Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte Batman Arkham Asylum: chi lotta contro i mostri

30/10/2015

Disse Friedrich Nietzsche: “Chi lotta con i mostri deve guardarsi di non diventare, così facendo, un mostro. Perchè se scruterai a lungo in un abisso, anche l'abisso scruterà dentro di te”.
Luogo, Gotham City. Periodo, inizio secolo. Attraverso le pagine del suo diario, scopriamo in Amadeus Arkham un giovane studente che vive con la madre nella casa di famiglia.
La salute di quest’ultima, probabilmente già cagionevole, dopo la morte del marito ha subito un ulteriore peggioramento. Amadeus la accudisce, amorevolmente, eppure, ogni volta che si ferma a pensare, ogni volta che resta da solo con sé stesso il ragazzo non riesce a togliersi dalla testa un’idea. E’ assurda, priva del più logico fondamento, ma si è insinuata nella sua mente e non lo lascia più, fastidiosa, come un lavandino che gocciola la notte, come un ramo che batte alla finestra: in quella casa c’è qualcosa…
1920. Amadeus Arkham è un giovane medico che lavora all’ospedale psichiatrico di Metropolis, è sposato con Constance e dal loro matrimonio è nata Harriette.
A contatto con i pazienti ogni giorno Amadeus matura l’idea che i malati di mente sono, in effetti, persone la cui unica colpa è stata quella di nascere con un disturbo con cui sono stati costretti a convivere ogni giorno, persone sole, abbandonate a se stesse, rinchiuse in celle o legate come bestie nell’attesa che muoiano, mentre potrebbero essere aiutate a sopportare i propri fardelli.
Nel frattempo la madre del Dottor Arkham muore, forse, suicida. Tornato a casa per il funerale ritrova le cose della sua infanzia e, durante la notte, prende un’importante decisione: si trasferirà con la famiglia a Gotham e trasformerà la casa di famiglia in una struttura che possa accogliere le persone mentalmente disturbate in modo dignitoso. Un nuovo inizio per lui, che può seguire finalmente la sua passione, un nuovo inizio per Constance e Harriette, in una nuova città, una nuova casa, una nuova vita.
Dopo qualche tempo il manicomio “Elizabeth Arkham” viene ultimato.
Amadeus è sempre impegnato, viaggia per il mondo ed entra in contatto con i più illustri esperti della sua materia. Va tutto bene, solo ogni tanto, quando torna a casa, gli capita di fare strani sogni, come la bambina. Così, anche mentre guarda moglie e figlia felici scartare i regali che gli ha portato dal suo ultimo viaggio, pensa “eppure, qui dentro c’è qualcosa…”.
Martin Hawkins, un paziente che il medico ha in cura da quando lavorava all’ospedale psichiatrico e che ha cercato di aiutare in tutti i modi è fuggito, e la polizia lo cerca.
1° Aprile del 1921. Rientrando in casa, Amadeus trova la moglie a la figlia orribilmente assassinate e mutilate. A farlo è stato Martin Hawkins, il suo paziente.
Amadeus Arkham lottava contro i mostri, scrutando nell’abisso delle persone. Ha guardato dentro Martin, e il mostro che era in lui ha guardato dentro Amadeus. Sapeva dove viveva, dove poteva trovare Constance e Harriette, dove poteva colpire.
Sei mesi dopo,mentre uccide di proposito con l’elettroshock, la sensazione che il vero mostro si nasconda ancora lì, dove è sempre stato, in quella casa, nascosto dietro le tende, nel battito d’ali del pipistrello che popola tutti i suoi incubi, prende il sopravvento, e lo conduce all’abisso.
Gotham City, tanti anni dopo. Il manicomio “Arkham” ospita, sotto la massima sorveglianza, i peggiori criminali della città. La sera del 1° Aprile la polizia circonda la struttura, con le sirene spiegate e i cecchini pronti a far fuoco. All’interno del manicomio c’è stata una sommossa.
I prigionieri si sono liberati o, più probabilmente, qualcuno li ha aiutati.
Il commissario Jim Gordon si incarica di condurre le trattative, ma Joker e gli altri hanno una sola richiesta: il Pipistrello, da solo, li dentro.
Batman, come si fa chiamare, è un uomo mascherato da pipistrello che, tra la diffidenza di tutti, sembra condurre una specie di battaglia personale contro i delinquenti di Gotham City. La polizia non si fida di lui, ma può spingersi, con i suoi metodi, dove la legge non può arrivare, e questo ha permesso di rinchiudere ad Arkham tanti mostri, e a Jim e agli altri tanto basta.
Batman lotta contro i mostri. Ora, entrando ad Arkham, sarà costretto a guardare il loro mondo, e, soprattutto, anche loro, dall’abisso in cui vivono, guarderanno lui, quanto li teme, quanto li odia e, soprattutto, quanto gli somiglia.

 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salvatore Parisi, Coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovat

Nella giornata di ieri è stata veicolata la notizia da parte di FP Cgil Salerno in cui si è appresa la positiva notizia inerente l’avvio della consultazione...

Famiglie e giovani, D’Avenia: “Garantiamo un futuro migliore attraverso sostegni familiari. Aboliamo il bollo sulla prima auto e investiamo sul protag

L’emergenza sanitaria, legata alla pandemia da Covid-19, ha creato non poche difficoltà alle famiglie italiane che si sono trovate a fronteggiare questioni...

Turismo in Campania, D’Avenia: “Nell’era post Covid, rilanciamo l’economia locale attraverso le bellezze del nostro territorio”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo.Il turismo, come si puo’...

Servizio ai trasporti per persone con disabilità: è ancora guerra tra Fondazione Salernum Anffas Onlus e i Comuni dell’Agro Nocerino Sarnese e dell’Ir

Una vera e propria guerra che non riesce a vedere la parola fine quella che sta combattendo da mesi Fondazione Salernum Anffas Onlus per il riconoscimento del servizio ai...

Il nuovo singolo di Francesco Key B è featuring con il celebre cantante partenopeo Raffaello

Dopo diversi brani già all’attivo, che lo hanno visto come un vero e proprio mago del recupero musicale partenopeo, Francesco Key B, all’anagrafe Francesco...

Alla Villa Cortese di Terzigno casting di moda, cinema e musica il 20 giugno promosso da Mondo Eventi Campania

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
 
Dopo il lungo periodo di quarantena per l’emergenza Coronavirus che ha bloccato forzatamente le principali attività produttive,...

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.Come già indicato...

“Decretiamo parità”, la nuova proposta a sostegno delle madri lavoratrici ad opera della Digital media strategist campana Isabella Borrelli

Le misure emergenziali alle quali noi italiani siamo stati chiamati, come lo smartworking di un’intera nazione e la chiusura temporanea di interi settori produttivi, hanno...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante