Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte La saga di Paperon Dè Paperoni: c'era una volta Zio Paperone

10/04/2015

“C’era una volta in America” è il mio film preferito. Di più, è talmente il mio film preferito che non esiste nemmeno un secondo film preferito, ma una lista dei miei film preferiti dopo quello.
L’ultima opera di Sergio Leone è qualcosa di immenso, in cui ogni particolare, anche quello più banale, confluisce verso un significato che forse non riusciremo mai a capire nella sua interezza, qualcosa che non finisce, ma in realtà comincia, con la parola “fine”, perché ad ogni inquadratura, su ogni volto si percepisce il concetto di eterno cui i personaggi si stanno consegnando.
Questo non tanto per quello che si vede (o si sente), quanto per quello che non vediamo. A ben pensarci, dopo quasi 4 ore di film Noodles, piccolo gangster durante l’era del proibizionismo, lo conosciamo appena: i 35 anni che passa lontano da New York coi suoi rimorsi, gli anni di galera che lo trasformano da bambino ad adulto, tutte cose che non sapremo mai. Leone prende scampoli della vita di un perdente e li immortala nel tempo, come una foto di qualcosa che è passato veloce e non abbiamo saputo cogliere, l’amore, l’amicizia, i dettagli appunto.
Pochi, pochissimi personaggi nel mondo dell’arte portano con sé una propria storia che va al di là di quella che si vede, che è scritta o raffigurata.
Zio Paperone è forse il più grande personaggio mai creato nel mondo del fumetto perché porta con sé il tempo che è stato. Il deposito stesso è meravigliosa metafora di questo: ogni dollaro è un’esperienza, un’avventura, un momento che ha lasciato dentro qualcosa.
Nella “Saga di Peperon Dè Paperoni” che Don Rosa pubblicò a partire dall’inizio degli anni ‘90 sulle pagine di “Anders And & Co.”, periodico Disney danese a cura della Egmont, non è narrata solo la storia di Zio Paperone dall’infanzia fino all’incontro con Paperino e i nipoti.
La saga, che all’autore del Kentucky richiese anni di preparazione e studi storici e dell’opera di Barks e si articola in dodici capitoli più vari episodi collegati, è la storia di un sogno, che nasce con una moneta americana rifilata a un piccolo papero scozzese che si guadagna da vivere facendo il lustrascarpe. E’ un’avventura, che comincia su una nave diretta negli Stati Uniti e attraversa quasi un secolo di storia del mondo. E’ un’opera politica, che racconta il mutare di un mondo selvaggio che inizia a toccare con mano il sogno di ricchezza e insieme perde la sua innocenza con l’arrivo del Capitalismo, attraverso la meravigliosa metafora della fine del mito della frontiera e del vecchio west, coi suoi ideali di onore e virilità, per imbarcarsi nella Corsa all’oro nel Klondike dove tutto avveniva in nome del solo denaro.
E’ la storia di un amore, di amici che si perdono per poi ritrovarsi, o che si ritrovano per perdersi. E’ una storia di tante piccole storie di tante piccole o grandi persone, che per un minuto, un giorno o una vita hanno incrociato la strada di Zio Paperone.
Al contrario del film di Leone, Don Rosa costruisce il suo capolavoro mostrando ciò che il vecchio zione può solo ricordare. Stavolta lo spettatore vede ciò che il protagonista stesso non può, ma il principio e il fine sono gli stessi: ricordare, appunto.
Come al vecchio Noodles,che non ci vede tanto bene e con le mani che tremano, non rimangono che vecchie foto per ricordare la donna che ha amato fin da bambino, così al vecchio papero non restano che vecchi cimeli, abiti e oggetti provenienti da ogni parte del mondo.
“Se solo sapesse che il deposito è pieno di ricordi piuttosto che di denaro…” dice un Paperon Dè Paperoni in lacrime nel finale di “Una lettera da casa“ alla sorella.
Eccolo li, Zio Paperone, in tutto quello che è. Il giovane mozzo a bordo dell’ultimo battello a vapore sul fiume Mississippi, il cowboy che cavalca verso il tramonto di un’epoca, il cercatore d’oro prima nelle praterie africane e poi nei ghiacci dello Yukon, il signore di Forte Paperopoli, lo spietato affarista che arriva a sbattere fuori dalla sua vita le proprie sorelle, il papero più ricco del mondo.
Nel finale di “C’era una volta in America” un giovane Noodles si perde tra i fumi dell’oppio mentre nello spettacolo delle ombre cinesi le ombre raffiguranti il bene il male lottano tra loro fino a confondersi.
Le ultime pagine della saga sono per uno Zio Paperone che, messa in fuga la Banda Bassotti grazie all’aiuto dei nipoti che ha appena conosciuto, ritrova lo spirito che ha alimentato il sogno di tutta una vita e si tuffa nell’oro pronto a vivere nuove avventure.
Lì, immerso nei ricordi di una vita, tra gli abbracci della madre e del padre, i tramonti che ha visto da giovane e i baci di Doretta Doremì, finisce la storia di Don Rosa e inizia quella di Zio Paperone.
Noodles dietro lo schermo, imbottito di oppio in quello che potrebbe essere solo il sogno di una mente consumata dai rimpianti, e Paperon Dè Paperoni sulla carta ruvida di quel meraviglioso, è il caso di ribadirlo, mensile che era “Zio Paperone”, che si tiene stretto tutto ciò che ha guadagnato e tutto ciò che ha perso. Distanti in tutto.
Eppure, alla fine del viaggio, entrambi, distesi nell’oro uno e su un lettino a fumare oppio l’altro, a milioni di mondi di distanza,sorridono.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...

“Decretiamo parità”, la nuova proposta a sostegno delle madri lavoratrici ad opera della Digital media strategist campana Isabella Borrelli

Le misure emergenziali alle quali noi italiani siamo stati chiamati, come lo smartworking di un’intera nazione e la chiusura temporanea di interi settori produttivi, hanno...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante