Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Giulia: 210 avventure di una criminologa

11/03/2016

Occhi grandi sui quali ogni tanto posa un paio di occhiali da lettura, figura snella, bruna, vestita in nero, avvolta in un lungo cappotto, tacchi non molto alti. Siamo abituati a vederla così fin dalla prima volta in cui l’abbiamo incontrata, un po’ di tempo fa, anche se per lei gli anni sembrano non passare mai, come le dive.
Merito di Giancarlo Berardi, autore che definire geniale è anche riduttivo, che a Miss Julia Kendall ha dato un volto e un carattere, costruendo, negli anni, un fumetto bellissimo che quasi un anno fa ha tagliato il meritatissimo traguardo dei 200 numeri.
Era il 1998, e Berardi usciva da un’esperienza tanto bella quanto, immaginiamo, faticosa come “Ken Parker”, creato un ventennio prima con Ivo Milazzo, altro grandissimo dell’ottava arte (uno che, non stiamo affatto esagerando, dovrebbe essere studiata nelle scuole al capitolo “grandi narratori del ‘900”).
Il fumettista genovese bussa alla porta dell’ufficio di Sergio Bonelli con i bozzetti di due idee: una, a sfondo fantascientifico, avrebbe dovuto chiamarsi “Stark”, l’altra, una saga di spionaggio, “Drako”. Vengono scartate entrambe, forse perché sanno di già visto o semplicemente perché Sergio non ci crede più di tanto, ma la differenza tra i bravi e i geni è che i secondi quando ti mostrano due idee ne hanno già in mente una terza.
Stavolta l’azione è di genere poliziesco, e si svolge in una città immaginaria del New Jersey. Il protagonista è una donna, una giovane criminologa alle prese con omicidi e altri crimini che avvengono a Garden City. E’ l’idea buona.
Il primo numero di “Julia – Le avventure di una criminologa”, col titolo “Gli occhi dell’abisso” esce nell’Ottobre 1998, e vede la presenza di quella che sarà una delle sue antagoniste più agguerrite, Myrna Harrod, assassina seriale con la quale, nel corso degli anni, Julia svilupperà un rapporto misto tra sfida e rispetto, odio e attrazione (Myrna non nasconderà mai alla protagonista di esserne innamorata).
Vengono delineati anche quelli che saranno i protagonisti principali della serie. Julia insegna criminologia alla Hollyhock University e condivide gran parte del suo tempo con la governante Emily Jones, donna di colore che si prende cura della sua casa. Non lavora ufficialmente in Polizia, ma presta spesso servizio come consulente del Garden City Police Department, collaborando con il tenente Alan J. Webb e il sergente “Big” Ben Irwing. Collaborazione, la loro, niente affatto semplice, colpa in particolar modo del carattere spigoloso del tenente.
Il migliore amico di Julia è il detective privato Leonard “Leo” Baxter, tipo dai modi piuttosto sbrigativi ma pronto a rischiare tutto per le persone a cui tiene, con cui ha un rapporto quasi fraterno. Li lega una infanzia dura alle spalle, dove Leo ha perso il fratello piccolo e Julia entrambi i genitori, e un modo in fondo un po’ infantile e sognatore di guardare la vita.
Ci sono poi la sorella Norma, che fa la modella ed è sempre in giro per il mondo, e la nonna Lilian, che ha accudito le sorelle Kendall dopo la morte dei genitori, e ora vive in una pensione e dispensa i suoi consigli di vita, soprattutto in ambito sentimentale, alla nipote ogni volta che ne ha l’occasione.
Una protagonista affascinante rappresentata con le fattezze dell’indimenticabile Audrey Hepburn, sensuale anche se non fa niente per sembrarlo , intelligente, timida al punto giusto, un ambientazione metropolitana ma non caotica (Garden City appare una città verde e tranquilla) che si sposa alla perfezione con il genere, un gruppo di comprimari molto credibile e ben assortito, e in pochi numeri Julia diventa uno dei fumetti più seguiti in Italia, ottenendo recensioni straordinariamente positive e arrivando ad essere considerato, oggi, una tra le migliori, se non la migliore forma di scrittura di casa Bonelli.
Per chi non la conoscesse, l’occasione per avvicinarsi a Miss Kendall può essere il bellissimo numero uscito in edicola lo scorso Febbraio, “Julia 209 - Vedi Napoli e poi muori”, in cui la criminologa, in Italia per passare qualche giorno in compagnia del fidanzato Ettore si troverà alle prese con un caso di omicidio legato, forse, al ritrovamento di un dipinto. Sceneggiatura dello stesso Berardi e Maurizio Montero, disegni di Steve Boreley, la storia è un continuo susseguirsi di azione, nella cornice di un capoluogo partenopeo ottimamente rappresentato. Del resto, pare che la Bonelli abbia annunciato che questo numero segnerà l’inizio di un periodo di grandi indagini in giro per il mondo per Julia.
Note agli appassionati di curiosità, il nome del personaggio fu scelto dal creatore come richiamo alla Gens Iulia, per simboleggiare l’italianità del personaggio. Per quanto riguarda il cognome, Kendall, ricordatevi di “Ken Parker”.
Infine c’è il suo fidanzato, poliziotto italiano genovese come Berardi. Le coincidenze!

 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Solidarietà, D’Avenia: “Acquistate nuove mascherine grazie al successo del crowfunding lanciato dal Centro Studi Super Sud”

Nella difficile battaglia contro il contagio da Coronavirus ogni contributo fatto con entusiasmo ha un valore enorme. Ne è la prova il crowfunding lanciato dal Centro...

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante