mascherine grazie al successo del crowfunding lanciato dal Centro Studi Super Sud”

Nella difficile battaglia contro il contagio da Coronavirus ogni contributo fatto con entusiasmo ha un valore enorme. Ne è la prova il crowfunding lanciato dal Centro...

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante