Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Misterstudent.tv

login

Nuvole d'arte PK vs DD Timecrime: l'inizio della storia

09/05/2016

Molti credono che per raccontare una storia la prima regola sia sempre la stessa: partire dall’inizio. Permettetemi di non essere d’accordo, molto spesso le storie più belle, che siano romanzi, film, fumetti, sono quelle che cominciano dalla fine, o nel mezzo.
Quella che stiamo per raccontare potrebbe iniziare addirittura da tanti tempi e luoghi diversi. Ad esempio, la prima scena potrebbe svolgersi nel 1934, in un piccolo ufficio di Los Angeles in cui Alfred (Al per gli amici), un signore che fa il disegnatore, sta lavorando ad un cortometraggio animato che vede tra i protagonisti una gallina, un maialino e un papero vestito da marinaio.
Sarebbe un bell’inizio, ma lo sarebbe anche questo. 1969, Milano. E’ tardi, ma in una stanzetta della “Disney Company Italia” le luci sono ancora accese. Dentro di sono tre persone, Guido, Elisa e Giovan Battista. Discutono, passeggiano nervosamente mentre il fumo delle sigarette spente filtra la luce verde delle lampade da scrivania del tempo. Anche loro parlano del papero, che nel frattempo ha fatto un bel po’ di strada. Quella che hanno avuto è un’idea un po’ pericolosa, il rischio di fare fiasco c’è, ma se funzionasse sarebbe una svolta epocale. E poi il papero non può perdere sempre, proprio no, non sarà il tipo più sveglio di questo mondo, ma per loro ha delle potenzialità.
Piaciuto? C’è l’atmosfera, la suspance, potrebbe davvero andare. A dire il vero esiste anche un’altra versione, simile, ma più moderna. Il palazzo è lo stesso, ma siamo negli anni ’90 e al posto delle macchine da scrivere sulle scrivanie ci sono i computer. Tra quelle mura si produce il fumetto più venduto in Italia, tradotto in diversi stati europei; i ritmi sono alti, si corre avanti e indietro. Da un paio di settimane però c’è qualcosa di strano: l’ufficio di Paolo, il direttore, resta sempre chiuso. Possono entrare solo Ezio, direttore artistico, e alcuni giovani che lavorano li da qualche anno. Nessuno sa niente di preciso, ma gira voce che il capo stia preparando qualcosa di grosso. Qualcuno dice di aver sentito parlare di una serie, e c’è chi giura che c’entri qualcosa il papero mascherato.
Personalmente sono più per le ambientazioni retrò e un po’ noir, ma anche questa è affascinante. Se non sapete quale scegliere voglio confondervi ancora di più le idee. Il sipario potrebbe benissimo alzarsi ai nostri giorni, tra gli I-Phone e gli I-Pad che stanno invadendo le nostre vite. E’ un mondo 3.0, per qualcuno che se ne intende, internet ha abbattuto i vecchi muri della lontananza connettendo l’intero globo, tutti possiamo sapere tutto e di tutti.
A dirla così sembra bello, ma c’è sempre il rovescio della medaglia. C’è chi sostiene che anche i pericoli siano aumentati, che tutti siamo spiati e basta saper usare bene un computer per poter ficcare il naso in affari di cui non dovremmo mai venire a conoscenza.
Sono in tanti a dire la loro, schierandosi da una parte o dall’altra. Soprattutto i film, alcuni dei quali fanno un gran rumore.
Max e Fausto appartengono ad una generazione che nel virtuale non c’è nata, ci si è trovata ad un certo punto della vita, e forse proprio per questo sono in grado di giudicarne meglio gli aspetti e le potenzialità, e quindi di poterlo raccontare senza essere faziosi.
Anche loro fanno i fumettisti, anche loro si confrontano, litigano fino a che nasce l’idea di una serie, e anche loro pensano al papero.
Visto? Si fa presto a dire “partire dall’inizio”, ma molte volte non c’è un solo inizio, mentre il finale, quello sì è sempre uno. Può essere sospeso, interpretabile, magari aperto, d’accordo, ma è quello.
Meglio partire dalla fine allora. Paperopoli, appartamento di Arianna Konnery. Un misterioso individuo è alla ricerca di qualcosa, ma viene scoperto dalla proprietaria e messo in fuga. Nell’inseguimento il ladro e Arianna si imbattono in Layla Lay, giornalista di 00 Channel che sembra interessata anch’essa a catturare l’intruso, ma quest’ultimo riesce a fuggire mentre tra le due papere si scatena una colluttazione che porterà Lyla a precipitare nel vuoto.
Poco dopo, nella sede dell’Agenzia (un organo segreto di massima sicurezza) l’agente KK, nome in codice di Arianna, sta discutendo con Doubleduck e altri colleghi dell’accaduto.
All’improvviso sentono un suono provenire dal laboratorio del Dottor Gizmo, scienziato del gruppo, e corrono a vedere. Li dentro si trova Lyla, o meglio quella che per tutti è un cyborg con le sue sembianze mentre la “vera” è in onda sugli schermi televisivi.
Una volta entrati scoprono Paperinik, il vigilante mascherato della città, che cerca di riattivare il cyborg. Scatta immediatamente l’allarme, la sicurezza è stata violata. Il supereroe riesce a colpire KK e Gizmo con un raggio paralizzante del suo scudo, mentre l’altro agente segreto riesce a schivarlo.
Ora sono di fronte, faccia a faccia, ma non può essere, uno dei due non è sicuramente chi dice di essere; entrambi sanno che PK e DD non possono trovarsi nello stesso posto allo stesso momento, perché sono lo stesso papero, Paolino Paperino.
Qui finisce la nostra storia. Qui comincia “Timecrime”.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Misterstudent pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Le Fasi - "Ultima Pagina Special Events" parte da Napoli il 30 marzo 2019

La band partenopea Le Fasi, per festeggiare i suoi 7 anni di attività prima di rinchiudersi in studio e lavorare al nuovo disco, ha lanciato un mini tour dal titolo...

Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future

“Bilancio d'esercizio 2018 tra regole da consolidare e novità future”, questo il titolo del convegno che si terrà venerdì 22 marzo presso il...

L’azienda salernitana torna a mettersi in vetrina dal 19 al 23 gennaio

Con un fitto calendario di eventi che mira a diffondere la cultura del caffè in tutte le sue sfaccettature, Trucillo torna al Sigep, il salone mondiale del dolciario...

D. L. 119/2018 e Legge di Bilancio. Lo scenario Fiscale 2019. Primo convegno sulla Legge di Bilancio a Salerno organizzato dall’ANC

Si terrà domani, venerdì 18, il primo convegno dell’anno 2019 organizzato dall’Associazione Nazionale Commercialisti Salerno che si terrà, alle...

Premiazioni vincitori contest EURE?A: educazione finanziaria e disabilità cognitive. Un salernitano tra i vincitori

Favorire l’autosufficienza economica delle persone affette da lievi disabilita? cognitive: questo è l'obiettivo che si è posto il bando “Eureka”,...

Befana anticipata dell’ANC Salerno per i bambini del “Ruggi” di Salerno

L’epifania arriva in anticipo all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona di Salerno grazie alla solidarietà dell’Associazione Nazionale...

XII edizione Salerno Sport Day. La manifestazione salernitana dedicata agli sport migliori

Come ogni dicembre che si rispetti, anche quest’anno Salernitana Sporting organizza nel pomeriggio di oggi, presso il Grand Hotel Salerno alle ore 17.37, la XII edizione...

Il trap diventa salernitano e si tinge di rosso con “Ferrari”. Nuovo singolo di Frenk

Frenk torna sulla scena musicale con un nuovo brano dal titolo “Ferrari”, un singolo coinvolgente dal sound elettronico e da bpm rallentati, atmosfere dark e...
Contatti

Misterstudent è una testata giornalistica registrata - Registrazione del Tribunale di Salerno n.1910 del 25 ottobre 2011

Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante