Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte La Storia dell'arte di Topolino: il mondo Disney racconta Caravaggio

07/10/2016

Ho sempre amato la Storia. Fin da bambino è stata la mia materia preferita, e ancora oggi mi appassiona come poche altre cose.
Quello che la rende sempre attuale, a ben vedere, non è tanto la sua parte convenzionale, quella che si trova scritta sui libri di scuola, ma i suoi retroscena, le curiosità legate ad ogni epoca e a chi l’ha vissuta. Ogni avvenimento ci parla di qualcosa di più grande, uno spaccato di mondo con i propri valori, i propri sogni, le proprie illusioni.
Niente l’ha raccontato come l’Arte. Ogni decennio, ogni moda passeggera, ogni scoperta dell’uomo è narrata da una forma artistica, che può essere un disegno piuttosto che una scultura. Fin da quando siamo nati l’abbiamo usata per comunicare e raccontare agli altri chi siamo, e continuiamo a farlo per parlare del nostro presente, immaginare il futuro e ricordare il passato.
“Paperaggio e i cartelli dei Ricchiscalchi” è l’avventura che inaugura il nuovo ciclo dell’affascinante progetto “La storia dell’arte di Topolino”, che lo sceneggiatore Roberto Gagnor sta portando avanti da qualche anno sul settimanale Panini.
Dopo averci narrato, tra le altre cose, degli splendori dell’antica civiltà greca, della scoperta degli Scavi di Pompei e della Belle Epoque parigina che apre l’ultimo secolo del secondo millennio, questa volta l’autore, aiutato dal bravissimo Stefano Zanchi, pilastro della serie tranne poche eccezioni e che svolge un ottimo lavoro per la parte dedicata ai disegni, ci porta alla scoperta del Rinascimento italiano, quando una nuova classe sociale, la Borghesia, tentava di nascondere agli altri e forse anche a sé stessa il fatto di non avere origini nobili commissionando agli artisti dell’epoca ritratti e dipinti da esporre alle feste e agli eventi mondani.
Tra ricchi mercanti e dame che sfoggiavano colorati vestiti si muovevano personaggi come Michelangelo, Raffaello, Bernini, Leonardo, Giotto e Michelangelo Merisi detto Caravaggio. O dovremo dire “Paperaggio” in questo caso, antenato di una dinastia trasferitasi alla fine dell’800 nel Nuovo Continente.
Arrivato nella Città Eterna in cerca di gloria, l’artista viene ingaggiato da Paperon Dè Ricchiscalchi, ricco signore che gli commissiona la realizzazione di un dipinto. Ben presto Paperaggio si troverà a fare i conti con una certa taccagneria da parte del suo committente e un modello ben poco sveglio tranne quando si tratta di avventarsi sul cibo.
Inoltre Rocco Degli Ducchi, nemico della casata dei Ricchiscalchi, è pronto a fare qualsiasi cosa, senza badare a scrupoli, per avere i dipinti di Paperaggio, affascinato dalla sua arte e soprattutto dalla sua personale tonalità di rosso.
Arrivata al tredicesimo capitolo, la saga di Gagnor mette in bacheca uno degli episodi meglio riusciti. Strutturata su due piani temporali, quello passato che mostra le vicende del pittore e quello presente che vede Paperino e Zio Paperone venire a capo del mistero della scomparsa delle sue preziose tavole con un colpo di scena molto ben congegnato, la trama scorre in maniera perfetta, con leggerezza e senza alcuna lungaggine. Indovinata la scelta dei colori, che contribuiscono in maniera determinante a creare la giusta atmosfera dell’epoca in cui i fatti sono ambientati.
Al termine, una bel redazionale dedicato alla controversa figura di Caravaggio, alla sua arte complessa e alla stravagante personalità. Dispiace solo per la censura palesemente voluta di uno dei suoi quadri più famosi, che mostra una violenta scena di morte che la direttrice De Poli e i suoi collaboratori hanno evidentemente deciso che non valeva la pena riproporre integralmente per non turbare gli eventuali lettori più piccoli del settimanale.
Non sono per niente d’accordo, in un epoca in cui chiunque è esposto a vedere spargimenti di sangue ben più reali accendendo la tv o andando su internet, sembra assurdo che a farne le spese debba essere l’arte, ma “Topolino 3176” in edicola e fumetteria questa settimana è per il resto un buonissimo numero, che segna anche il ritorno finalmente all’altezza di un grande sceneggiatore che abbiamo avuto l’onore di intervistare lo scorso Aprile al Comicon.
Tempi lontani, un nuovo Autunno bussa alle porte, la pioggia inizia a scendere sulle città e i vestiti pesanti rispuntano fuori dagli armadi. In mezzo a tutte queste cose, ogni settimana a partire da oggi, ci saremo anche noi e, ne siamo sicuri, con noi ci sarete voi. Ben tornati!

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...

“Decretiamo parità”, la nuova proposta a sostegno delle madri lavoratrici ad opera della Digital media strategist campana Isabella Borrelli

Le misure emergenziali alle quali noi italiani siamo stati chiamati, come lo smartworking di un’intera nazione e la chiusura temporanea di interi settori produttivi, hanno...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante