Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte One Piece: la saga di Dressrosa

12/12/2014

Lo ammetto, il mio rapporto coi manga è piuttosto burrascoso.
Motivo, non unico ma principale, sta nell’ esagerazione nei tratti utilizzati spessissimo nel disegnasre i personaggi. Tratti che si legano, parere personale, molto al mondo dei cartoni animati e poco a quello del fumetto.
“One Piece” di Eiichiro Oda non sfugge a questo problema. Mi da enormemente fastidio quando la tensione della storia viene di fatti abbattuta in un attimo da un faccione depresso di Rufy (questo è il nome di Rubber nel fumetto) o di uno incazzato di Sanji (il suo non l’hanno tradotto).
Nonostante ciò l’opera di Oda è sicuramente una delle mie testate preferite.
L’autore nipponico aveva pianificato di sviluppare e concludere la serie in cinque anni, poi è piaciuta anche a lui e, di fatto, dopo 13 anni e 75 numeri (in Italia), la nostra amata ciurma naviga ancora per i sette mari alla ricerca del tesoro di Gold D. Roger (insomma, chissà perché agli italiani solo Rufy non piaceva proprio come nome).
Eppure, dall’inizio del viaggio, l’impressione è che non solo i personaggi, ma lo stesso autore ne abbiano fatto di strada, virando, pian piano, verso un racconto, e un modo di raccontare, decisamente più maturo rispetto alle premesse iniziali.
Altra cosa interessante da osservare è la piega corale che si è andata ad evidenziare a partire dalla saga di “Empel Down”, cioè da quando la ciurma di Rufy si divide una prima volta per ritrovarsi nel tragico epilogo di “Marine Ford”, dove interpreterà un ruolo quasi da spettatore e i veri protagonisti saranno Ace e altri.
Ho messo in risalto questi due elementi perché sono quelli che imperano nell’ultima saga che abbiamo letto in Italia: “Dressrosa”.
L’avventura, a mio parere la più bella del manga, inizia dal volume 70 cap.700 con l’arrivo di Rufy e compagni sull’isola omonima, governata da Donflamingo, capitano del clan di Doquijote e membro della “Flotta dei 7”, dopo i fatti di “Punk Hazard”.
Presto i pirati di “Cappello di paglia” si renderanno conto di trovarsi in una luogo abitato da giocattoli viventi che sono i dissidenti dei dittatori del posto, e dovranno dar fondo, ognuno, a tutte le proprie capacità di sopravvivenza per riuscire a salvare la pelle e combattere il nemico.
L’ambientazione inizialmente scherzosa non deve trarre in inganno. Ci troviamo di fronte alla saga più drammatica del fumetto, e si fa fatica a trovare un protagonista in questa storia, visto che ogni membro della ciurma recita un ruolo primario, sia per azione che per carico emotivo, tanto che, alla fine, figura centrale appare, qui come non mai, quella del cattivo.
Insomma, la sensazione è che l’ingresso nel “Nuovo Mondo” sia stato un punto di non ritorno. Almeno, i ragazzi non sono più gli stessi.
Per gli appassionati dell’anime che non hanno mai letto il fumetto, il consiglio è di iniziare, se non direttamente da qui, dal “Nuovo Mondo”. Il cartone è bello, assolutamente, ma il fumetto…sono altre emozioni, dai!

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salernitana, Primavera: le dichiarazioni di mister Rizzolo

La Salernitana Primavera torna con un buon punto da Trapani, grazie all’1-1 in casa della seconda forza del campionato. Le dichiarazioni di mister Rizzolo.
Primavera,...

Todis Salerno ’92, riecco il successo: espugnata Potenza alla prima di Russo

La Todis Salerno ’92 torna alla vittoria nel giorno dell’esordio in panchina del nuovo allenatore, Aldo Russo.
Russo: “Grande disponibilità di tutta la...

Qui Chievo, Marcolini: "Tutti noi affrontiamo la Salernitana"

Monday night per il Chievo Verona, che sarà impegnato lunedì contro la Salernitana. E' però tempo di conferenza stampa, con mister Michele Marcolini che...

La Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno sconfitta a Brescia

Come da pronostico la Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno sabato sera esce sconfitta dal campo dell’AN Brescia nella gara valevole per la prima giornata di ritorno del...

#Salernitana100: 15 febbraio 1920-15 febbraio 2020

Il 15 febbraio del 1920 la Salernitana disputava la sua prima gara ufficiale in trasferta sul campo dello Stabia, vinta 1-0 grazie al gol di Aliberti al 75′.
A 100 anni...

Qui Chievo, Segre: "Più concreti che a inizio stagione, vogliamo la Serie A"

Il centrocampista del Chievo Jacopo Segre ha parlato dalle colonne del Corriere Veneto della sua stagione da stakanovista, il più giovane della Serie B, con 23 gare su 23...

Aldo Russo è il nuovo allenatore della Todis Salerno ‘92

Sarà Aldo Russo l’allenatore della Todis Salerno ’92, in sostituzione di Andrea Forgione. Il nuovo coach guiderà le granatine a partire da domani...

La Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno al giro di boa del campionato

Seconda trasferta consecutiva per la Campolongo Hospital Rari Nantes Salerno, che sabato 15 febbraio, alle ore 18, nella prima giornata del girone di ritorno, sarà a...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante