Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Zio Peperone Cuori nello Yukon: il mondo che verrà

26/05/2017

Alla fine del 1967, quando Sergio Leone arriva in America la sua Trilogia del Dollaro ha già fatto il giro del pianeta, riempiendo le casse dell’intero globo e diventando un fenomeno di massa. Mentre percorre le strade di Los Angeles, a bordo di auto di lusso con tanto di autista come si vede solo al cinema, diretto agli Studi Paramount quasi ad ogni angolo osserva bambini sfidarsi a duello con pistole giocattolo vestiti come Clint Eastwood, ragazzi vestiti col poncho e il cappello e perfino adulti che fumano il mezzo sigaro toscano. Qualche ora dopo, prima di accomodarsi nel lussuoso ufficio del direttore, Leone ha già capito che al punto in cui è arrivato non si può tornare indietro. Da qualche mese pensa ad un progetto sulla malavita degli anni ’30, ma come previsto i pezzi grossi di Hollywood non vogliono nemmeno sentirne parlare. Sergio Leone è lo Spaghetti Western, prima deve farne almeno un altro lì in America, poi potrà pensare ad altro.
Così il regista italiano si trova a dover mettere su un altro film con pistoleri, fuorilegge e avventurieri. Sente di aver concluso la storia dell’Uomo senza Nome con quei memorabili 20 minuti nel cimitero di Sad Hill, d’altra parte gli americani gli offrono un budget illimitato, la Monument Valley, un cast con le più grandi star del momento, insomma la possibilità di realizzare qualcosa di grande. Per riuscirci Leone uccide sé stesso, mette da parte i dollari e lascia posto ai sentimenti.
Nel 1994 la “Saga di Paperon dè Paperoni” ha già vinto numerosi premi e conquistato una grande fetta di pubblico, eppure Don Rosa continua ad esserne in parte insoddisfatto. Le dodici storie avute a disposizione per narrare la vita di Zio Paperone hanno tracciato le tappe principali dell’esistenza del papero più ricco del mondo, ma tanto resta ancora da raccontare. Questa consapevolezza lo porta a dedicare gran parte del resto della sua carriera a riempire quei vuoti con storie di appendice incastrate nei periodi sommariamente narrati nella precedente opera. Così ritroviamo il giovane Paperone imbarcato al largo delle coste di Giava in “Il capitano cowboy del Cutty Sark” o al fianco di Theodore Rosevelt tra le pagine di “L’astuto papero del varco di Culebra”, già ricco e con tanti ideali messi da parte di fronte alla sete di ricchezza.
“Cuori nello Yukon”, ambientata tra i capitoli 8 e 9 della Saga, pubblicata per la prima volta nel nostro paese su “Zio Paperone 118” e recentemente su “Tesori International 2 – La Saga continua” è forse la più bella storia di Don Rosa. Allo stesso modo non sappiamo se “C’era una volta il West” sia davvero il più bel Western di tutti i tempi, sicuramente è il più poetico. Alla fine dell’800, intorno ad una piccola concessione lasciata in eredità ad una prostituta venuta da New Orleans ruotano gli interessi di due bande rivali, quella di Frank al servizio del magnate dell’industria ferroviaria Morton e quella di Cheyenne. Tra loro e la vedova si mette uno straniero che se ne va in giro suonando un’armonica e sostiene di avere un conto da saldare proprio con Frank. Intriso di malinconia e tempi volutamente morti, il primo film americano di Sergio Leone, capostipite della “Trilogia del Tempo”, è un’imponente saluto alla fine dell’epopea del West.
Se per narrare la fine del mito della frontiera Leone sceglie l’arrivo della ferrovia per Don Rosa, che pure aveva raccontato splendidamente l’argomento nella bellissima “Il vigilante di Pizen Bluff”, il capitolo conclusivo dell’epoca della Corsa all’Oro nel Klondike inizia con l’arrivo a Dawson della Legge impersonata dal Colonnello Steele. Da quel momento le cose nella città dei cercatori inizieranno a precipitare. Vittima dell’ufficiale sarà anche Paperone che vede la sua concessione nel Fosso dell’Agonia Bianca messa in pericolo dalle azioni della Polizia, e una volta venuto a conoscenza che tra i firmatari della denuncia a suo carico c’è il nome di Doretta Doremi, la ballerina del “Bolla d’Oro”, non gli resta altra scelta che regolare i conti con quella papera che troppo spesso si è ritrovato contro da quando si trova nello Yukon.
Anche qui il protagonista è il Tempo; nella pellicola quello che resta a Jill prima dell’arrivo del treno per non costruire “Sweet Water” l’ultimo sogno di un vecchio irlandese tanto pazzo da innamorarsi di una puttana, o contro cui lotta Morton che spera la malattia non lo divori prima di aver visto le coste del Pacifico, nel fumetto quello contro cui combatte Zio Paperone per non perdere tutto quello per cui ha lottato nella vita, la disperata corsa in slitta verso Dawson, gli attimi preziosi per mettere in salvo Doretta dalle fiamme che divorano la Sala da Ballo e mezza città.
Nello struggente finale, una volta chiarita la sua posizione con gli uomini di Steele, il cercatore si prepara a lasciare Dawson. Col nuovo secolo alle porte il mondo sta cambiando, la ricchezza non passa più dalle rive del Klondike ma dalla capacità di fare affari, investire, conoscere le persone giuste. Raggiunto da un ufficiale gli viene consegnata una lettera da parte di Doretta finalmente decisa a confessare i suoi sentimenti.
Tormentato dal dubbio che tra quelle righe possa invece esserci solo disprezzo nei suoi riguardi, e forse anche deciso a non permettere a niente di ostacolare il suo obiettivo di diventare il numero uno, Paperone la lascerà cadere nella neve, lasciandosi alle spalle l’aurora boreale, Dawson, l’amore e un pezzo di vita.
Nella sequenza che chiude “C’era una volta il West” Jill, padrona della città che sta sorgendo, è l’unica ad affacciarsi con orgoglio e speranza al nuovo secolo che arriverà. Gli altri sono morti o, come l’uomo con l’armonica, preferiscono semplicemente uscire di scena con dignità. Quando il treno arriva il suo cavallo è l’unico a trottare lentamente verso il nulla.
– Diventerà una bella città - sussurra poco prima, guardando il nuovo mondo venire sul ciglio della porta. A quel punto la voce della proprietaria lo ferma. – Ci passerete un giorno o l’altro? - chiede. La macchina da presa indugia sul volto dello stanco pistolero, sulle rughe che circondano gli occhi. Lo sguardo tradisce quasi commozione, oltre quei binari non c’è una nuova avventura ad aspettarlo, quelle verso cui correva incontro l’Uomo senza Nome alla fine dei precedenti film. Una voce di donna intona nostalgiche note, l’ultimo canto ad un’epoca e a chi l’ha cavalcata.
-Un giorno…o l’altro” risponde, mentre il West tramonta sulla nuova stazione di Mc Bain e, senza avere il coraggio di voltarsi, esce dalla scena.

 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...

“Decretiamo parità”, la nuova proposta a sostegno delle madri lavoratrici ad opera della Digital media strategist campana Isabella Borrelli

Le misure emergenziali alle quali noi italiani siamo stati chiamati, come lo smartworking di un’intera nazione e la chiusura temporanea di interi settori produttivi, hanno...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante