Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Outcast: quello che spaventa

26/02/2016

Un po’ di tempo fa, da queste stesse pagine, avevo messo da parte la mia proverbiale pazienza nel dare giudizi, cosa di cui tra l’altro mi rimproverano parecchie persone, e mi ero, per così dire, lanciato in un giudizio essenzialmente molto più che positivo, dopo aver letto solo il primo numero, di “Outcast – Il Reietto”, che arrivava, attesissimo, nel nostro paese.
Il tempo vola, e di bimestre in bimestre la creatura di Robert Kirkman si avvia a compiere il primo anno di vita editoriale, ed ha di fatto, col numero 6 “Vicino a casa” concluso, a detta dello stesso autore, il primo arco narrativo che vede protagonista Kyle Barnes e il reverendo Anderson, alle prese con casi di possessione (ma sarà davvero così?) che stanno squarciando le vite di una tranquilla provincia americana.
Ora, non sono davvero il tipo che ama autocompiacersi, per cui non starò qui a riempirmi di complimenti per la mia lungimiranza e la capacità nel saper riconoscere da poche pagine un fumetto valido da uno meno, o per niente, valido. Sta di fatto che la storia nell’arco della prima annata ha sviluppato in maniera più che convincente gli ingredienti presenti dal primo numero.
Il primo e più importante è, come si intuisce dalla trama, l’elemento del sovrannaturale, trattato nei giusti canoni, senza lasciarsi andare a trovate fin troppo fantasiose che in prodotti dedicati al genere troppo spesso hanno ottenuto l’effetto opposto a quello sperato, rendendo la trama eccessivamente poco credibile e infilandola in vicoli ciechi da cui si esce solo con altre trovate ancor più fantasiose. Qui Kirkman ci da sempre l’impressione, anche davanti a persone che si dibattono e parlano con voci che non sembrano le loro, di volerci tenere di proposito con i piedi per terra, anche aiutato dallo splendido lavoro che sta facendo ai disegni Paul Azeceta, che ci consegna un’atmosfera “surreale”, mai irreale.
Il secondo aspetto sta nel protagonista, il “reietto”. Se “The Walking Dead” è un prodotto corale e “Invincible” un personaggio che trae la sua forza dall’universo che popola e dai suoi abitanti, “Outcast” è davvero la parabola del suo protagonista, Kyle Barnes. Un matrimonio distrutto, un rapporto con la figlia da recuperare, un’infanzia difficile segnata dalla violenza, e un potere che non è ancora chiaro se serva a fare del bene o magari, come lui stesso sospetta, l’opposto. La trama procede bella spedita, ma per la prima volta l’autore si sta prendendo il giusto tempo per farci conoscere il personaggio, un poco alla volta senza sovraccaricare lo spettatore di informazioni.
Al momento ci stiamo facendo un’idea precisa di cosa lo ha portato ad isolarsi dai suoi cari, a vivere in una casa buia, disordinata, con gli spettri di un passato che tornano quasi tutte le notti a bussare nei suoi incubi. A lui si contrappone in modo efficace la figura del reverendo Anderson, sicuro, ma solo in apparenza, di combattere una battaglia contro il male e che in Kyle risieda il dono di aiutare persone che il esso ha fatto prigioniere.
Ecco, il male è l’altro protagonista di Outcast. Non un cattivo in carne e ossa, anche se sembra aver preso le sembianze del nuovo vicino di casa di Kyle, ma nemmeno una presenza troppo astratta come il demonio o spiriti maligni vari.
Già, perché a sentire le parole del reverendo Anderson è il diavolo ad aver preso di mira la città, ma in fondo ne siamo davvero sicuri? Quello che Robert Kirkman ci ha mostrato finora, in fondo, sono persone. Persone che urlano, che graffiano contro i muri, che hanno l’irrefrenabile voglia di far del male ai propri cari d’accordo, ma pur sempre persone.
E così, il dubbio del protagonista diventa anche il nostro. E’ come un bambino che guarda in una stanza dal buco della serratura. Vede un punto della stanza, e descrive cosa sta succedendo dentro, ma in realtà è sempre un punto, un angolazione, e ti rendi contro che in fin dei conti il bambino non sa proprio nulla di quello che sta succedendo dentro la stanza.
Kile, e lo spettatore, sono come quel bambino. Si rendono conto che sta accadendo qualcosa di strano, ma non sanno cosa. Proprio come Cristian Bale nei panni Trevor Reznick, protagonista del capolavoro “L’uomo senza sonno”, magro, pallido, a cui il reietto di Kirkman e Azeceta nell’aspetto somiglia non poco, mentre parla con la prostituta Stevie di alcune strane cose che gli stanno succedendo a lavoro, temendo che i colleghi vogliano danneggiarlo.
-La stai facendo troppo lunga, Trevor- dice lei –se volessero licenziarti lo farebbero e basta-.
-Non mi spaventa essere licenziato- risponde lui guardandola. –E cosa ti spaventa allora?-
-…Ancora non lo so-.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Regionali Campania, D’Avenia: “Per una democrazia delle opportunità bisogna puntare sulla ricerca e la formazione”

Le elezioni regionali si avvicinano e, come stabilito dal decreto presidenziale n.97 20/2020, si svolgeranno il 20 e 21 settembre.Sarà la prima chiamata alle urne per...

XVI edizione ‘Memorial Giovanni Caressa’, il consueto evento di Anffas Onlus Salerno in ricordo del suo fondatore

Grande successo per la XVI edizione del “Memorial Giovanni Caressa”, appuntamento ormai tradizionale di Anffas Onlus Salerno, nato in ricordo e in onore...

Bonus web Turismo & Studenti: la nuova proposta di Giovanni D’Avenia candidato al Consiglio Regionale della Campania nella lista “Centro Democratico -

 
L’emergenza Covid-19 ha portato senza preavviso ad un’accelerazione e rimodulazione del piano banda ultralarga e digital web. Durante i mesi...

Bonus web Turismo & Studenti: la nuova proposta di Giovanni D’Avenia candidato al Consiglio Regionale della Campania nella lista “Centro Democratico -

 L’emergenza Covid-19 ha portato senza preavviso ad un’accelerazione e rimodulazione del piano banda ultralarga e digital web. Durante i mesi...

Promuovere il dialogo tra imprenditori e professionisti della Campania per dar vita a collaborazioni di business e di carriera, l’iniziativa di Hirook

In un contesto globale che mette a dura prova non solo i processi di inclusione sociale ma anche di impresa e di sviluppo economico, nasce Hirooks People. Un progetto fondato da...

Regionali Campania 2020: D'Avenia presenta ‘Benessere & Università’ per la promozione di sani stili di vita nelle scuole

A partire dagli ultimi decenni si è registrato un crescente interesse per il tema della salute concepita, non più in una dimensione di responsabilità...

Rilancio del turismo, D’Avenia: “Weekend gratuiti per aiutare tutto il comparto turistico campano e riscoprire le bellezze del nostro territorio”

 
Tra gli effetti economici più immediati della crisi associata al Covid-19 era inevitabile, e anche prevedibile, un brusco calo al settore turistico che, in questa...

Regionali Campania, D’Avenia: “Promuovere il Sud e le sue potenzialità inespresse”

Le Elezioni Regionali in Campania 2020 sono ufficialmente posticipate causa pandemia nelle date del 20 e 21 settembre, appuntamento sancito dal decreto presidenziale n.97...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante