Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte One Piece: il viaggio di Rufy & Co. in 5 tappe

15/04/2016

“L'uomo ricordami o Musa, astuto, che di molti uomini vide città e conobbe il pensiero, molti dolori soffrì nel cuore andando sul mare lottando per la sua anima e per il ritorno dei suoi…”, scrisse Omero, o colui che oggi chiamiamo così, narrando l’epico viaggio di Ulisse durato dieci anni, per toccare di nuovo la terra natia di Itaca.
Le gesta del re sono ancora oggi fonte d’ispirazione per coloro che credono ci sia sempre qualcosa da scoprire oltre il limite del nostro sguardo, orizzonti nuovi ad aspettarci oltre le montagne, il deserto o il mare. Viaggi in macchina, in moto o a piedi; di alcuni di essi ci resta il racconto, un diario, qualche appunto, di tanti altri niente.
A volere essere romantici, potremmo leggere “One Piece” come un vecchio diario di bordo ritrovato nel relitto di una nave, tra le carte topografiche di un membro dell’equipaggio che si firmava come “Nami” e ricopiato da Eiichiro Oda affinchè resti come memoria delle avventure di un gruppo di ragazzi alla conquista di un sogno. Ne abbiamo letti di capitoli della storia di Monkey D. Rufy, Zoro, Sanji, Nami e gli altri, tra terre selvagge e mari in tempesta, e abbiamo conosciuto personaggi straordinari, buoni e cattivi.
Come per qualsiasi racconto, quando lo leggi capita che alcune pagine ti restino più impresse di altre, e allora, tra la fine di una saga importante come quella di Dressrosa e l’alba di una nuova, tra addii e nuove amicizie, ecco a voi le 5 saghe di One Piece, in ordine cronologico, che è meglio non vi siate persi.

Saga del Mare Orientale: perché è impossibile non cominciare un racconto dall’inizio. Magari la narrazione appare un po’ imprecisa, la scrittura non perfetta, ma sono quei difetti che in realtà conferiscono al tutto quel sapore un pò da “bei tempi di una volta” e non ti fanno mai smettere di amarla. Rufy è un ragazzo che si prepara a salpare alla ricerca del tesoro di Gold Roger, il più grande pirata che abbia navigato per mare. Sulle tracce del mitico bottino ci sono tutte le più temibili ciurme del mondo, e al ragazzo col cappello di paglia ne serve una al più presto, insieme ad una nave.

Saga di Arlong: qualcuno dirà che fa parte di quella sopra, e invece no, chiamatela mini saga o come volete ma la lotta agli uomini-pesce traccia il primo confine netto nella storia dei pirati di Cappello di Paglia. Da questo momento si capisce che direzione prenderà, chi sono i compagni di Rufy e chi è lui.
Sviluppandosi su due piani temporali, uno passato in cui viene mostrata la storia della conquista dell’isola di Coco e la sottomissione dei suoi abitanti, e uno presente che vedrà lo scontro tra i pirati e gli uomini-pesce, la trama approfondisce in maniera perfetta i caratteri dei personaggi, soprattutto i mille lati di Nami, costretta a sottomettersi all’essere che ha ucciso sua madre adottiva per il bene dei suoi amici. Indimenticabile, da morsa allo stomaco, la scena in cui, piegata e in lacrime, chiede a Rufy di vendicare anni di soprusi subiti. Per farlo anche lui, come tutti gli altri, dovrà prendere decisioni da cui non si torna indietro.

Saga di Alabasta: c’è poco da dire, un capolavoro riconosciuto da tutti. Per dinamiche messe in atto, sviluppi e ritmo della narrazione è probabilmente la più bella. Personaggi indimenticabili, pagine e pagine da leggere col fazzoletto in mano.
Anche qui la lezione da imparare lascerà nei protagonisti sensazioni che si porteranno dietro anche nel prosieguo del viaggio. Una su tutti quella che gli eroi si sacrificano, eppure a tanti di loro hanno messo un’etichetta per cui non saranno mai riconosciuti tali.

Saga di Water Seven: qui, al contrario della prima citata, non ha davvero alcun senso distinguerla dalla successiva detta “di Enies Lobby”. Magari sarà un po’ lunga, in certi punti decisamente ripetitiva, ma lo scontro con il CP9 e soprattutto la lotta tra Rufy e Usopp sono ormai leggenda, la “Flotta dei 7” fa il suo vero ingresso e c’è il primo addio a un “personaggio” della ciurma: lenta, ma impossibile da dimenticare.

Saga di Marineford: la svolta. Un’atmosfera buia e minacciosa, con un mare in tempesta, fa da sondo a quella che è, ad oggi, la più grande delle battaglia combattuta sulla rotta per il Nuovo Mondo.
Lo scontro tra la Marina, Barbanera e Barbabianca lascerà sul campo sogni infranti, legami spezzati e cicatrici che non si rimargineranno più, e il Rufy trascinato via a dai compagni non è più un ragazzo, ma un giovane uomo.

Se le avete già lette è l’occasione giusta per darci un’altra occhiata. Se non le avete lette, non prendetelo come un consiglio ma come un odine, fatelo subito! Non è mai troppo tardi per salpare.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salernitana, Primavera: le dichiarazioni di mister Rizzolo

La Salernitana Primavera torna con un buon punto da Trapani, grazie all’1-1 in casa della seconda forza del campionato. Le dichiarazioni di mister Rizzolo.
Primavera,...

Todis Salerno ’92, riecco il successo: espugnata Potenza alla prima di Russo

La Todis Salerno ’92 torna alla vittoria nel giorno dell’esordio in panchina del nuovo allenatore, Aldo Russo.
Russo: “Grande disponibilità di tutta la...

Qui Chievo, Marcolini: "Tutti noi affrontiamo la Salernitana"

Monday night per il Chievo Verona, che sarà impegnato lunedì contro la Salernitana. E' però tempo di conferenza stampa, con mister Michele Marcolini che...

La Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno sconfitta a Brescia

Come da pronostico la Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno sabato sera esce sconfitta dal campo dell’AN Brescia nella gara valevole per la prima giornata di ritorno del...

#Salernitana100: 15 febbraio 1920-15 febbraio 2020

Il 15 febbraio del 1920 la Salernitana disputava la sua prima gara ufficiale in trasferta sul campo dello Stabia, vinta 1-0 grazie al gol di Aliberti al 75′.
A 100 anni...

Qui Chievo, Segre: "Più concreti che a inizio stagione, vogliamo la Serie A"

Il centrocampista del Chievo Jacopo Segre ha parlato dalle colonne del Corriere Veneto della sua stagione da stakanovista, il più giovane della Serie B, con 23 gare su 23...

Aldo Russo è il nuovo allenatore della Todis Salerno ‘92

Sarà Aldo Russo l’allenatore della Todis Salerno ’92, in sostituzione di Andrea Forgione. Il nuovo coach guiderà le granatine a partire da domani...

La Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno al giro di boa del campionato

Seconda trasferta consecutiva per la Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno, che sabato 15 febbraio, alle ore 18, nella prima giornata del girone di ritorno, sarà a...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante