Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Le Storie Le nebbie di Boisbonnard: il colpevole

22/04/2016

Quando nel 1956 arriva in Italia la prima edizione del romanzo “I fantasmi del cappellaio” di Georges Simenon il paese sta sperimentando sulla propria pelle la più grande trasformazione demografica del millennio. Le grandi città di dieci anni prima diventano metropoli, i piccoli centri diventano città e le periferie vengono cementate. Nei ridenti paesini, ai piedi delle montagne, ci vivono sempre meno persone.
Tra chi si trasferisce per lavoro, per necessità e chi in cerca di opportunità i grandi centri vengono letteralmente invasi. Si parlano dialetti diversi, si hanno storie diverse alle spalle e diversi obiettivi.
Non stupisce più di tanto che in questo contesto il capolavoro di Simenon faticò parecchio a farsi apprezzare, finendo per lasciare una tiepida traccia del suo passaggio nelle librerie.
In un piccolo borgo della Francia, La Rochelle, si conoscono tutti, e tutti conoscono il Signor Labbè, rispettabile gentiluomo di professione cappellaio. Conduce una vita tranquilla, di giorno lavora e la sera, prima di rincasare, si concede una partita a carte con gli amici del circolo. Una sera di pioggia, mentre è impegnato al tavolo da gioco, un signore seduto nelle vicinanze fa notare al cappellaio qualcosa che gli sta cadendo dal risvolto dei pantaloni, che da lontano sembrava una specie di filo. Poco più tardi, mentre sta rincasando, il signor Labbè è terrorizzato.
Quello che il Signor Kachoudas, il sarto del villaggio, ha visto poco prima spuntargli dal risvolto non era un filo, ma un ritaglio di giornale che il cappellaio usa per mandare lettere di scherno alla Gendarmerie di La Rochelle dopo ogni delitto commesso negli ultimi mesi. Nelle vie non si parla d’altro che del killer misterioso, e fino ad allora il signor Labbè non aveva lasciato alcuna traccia, ma pochi minuti prima Kachoudas aveva raccolto da terra una delle lettere ritagliate. Aveva capito?
Da quel momento inizia un gioco di sospetti, una partita a carte tra il sarto e il cappellaio. A carte coperte, perché bisogna salvare le apparenze e far finta di niente per il momento. Già, perché il signor Labbè e il signor Kachoudas vivono e lavorano nella stessa strada, uno di fronte all’altro.
Se fu proprio quell’ambientazione rurale che le nuove generazioni sognavano di lasciarsi alle spalle a penalizzarlo all’uscita (italiana, la prima edizione del romanzo risale al 1949) oggi, assuefatti come siamo alla vita cittadina, è l’aspetto, insieme alla trama a dir poco geniale, che più ce lo fa apprezzare.
Lo spaccato di un modo di vivere che ai nostri giorni non riusciamo a comprendere del tutto, comunitario e per tanti versi campanilistico, è quello che ci offrono Fabrizio Accatino ed Eleonora Dea Nanni in “Le nebbie di Boisbonnard”, edito questo mese per “Le Storie” da Bonelli.
L’episodio segue due archi narrativi collegati. Tutto inizia nel 1921 nella comunità di Boisbonnard, 600 anime che frequentano la stessa piazza, pregano nella stessa chiesa, si riuniscono nella stessa taverna, vivono la stessa monotona vita. Un freddo mattino di Gennaio la giovane e bella Zèphrine, nipote del fioraio addetta alle consegne, viene ritrovata cadavere, seviziata e barbaramente uccisa.
Al funerale della ragazza partecipa tutto il paese, stringendosi in lutto; poi, col passare dei giorni, iniziano a circolare voci, qualcuno dice di aver visto qualcosa, qualcun altro di averla sentita, e inizia a correre la diffidenza e il sospetto. In fondo, quello è un piccolo paesino, i treni ci arrivano raramente e il villaggio più vicino è parecchio distante, l’assassino di Zèphrine è ancora lì, in mezzo a loro.
L’assassino; ognuno a Boisbonnard sembra avere il suo, più per pregiudizio che per fatti concreti, come per pregiudizio la Gendarmerie incolperà un vagabondo muto, perchè l’ultimo arrivato e perché non può difendersi. Anche fra i Gendarmi tanti non ci credono, che quel ragazzo tanto grosso quanto mite sia capace di uccidere. Uno di loro, soprattutto, è convinto di sapere chi sia in realtà il colpevole.
Anche tanti anni dopo, nel 1939, con l’inverno alle porte, crede ancora di saperlo, e di avere sotto mano le prove. Ha perso la moglie, non è più in servizio e il muto è morto da tempo, nessuno in paese parla più di Zèphrine, tanti sono andati via e chi è rimasto ha accettato l’idea che il killer sia stato scoperto.
Resta solo quell’uomo a cercarla, la verità. Il suo nome non viene mai fatto, è solo uno tra gli abitanti di un paese sperduto, non conta né meno ne più di qualsiasi altro individuo in quella brutta storia, in cerca di un senso a quella misera esistenza, e a quella di una povera ragazza uccisa.
La soluzione? Era sotto i suoi occhi, spietatamente semplice. Verrà a galla quasi per caso, in una lettera buttata su una scrivania che nessuno si era ricordato di aprire tanti anni prima.
Basta distrarsi un attimo, non prestare attenzione a qualcosa che non si vuole ascoltare, e le cose prendono un verso diverso, quello che ci fa più comodo, e così un uomo interrogato in un commissariato si butta da solo da una finestra e un paio di contadini vecchi e tremanti pagati da qualcuno a cui piacciono i pezzi di cadavere diventano gli assassini di tanti poveri ragazzi. In fondo Boisbonnard è più vicina di quanto crediamo, ci siamo tutti dentro. Vogliamo solo il colpevole, della verità, in fondo, poco ci importa.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Al cinema dal 18 luglio "Passpartù - Operazione Doppiozero" di Lucio Bastolla con Veronica Maya

Arriva al cinema dal 18 luglio, “Passpartu’ - Operazione Doppiozero” la divertente commedia di Lucio Bastolla che vede in un cast corale...

#GIFFONI2019 LA 49° EDIZIONE: 19/27 LUGLIO 2019

101 opere, di cui 15 italiane, in concorso nelle 7 sezioni competitive che richiamano a Giffoni Valle Piana (SA) 6200 giurati provenienti da circa 50 Paesi del mondo: 7...

Arriva “Puortame cù te”: il nuovo tormentone dell’estate firmato Frenk

Arriva “Puortame cù te”: il nuovo tormentone dell’estate firmato Frenk
Si intitola “Puortame cù te” il nuovo singolo del trapper...

“Don’t go” il nuovo singolo estivo di KEVS X FRANCESCA MONTE

Francesca Monte, cantautrice, musicista e web star Salernitana, reduce dal successo social di “Un’estate che non finirà” in vetta alle classifiche...

Le Fasi - "Ultima Pagina Special Events" parte da Napoli il 30 marzo 2019

La band partenopea Le Fasi, per festeggiare i suoi 7 anni di attività prima di rinchiudersi in studio e lavorare al nuovo disco, ha lanciato un mini tour dal titolo...

Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future

“Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future”, questo il titolo del convegno che si terrà venerdì 22 marzo presso il...

L’azienda salernitana torna a mettersi in vetrina dal 19 al 23 gennaio

Con un fitto calendario di eventi che mira a diffondere la cultura del caffè in tutte le sue sfaccettature, Trucillo torna al Sigep, il salone mondiale del dolciario...

D. L. 119/2018 e Legge di Bilancio. Lo scenario Fiscale 2019. Primo convegno sulla Legge di Bilancio a Salerno organizzato dall’ANC

Si terrà domani, venerdì 18, il primo convegno dell’anno 2019 organizzato dall’Associazione Nazionale Commercialisti Salerno che si terrà, alle...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante