Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Giulia: 210 avventure di una criminologa

11/03/2016

Occhi grandi sui quali ogni tanto posa un paio di occhiali da lettura, figura snella, bruna, vestita in nero, avvolta in un lungo cappotto, tacchi non molto alti. Siamo abituati a vederla così fin dalla prima volta in cui l’abbiamo incontrata, un po’ di tempo fa, anche se per lei gli anni sembrano non passare mai, come le dive.
Merito di Giancarlo Berardi, autore che definire geniale è anche riduttivo, che a Miss Julia Kendall ha dato un volto e un carattere, costruendo, negli anni, un fumetto bellissimo che quasi un anno fa ha tagliato il meritatissimo traguardo dei 200 numeri.
Era il 1998, e Berardi usciva da un’esperienza tanto bella quanto, immaginiamo, faticosa come “Ken Parker”, creato un ventennio prima con Ivo Milazzo, altro grandissimo dell’ottava arte (uno che, non stiamo affatto esagerando, dovrebbe essere studiata nelle scuole al capitolo “grandi narratori del ‘900”).
Il fumettista genovese bussa alla porta dell’ufficio di Sergio Bonelli con i bozzetti di due idee: una, a sfondo fantascientifico, avrebbe dovuto chiamarsi “Stark”, l’altra, una saga di spionaggio, “Drako”. Vengono scartate entrambe, forse perché sanno di già visto o semplicemente perché Sergio non ci crede più di tanto, ma la differenza tra i bravi e i geni è che i secondi quando ti mostrano due idee ne hanno già in mente una terza.
Stavolta l’azione è di genere poliziesco, e si svolge in una città immaginaria del New Jersey. Il protagonista è una donna, una giovane criminologa alle prese con omicidi e altri crimini che avvengono a Garden City. E’ l’idea buona.
Il primo numero di “Julia – Le avventure di una criminologa”, col titolo “Gli occhi dell’abisso” esce nell’Ottobre 1998, e vede la presenza di quella che sarà una delle sue antagoniste più agguerrite, Myrna Harrod, assassina seriale con la quale, nel corso degli anni, Julia svilupperà un rapporto misto tra sfida e rispetto, odio e attrazione (Myrna non nasconderà mai alla protagonista di esserne innamorata).
Vengono delineati anche quelli che saranno i protagonisti principali della serie. Julia insegna criminologia alla Hollyhock University e condivide gran parte del suo tempo con la governante Emily Jones, donna di colore che si prende cura della sua casa. Non lavora ufficialmente in Polizia, ma presta spesso servizio come consulente del Garden City Police Department, collaborando con il tenente Alan J. Webb e il sergente “Big” Ben Irwing. Collaborazione, la loro, niente affatto semplice, colpa in particolar modo del carattere spigoloso del tenente.
Il migliore amico di Julia è il detective privato Leonard “Leo” Baxter, tipo dai modi piuttosto sbrigativi ma pronto a rischiare tutto per le persone a cui tiene, con cui ha un rapporto quasi fraterno. Li lega una infanzia dura alle spalle, dove Leo ha perso il fratello piccolo e Julia entrambi i genitori, e un modo in fondo un po’ infantile e sognatore di guardare la vita.
Ci sono poi la sorella Norma, che fa la modella ed è sempre in giro per il mondo, e la nonna Lilian, che ha accudito le sorelle Kendall dopo la morte dei genitori, e ora vive in una pensione e dispensa i suoi consigli di vita, soprattutto in ambito sentimentale, alla nipote ogni volta che ne ha l’occasione.
Una protagonista affascinante rappresentata con le fattezze dell’indimenticabile Audrey Hepburn, sensuale anche se non fa niente per sembrarlo , intelligente, timida al punto giusto, un ambientazione metropolitana ma non caotica (Garden City appare una città verde e tranquilla) che si sposa alla perfezione con il genere, un gruppo di comprimari molto credibile e ben assortito, e in pochi numeri Julia diventa uno dei fumetti più seguiti in Italia, ottenendo recensioni straordinariamente positive e arrivando ad essere considerato, oggi, una tra le migliori, se non la migliore forma di scrittura di casa Bonelli.
Per chi non la conoscesse, l’occasione per avvicinarsi a Miss Kendall può essere il bellissimo numero uscito in edicola lo scorso Febbraio, “Julia 209 - Vedi Napoli e poi muori”, in cui la criminologa, in Italia per passare qualche giorno in compagnia del fidanzato Ettore si troverà alle prese con un caso di omicidio legato, forse, al ritrovamento di un dipinto. Sceneggiatura dello stesso Berardi e Maurizio Montero, disegni di Steve Boreley, la storia è un continuo susseguirsi di azione, nella cornice di un capoluogo partenopeo ottimamente rappresentato. Del resto, pare che la Bonelli abbia annunciato che questo numero segnerà l’inizio di un periodo di grandi indagini in giro per il mondo per Julia.
Note agli appassionati di curiosità, il nome del personaggio fu scelto dal creatore come richiamo alla Gens Iulia, per simboleggiare l’italianità del personaggio. Per quanto riguarda il cognome, Kendall, ricordatevi di “Ken Parker”.
Infine c’è il suo fidanzato, poliziotto italiano genovese come Berardi. Le coincidenze!

 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Regionali Campania, D’Avenia: “Per una democrazia delle opportunità bisogna puntare sulla ricerca e la formazione”

Le elezioni regionali si avvicinano e, come stabilito dal decreto presidenziale n.97 20/2020, si svolgeranno il 20 e 21 settembre.Sarà la prima chiamata alle urne per...

XVI edizione ‘Memorial Giovanni Caressa’, il consueto evento di Anffas Onlus Salerno in ricordo del suo fondatore

Grande successo per la XVI edizione del “Memorial Giovanni Caressa”, appuntamento ormai tradizionale di Anffas Onlus Salerno, nato in ricordo e in onore...

Bonus web Turismo & Studenti: la nuova proposta di Giovanni D’Avenia candidato al Consiglio Regionale della Campania nella lista “Centro Democratico -

 
L’emergenza Covid-19 ha portato senza preavviso ad un’accelerazione e rimodulazione del piano banda ultralarga e digital web. Durante i mesi...

Bonus web Turismo & Studenti: la nuova proposta di Giovanni D’Avenia candidato al Consiglio Regionale della Campania nella lista “Centro Democratico -

 L’emergenza Covid-19 ha portato senza preavviso ad un’accelerazione e rimodulazione del piano banda ultralarga e digital web. Durante i mesi...

Promuovere il dialogo tra imprenditori e professionisti della Campania per dar vita a collaborazioni di business e di carriera, l’iniziativa di Hirook

In un contesto globale che mette a dura prova non solo i processi di inclusione sociale ma anche di impresa e di sviluppo economico, nasce Hirooks People. Un progetto fondato da...

Regionali Campania 2020: D'Avenia presenta ‘Benessere & Università’ per la promozione di sani stili di vita nelle scuole

A partire dagli ultimi decenni si è registrato un crescente interesse per il tema della salute concepita, non più in una dimensione di responsabilità...

Rilancio del turismo, D’Avenia: “Weekend gratuiti per aiutare tutto il comparto turistico campano e riscoprire le bellezze del nostro territorio”

 
Tra gli effetti economici più immediati della crisi associata al Covid-19 era inevitabile, e anche prevedibile, un brusco calo al settore turistico che, in questa...

Regionali Campania, D’Avenia: “Promuovere il Sud e le sue potenzialità inespresse”

Le Elezioni Regionali in Campania 2020 sono ufficialmente posticipate causa pandemia nelle date del 20 e 21 settembre, appuntamento sancito dal decreto presidenziale n.97...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante