Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Donne tra le nuvole: il gentil sesso a fumetti

04/03/2016

“Il y a une femme dans tout les affaires…Chercez la femme!”, scriveva Alexandre Dumas nel romanzo “I mohicani di Parigi”. Tradotto, il discorso vuol dire che non importa il luogo e il contesto, alla base di ogni questione irrisolta c’è sempre una donna.
Se pensiamo alla fiction e agli esempi più famosi di attività romanzesca l’affermazione ci sta parecchio. Dai tempi dell’ Iliade e di Elena di Troia (questo nome non mi è nuovo, recitava il genio di Totò), passando per la bella Lucia dei Promessi Sposi del Manzoni, per l’appunto “promessa” a Renzo ma contesa da Don Rodrigo e qualche altro non dichiarato ammiratore, fino ad arrivare alle femmes fatales del romanzo del ‘900 come le Jane Wilkinson e Carlotta Adams di “Se morisse mio marito” (Agatha Christie) o la Vivien Sternwood poi meravigliosamente portata sullo schermo da quello schianto di donna che era Lauren Bacall in “Il grande sonno” (Raymond Chandler). Donne bellissime, affascinanti, intelligenti, spesso ambigue, ma una cosa le accomuna tutte: alla fine vincono sempre.
Dal mondo del romanzo a quello del cinema il passo è breve, e nell’arco di un secolo, dal cinema muto a quello che chiamiamo oggi post – moderno, l’umanità si è innamorata di Ginger Rogers e dei suoi balli con Fred Astaire, delle gambe di Marilyn Monroe in “Quando la moglie è in vacanza” di Billy Wilder, del corpo nudo di Brigitte Bardot ne “Il disprezzo” di Godard e di quello violato di Maria Shnider in “Ultimo tango a Parigi” di Bertolucci. Forme bellissime, ma anche forza di volontà, tenacia e spirito rivoluzionario, con cui la Claudia Cardinale di C’era una volta il West disarma, nel vero senso della parola, tre duri come Henry Fonda, Jason Robards e Charles Bronson, o con i quali Sofia Loren (la più grande diva di sempre, che ancora oggi alla sua bella età toglie il fiato in qualsiasi studio televisivo metta piede) ottiene il rispetto e salva se stessa e la figlia dalle umiliazioni della guerra in “La ciociara”.
Dalla musica, alla pittura, al teatro, la donna è stata protagonista indiscussa dell’ arte, spesso senza nemmeno saperlo; pensiamo alla “Ragazza con l’orecchino di perla” di Wermeer, che da secoli e per il resto di quelli che restano all’umanità è, e sarà, ammirata senza conoscerne il vero nome, o alla Monna Lisa di Leonardo e al suo sorriso che nasconde l’enigma dell’universo femminile per gli uomini.
Anche l’arte del fumetto ci ha parlato, e continua a farlo, della donna. Ha iniziato, se non dal punto di vista prettamente cronologico sicuramente da quello simbolico, nel 1941, quando William Moulton Marston crea il personaggio di Wonder Woman. L’America di allora è un paese che cammina veloce, secondo molti quello dove anche chi nasce senza avere niente può arrivare in alto. Ecco perché il Movimento Femminile, che per secoli ha dovuto ingoiare la definizione di sesso debole, è in fermento. Gli anni giusti, nel paese giusto, per far sentire la propria voce e ottenere diritti per troppo tempo negati.
Anche tanti uomini la pensano così, e tra loro c’è proprio Marston. La sua Diana, donata dalla dea Afrodite alla regina delle Amazzoni Ippolita e scesa sulla Terra per difendere l’umanità, è il simbolo della rivincita delle donne, non più sesso debole e sottomesso, ma eroina di una giovane nazione il cui costume porta i colori della bandiera. “La forza di Superman, con tutto il fascino delle donne”, diceva Marston, raccontando il suo personaggio.
Quasi contemporaneamente sempre la Dc Comics aveva lanciato Selina Kyle, in arte Catwoman, ladra professionista di Gotham City che incrocerà nel corso degli anni tantissime volte la strada di Batman e ancora oggi, dopo più di settant’anni, non siamo riusciti a capire se da amica o nemica.
La Marvel, storica rivale della Dc, impiegherà in questo caso diverso tempo per rispondere in maniera convincente. Dovremo aspettare la fine degli anni '70, altro periodo fondamentale per l’affermazione dei diritti delle donne, con Tempesta e la oggi poco ricordata Ms Marvel, ragazza rifiutata dal padre (altro spunto sociale), che si unisce all’esercito per dimostrare il suo valore.
Eroi e antieroi, come la Eva Kant che aiuta Diabolik nelle sue avventure, fredda e dal difficile passato, o le più moderne Legs Weawer e Lilyth. Sensuali, passionali, simbolo di una femminilità che non ha paura delle convenzioni sociali nell’omosessualità dichiarata della prima, o di vivere la seduzione come un’arma lecita per ottenere i propri scopi come fa la seconda, fino a Crepax e alla sua Valentina, spregiudicata ed erotica icona del sesso.
E, in tutto questo, gli uomini? Alcuni, come Diabolik e Bruce Wayne, provano a capire cosa si nasconde dietro le apparenze, altri come Nathan Never preferiscono osservarle da lontano per paura di restare troppo coinvolti, altri ancora come Tex e Peter Parker si lasciano guidare dall’istinto senza preoccuparsi di sbagliare.
Io, tra tutti, mi sento come Dylan Dog. Lui ha rinunciato da un pezzo a capirle, le donne, perché ha compreso quella che in fondo è, da sempre, la grande fortuna degli uomini: poterle osservare, toccare, vivere, senza bisogno di un perché, in tutto il loro fascino, il loro splendore, il loro mistero.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Lo chef stellato Domenico Iavarone ospite al secondo appuntamento della rassegna “5 Senses Dinner”

Il Via Porto Bistrot di Salerno diventa nuovamente palcoscenico di una cena indimenticabile organizzata in occasione della rassegna “5 Senses Dinner” in cui chef...

La stylist Valentina D’Alessandro trasforma Seta atelier in una passerella fatata

Moda, magia e bellezza, saranno questi gli ingredienti del trunk show dell’atelier Seta in cui bellissime modelle sfileranno per presentare i dieci splendidi abiti della...

Il celebre comico televisivo Carmine Faraco ospite alla serata della ANC Salerno

Si terrà venerdì 11 ottobre, presso il Salone dei Genovesi della Camera di Commercio di Salerno, il convegno "La salvaguardia della continuità aziendale ed...

Lo chef stellato Paolo Gramaglia alla rassegna “5 Senses Dinner” di Via Porto Bistrot

E’ tutto pronto per il taglio del nastro della prima edizione di “5 Senses Dinner” organizzata dal “Via Porto Bistrot” di Salerno in cui suoni,...

L’attore Vinicio Marchioni al TEDxSalerno 2019

Il TEDxSalerno torna più prorompente che mai per l’edizione 2019 e giura di essere ancora più esplosivo dello scorso anno grazie a una nuova location, nuovi...

TEDx Salerno 2019: apre la vendita dei ticket per l’edizione “Anomalie”

Dopo la prima edizione dello scorso anno che ha registrato picchi di interesse notevoli, torna in scena l’edizione 2019 del TEDxSalerno organizzata da Wires, associazione...

L’Associazione Nazionale Commercialisti Salerno aderisce allo sciopero nazionale dei commercialisti di tutta Italia.

Anche l’Associazione Nazionale Commercialisti Salerno decide di aderire e partecipare allo sciopero nazionale annunciato dai sindacati dei commercialisti di tutta Italia...

Al cinema dal 18 luglio "Passpartù - Operazione Doppiozero" di Lucio Bastolla con Veronica Maya

Arriva al cinema dal 18 luglio, “Passpartu’ - Operazione Doppiozero” la divertente commedia di Lucio Bastolla che vede in un cast corale...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante