Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Nathan Never Dove muoiono le stelle: gli uomini sulla Terra

21/10/2016

Si narra che un tempo tutte le genti della Terra vivessero in comunità e parlassero la stessa lingua. Giunti in Oriente gli uomini decisero di fermarsi nel paese di Sennaar. Con l’aiuto di Dio impararono a fabbricare mattoni e calce per costruirvi case. Una volta finita la città, decisero di innalzare una torre al centro di essa.
Così fecero, ma arrivati all’altezza stabilita videro che potevano spingersi oltre, e continuarono. Più la torre cresceva più la smania di grandezza degli uomini diventava forte. Essa doveva arrivare al cielo, così anche Dio avrebbe visto la loro opera riconoscendogli gloria e fama.
Ma Dio si arrabbiò, e punì il loro peccato disperdendoli in luoghi diversi della Terra e dando a ciascun gruppo una lingua diversa, così anche se si fossero rincontrati non si sarebbero compresi. La città venne abbandonata, e da allora la si chiamò Babele, perché lì Dio aveva confuso la lingua degli uomini e punito la loro superbia.
Metropoli dell’Est. Sadie Fletcher è diventata famosa dopo aver vinto un reality show. Dei buoni manager e un’ottima campagna pubblicitaria l’hanno trasformata in breve in una diva, una di quelle facce che trovi sui cartelloni pubblicitari di una famosa marca di profumo tra i grattacieli del settimo livello.
Non la incontri una come lei, se non sei del settimo, se non vivi e frequenti determinati ambienti. A meno che non si tratti di un bar. In quel caso non esistono più i piani della torre, le lingue diverse. Se c’è una cosa che impari lavorando nei locali notturni è questa, davanti ad un bicchiere le persone si spogliano di quello che sono, scendono a patti col mondo. Così può capitare che un agente fuori servizio, trasandato e giù di morale, e una star circondata da fans e guardie del corpo incrocino le proprie vite per un momento, il tempo necessario ad uno sconosciuto per tirar fuori una pistola dalla tasca e sparare sulla folla.
Il giorno dopo la famosa Sadie Fletcher telefona all’Agenzia Alfa per chiedere che la sua protezione venga affidata da quel momento all’agente Nathan Never, senza il cui intervento l’omicida non sarebbe stato fermato. La diva sospetta che quello avvenuto la sera precedente non sia stato opera di un pazzo isolato ma parte di un piano più grande architettato per eliminarla. Immersa nel noioso lusso del gigantesco appartamento dove vive da sola, ha maturato anche un’idea su chi potrebbe esserci dietro quello che sta accadendo. Altre due ragazze parteciparono al reality insieme a Sadie, ma non furono altrettanto abili a sfruttare l’occasione e, una volta che le telecamere si spensero, in poco tempo se ne persero le tracce. Una di loro, o entrambe, potrebbero volerla morta.
L’indagine si rivela più complicata del previsto. Le poche tracce che Sierra e Mercy si sono lasciate dietro sembrano portare al primo livello, il punto più basso della città, e ad un traffico di droga che le vede coinvolte insieme a mutanti e altri tipi poco raccomandabili. In una storia in cui niente è come sembra, l’agente Alfa scoprirà che la verità sulla bella Sadie, regina nel suo palazzo che sembra quasi toccare il cielo, si trova molto più giù, tra uomini e donne soli e disperasti dispersi tra le strade di una sporca notte metropolitana.
Mentre attendiamo la fine di “Anno Zero”, la serie regolare ci consegna questo numero firmato da Michele Medda che non sarà un capolavoro ma si rivela piacevole per il taglio noir dato alla storia e per gli interessanti spunti da cui nasce. “Dove muoiono le stelle” è un suggestivo ritratto di come potrebbe evolversi il mondo che stiamo vivendo oggi, dove la ricerca del successo passa dai click di un mouse e può rendere grandi come uccidere, un luogo astratto di cui Sadie e le sue colleghe appaiono tanto padrone quanto prigioniere. Finito l’albo tante cose restano in sospeso; non sapremo mai fino a che punto il colpevole di tutto sia stato artefice o vittima degli eventi.
Chiuso il caso, a Nathan Never non resta che il profumo di Sadie, e a tanti altri ancora meno di quello. Non a tutti è concesso toccare le stelle, non a tutti è concesso brillare. Il Dio della Babele di Medda punisce solo coloro che non hanno mai voluto, o potuto, pensare di poter toccare il cielo.
Come Merilyn sulle magliette e in primo piano sulle vecchie copertine di una volta, come quel vecchio attore, Clint Eastwood, che tanto piace a Nathan, anche Sadie continuerà ad esistere, a far parlare di sé in un modo o nell’altro.                                                                                                                                                                                     Cosa resterà di lui e di tanti altri, delle persone “normali”? Lasceranno qualcosa o la loro vita sarà stata un grido che nessuno sentirà mai? Mentre è assorto nei suoi pensieri, l’agente si allontana tra la folla. Confuso tra quella massa informe, per quanto ne sappiamo, potrebbe anche non essere mai esistito.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salerno: degrado in via San Giovanni Bosco, strada invasa dai piccioni

 
La presenza di piccioni e colombi in città ha assunto negli ultimi anni dimensioni considerevoli.?Il loro sviluppo indiscriminato ha...

Ambiente e territorio, D’Avenia: “Rilanciamo l’economia attraverso il rispetto dell’ambiente”

La materia ambientale sta assumendo, soprattutto negli ultimi anni, un’importanza sempre crescente, sia nell’ambito giuridico che economico, al punto da non...

Covid-19 e movida, D’Avenia: “A Salerno iniziative responsabili per una movida Covid free”

Come ipotizzabile, dopo mesi di lockdown, nelle ultime settimane le persone sono tornate ad una relativa “normalità”. Con la riapertura di bar e...

Sanità e famiglia, D’Avenia: “Investiamo sul personale sanitario e concediamo un bonus di 600 euro alle famiglie campane”

L’emergenza Covid-19 ha riportato l’attenzione sul dibattito legato all’importanza di investire sul personale sanitario. A partire dalla pandemia,...

Assistenza Riabilitativa, Fisiochinesiterapica e Sociosanitaria

In questi ultimi giorni, nostro malgrado, e con non poco stupore, stiamo assistendo ad un estenuante scarica barile sull’assunzione delle proprie responsabilità da...

Solidarietà, D’Avenia: “Acquistate nuove mascherine grazie al successo del crowfunding lanciato dal Centro Studi Super Sud”

Nella difficile battaglia contro il contagio da Coronavirus ogni contributo fatto con entusiasmo ha un valore enorme. Ne è la prova il crowfunding lanciato dal Centro...

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante